Diritto e Fisco | Editoriale

Facebook: cambiare nome per massimo 5 volte. Le vere ragioni del limite

8 Febbraio 2013
Facebook: cambiare nome per massimo 5 volte. Le vere ragioni del limite

L’identità su Facebook può essere cambiata per non più di cinque volte: la scelta del social network però potrebbe anche non essere volta ad evitare profili falsi; l’importanza delle identità digitali per la pubblicità.

Abbiamo scoperto, in qualche strano modo, che Facebook consente di cambiare il proprio nome solo cinque volte.

La motivazione data dal social network nella pagina degli avvertimenti ha, solo a prima vista, una sua logica:

Tutti su Facebook devono utilizzare il loro nome reale. Per impedire alle persone di utilizzare nomi falsi, Facebook limita il numero di volte in cui puoi cambiare il nome indicato nel tuo account. Per maggior informazioni, leggi la Normativa sui nomi di Facebook”.

Il che, in parole povere, significa: “Non ci interessa nulla della vostra privacy e del diritto all’anonimato; su Facebook non devono esistere maschere”.

In verità, c’è davvero poca coerenza in questo.

Se, infatti, solo cinque possono essere le modifiche alla propria identità che l’utente è autorizzato a fare, è presumibile che quattro volte su cinque egli abbia scelto un nome fittizio: con la conseguenza che bisognerebbe ammettere che per ben quattro volte l’utente è stato autorizzato a compiere l’illecito.

Peraltro non è detto che l’ultimo nominativo, il quinto, sia davvero quello vero. La conseguenza potrebbe essere che l’utente si trovi ingabbiato in una identità che non è quella reale.

Dunque, delle due l’una: o si doveva prevedere l’impossibilità di modificare il nome indicato alla prima registrazione, oppure vi è un evidente controsenso in quello che dice Facebook.

Il dubbio che sorge, allora, è che Facebook, nella sua continua attività di vendita dei dati dei propri iscritti per fini pubblicitari, debba anche garantire agli inserzionisti, suoi clienti, l’immodificabilità dei dati stessi.

Come si fa a vendere la pubblicità a persone che ogni giorno cambiano nome, sesso e luogo di nascita? Meglio una sola bugia che mille verità. Ed è forse questa l’unica verità del social network blu e di molte delle sue politiche.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Ho iniziato a leggere l’articolo e ho subito pensato non c’è coerenza in tutto questo, ma nel continuare ho constatato (lo si sapeva già) che Mark è un uomo “eccezionale” e di una furbizia al di là di qualsiasi principio legale! Popolo di facebook arrendetevi ne sa una più del diavolo il nostro Mark Zuckerberg.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube