Diritto e Fisco | Articoli

Autovelox: trucchi e meccanismi per evitare foto e multa

12 Febbraio 2013
Autovelox: trucchi e meccanismi per evitare foto e multa

Sfuggire alle multe degli autovelox: lacca per capelli, domopack, stracci, fango e vari marchingegni. Ecco una rassegna dei trucchi che circolano in rete e delle conseguenze legali per chi li utilizza.

La capacità tecnica, unita alla furbizia, può costare cara: specie se – come nel caso di specie – lo scopo è di evitare le sanzioni previste dal codice della strada.

La polizia stradale ha, di recente, denunciato un uomo di Bolzano per aver montato, sulla propria auto, un meccanismo in grado di rendere illeggibile la targa agli autovelox. In questi casi è bene sapere che scatta il reato di “Soppressione, distruzione e occultamento di atti veri[1]. Infatti, il codice della strada [2] attribuisce alla targa di ciascun veicolo una funzione documentale in quanto ne rappresenta i dati di identificazione (immatricolazione). Chiunque dunque manomette la targa è punito ai sensi del codice penale.

Sono diversi i trucchi che circolano su internet, consigliati per creare una sorta di “invisibilità” della targa ai misuratori elettronici di velocità. Si tratta, ovviamente, di meccanismi illegali che vi sconsigliamo dall’utilizzare. Il rischio è quello di affrontare un processo penale per scampare invece a una sanzione amministrativa! Tuttavia, come semplice nota di colore, ne abbiamo raccolti alcuni, tratti da vari forum.

Ci sono leggende sull’uso di riflettenti come domopack, compack disk e lacca per capelli sulla targa: quest’ultima – stando a quello che si scrive – potrebbe fungere allo scopo solo se l’autovelox è munito di flash (cosa che capita sempre più raramente).

Se la lacca non è ritenuta efficace, vi sono sistemi simili più apprezzati dagli utenti delle strade. Così esistono spray appositi, venduti su internet e pubblicizzati come portentosi (pochi feedback a riguardo).

C’è anche chi “pittura” la targa con una verniciatura lucida e trasparente, che rende impossibile leggerla se fotografata con il flash. Le chiamano “targhe catarifrangenti”: non appena illuminate dalla luce la riflettono creando un effetto-abbaglio che rende poco leggibile la targa.

Alcuni suggeriscono di usare il gel per capelli o, ancor più spesso, il fango. Tuttavia, avere la targa sporca è anch’esso un illecito. Infatti, è indifferente che l’agente abbia agito con dolo o colpa: egli risponde della mancata leggibilità della targa anche solo per non aver prestato la dovuta diligenza alla sua pulizia.

Qualcuno suggerisce, su Yahoo Answers, di “dimenticarsi” uno straccio che penzola sulla targa. Anche questo mezzo, oltre ad essere illegale, è inutile: alla polizia basta avere poche cifre della targa e il modello dell’auto per poter risalire al proprietario.

Un paio di anni fa si trovava su e-Bay una bomboletta che chiamata Photoblocker da spruzzare sulla targa: ovviamente illegale anch’essa.

Si vendono dispositivi in grado di disturbare il segnale di Telelaser o Laser, accecandolo con un particolare flash. Questi si basano sullo stesso principio del misuratore di velocità: hanno una coppia di sensori infrarosso da montare dentro la mascherina dell’automobile e una centralina che va nascosta dentro l’abitacolo.

Non pochi corridori sono stati trovati dalle volanti con vere e proprie targhe false o con targhe contraffatte con l’uso di vernice sui numeri (per esempio: un “3” che diventa un “8”, una “P” che si trasforma in “R”, una “F” in “E”, ecc.). Le conseguenze penali, in questi casi, sono assai serie.

Il miglior modo per evitare grane con tutor e autovelox resta quello di rispettare i limiti, per quanto a volte possano apparire poco sensati.

Ma se proprio avete il vizio del pedale, sappiate che esistono navigatori satellitari che forniscono la localizzazione di diverse postazioni fisse di autovelox lungo strade e autostrade. Essi però non funzionano con le postazioni mobili. Ci si può allora affidare ad alcune applicazioni per smartphone (per esempio, per iPhone c’è iCoyote) che informano il conducente della presenza di autovelox sia fissi che mobili. Le mappature, in questo caso, sono realizzate attraverso le segnalazioni effettuate dagli utenti che attraversano le strade e che le inviano alla community in tempo reale.


note

[1] Art. 490 cod. pen.: “Chiunque, in tutto o in parte, distrugge, sopprime od occulta un atto pubblico o una scrittura privata veri soggiace rispettivamente alle pene stabilite negli articoli 476, 477, 482 e 485, secondo le distinzioni in essi contenute”.

[2] Art. 100 c.d.s.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

25 Commenti

  1. I limiti di velocità sono una violazione della libertà personale: tutti gli incidenti che ho fatto (3 o 4 in 10+ di guida) sono stati tamponamenti a 30, 40 orari. Sull’autostrada a 110 mi distraggo. Se li alzassero almeno a 140, distinguessero tra autostrade a due e tre corsie (si può mettere un limite di velocità di 100 orari su una 3 corsie tutta dritta?!) e smettessero di credere che i limiti servano a qualcosa… Ma che ne parliamo a fare? Questa è solo la più banale delle contraddizioni italiane (mi dispiace apparire qualunquista, ma purtroppo è così: le contraddizioni rovinano questa nazione, e iniziano dalle banalità).

  2. Siamo in Europa,.. come in Germania,.. ma in quest’ultima non ci sono limiti di velocità, al di fuori di qualche tratto più pericoloso.
    Bisogna smetterla di fare cassa con chi viaggia per lavoro

  3. Basta con questi limiti! Ho preso di recente una multa 190 euro piu decurtazione di 3 punti andavo a 61 km anziche 50 in una strada statale e ‘ solo una maniera per fare cassa e’ ridicolo in autostrada non ne parliamo almeno 160 dovrebbe essere il limite massimo stessa multa l anno scorso !!!!

  4. a volte mi trovo a percorre certi stradoni composti da due distinte carreggiate a due corsie più quella d’emergenza per senso di marcia, il cui limite oscilla tra i 90 normale, ed i 60 km/h in prossimità di qualche svincolo/uscita/ingresso (non incrocio. badate bene) ritenuto pericoloso dal gestore della strada,è mi va bene. Mai poi perchè, nell’ambito della stesso comune, una strettissima strada statale, ad unica carreggiata ed unica corsia per senso di marcia (per capirci, quelle strade che quasi ti devi fermare se incroci qualcuno in senso inverso), senza alcun semaforo agli incroci che spuntano dal nulla dalla campagna e con i canaloni sul ciglio dell’asfalto, con limite di 90 km/h. Dire che è ridicolo è un eufemismo.

  5. Vi chiedo se è arrivato il momento di smetterla con questo abuso, è se fosse il caso di raccogliere 500 000 firme per abrogare questa legge fatta forse con spirito di proteggere gli automobilisti, ma utilizzata esclusivamente per incrementare le casse dei comuni qualora ne avessero bisogno. Tutto ciò non è solo un abuso ma è anche un’ offesa alla intelligenza di tutti i conducenti di automobili valutati stupidi e incoscienti da un oggetto inanimato che sa solo controllare se un auto e più o meno veloce di un limito stupidamente imposto.
    Domenico

  6. Vergogna autovelox
    Usati solo per fare quattrini . Vere trappole tese da sciacalli in uniforme .

  7. Quanta ragione hai. E ‘ sotto gli occhi di tutti. La sicurezza delle strade in mano a gentaccia

  8. Se dopo ogni incrocio, svincolo ecc.eccl AUTOVELOX nn è segnalato la multa diventa contestabile .

  9. Ma gli autovelox li devono mettere visibili non nascosti da qualche parte. Che vi interessa della nostra salute o dei soldi, ovviamente dei soldi, ma se veramente volete salvare le vite dovete metterli visibili cosi si va più lenti.

  10. Chi ha fatto le regole di questi limiti di velocità non ha neanche la più piccola idea di quale sia veramente la causa degli incidenti. Certo, se la velocità è elevatissima allora è sicuramente la principale causa, ma spesso si parla di velocità del 10% 20% in più degli assurdi limiti imposti da un codice della strada a dir poco inadeguato. Questi limiti servono solo a fare cassa per pagare stipendi a sedicenti lavoratori che anziché fare un utile lavoro di prevenzione e monitoraggio, si divertono a giocare a nascondino facendo appostamenti agli automobilisti nei punti più assurdi. A mio avviso, la vera causa della maggior parte degli incidenti è quella del non rispetto della vera e propria regola principe del codice della strada. TENERE LA DESTRA. Mettere dei limiti di velocità così bassi significa offendere il normale buon senso o meglio la normale intelligenza e serve solo a sviluppare un’indomabile rabbia verso istituzioni (con la i minuscola) insulse e vessatorie.
    Fino a quando saremo governati da imbecilli ed incapaci, questo paese non uscirà da una crisi prodotta dalla mancanza di onestà morale ed intellettuale ma soprattutto da una lacerante mancanza di buon senso.

  11. E’ verissimo gli autovelox servono a far gonfiare le casse dei comuni e delle provincie.
    Guardate a confronto la polizia stradale che è prepopsta al servizio di autovelox fà pochissime contravvenzion, mentre i comuni e le provincie fanno migliaia di contravvenzioni al giorno, il tutto per fare cassa. Limiti a 30, 50 ridicoli e i rumeni a 200 orari ammazzano le persone senza essere puniti di niente. Troviamo un onorevole che raccolfa le firme per mettere fuori legge queste macchinette e far tornare i vigili e le forze dell’ordine in strada a prevenire e reprimere i reati al C..D.S.

  12. solo per fare cassa una cosa non capisco se prendo un autostrada a pagamento che dicono sia privata questo ripeto non lo so perche dovrei essere multato se vado un po più veloce del normale

  13. Nel comune di GiavenoTO l’altro giorno ho visto una pattuglia dei vigili urbani rilevare le infrazioni sulla velocità con un telelaser piazzato sulla corsia opposta alla corsia di marcia senza cartello di avviso,è legale una cosa del genere?

  14. Senza avviso è illegale. Il cartello deve essere messo prima . La pattuglia sempre visibile. Ma in causa la parola di vigili e poliziotti vale più di più. Con un bel video non possono negare.
    Anche i cartelli fissi non valgono se la pattuglia ,fa autovelox sporadicamente. 2 settimane fa poliziotti senza segnaletica mi hanno fatto il telelaser ad 85kmh limite 50.
    Non avevano cartelli, e mi hanno dato velocità pericolosa. Perché non potevano usare il laser hanno ripiegato su una infrazione inesistente facendo finta fosse collegata alla velocità.
    Ieri il giudice di pace mi ha annullato la multa. Il laser non si utilizza per la velocità pericolosa ma limite di velocità.
    Un mio amico poliziotto mi aveva subito detto che il tutto non era regolare per lui. I poliziotti toglievano con velocità pericolosa più punti , facendo pagare meno soldi di multa, per rendere meno conveniente il ricorso.
    Ma gli è andata male.
    Quel giorno ne hanno fatti fuori di automobilisti, oltre me. Da ex poliziotto mi oppongono a questo modo di far cassa.

  15. adesso ci sono di notte flash su una strada circonvallazione a Palermo con traffico quasi zero limite 50 Km orari, e’ pericoloso per l’incolumita’ personale viaggiare e tenere il limite……si rischia di addormentarsi in macchina ..e questo solo per il sindaco fare cassa e’ assurdo ….posso capire durante il giorno ma di notte se vai a 60 Km orari su una strada quasi deserta ti scatta il flash …….giudicate voi

  16. Purtroppo molte volte ci troviamo in situazioni in cui anziché riparare una strada malridotta e piena di buchi e magagne varie del manto stradale ci si limita ad imporre un limite di velocità ridicolo (10 km/h – 30 km/h): certo, costa meno ma la sicurezza ?
    E poi la scusa è che lo fanno per noi !

  17. contraddico la parabola sullo straccio per coprire alcuni numeri della targa: se passi sotto un velox e per qualunque motivo 1 o piu’ numeri sono illeggibili, la multa è nulla! non te la possono inviare, sia che vadano per tentativi dal modello ecc… in caso il ricorso è vinto! tutt’altra cosa se commetti un atto criminale, allora potrebbero (ma non è certo) che riescono a trovare il colpevole, dipende anche da quanti numeri hanno e se il modello e colore è esattamente certo… cmq ritornando al succo del discorso, è tutta una truffa legalizzata per spennare soldi agli utenti delle strade, con la giustifica della sicurezza….

  18. purtoppo alcuni i autovelox sono posizionati per far cassa , non sono posizionati in punti pericolosi , spesso sono messi in rettilinei senza incroci o in discesa . Tutto per far cassa

  19. Assurdo a 200 metri dal casello autostradale direzione Bologna a Padova alle 5,30 c’èro solo io in marcia …prima di immettersi in autostrada con limite dei 90 subito in decelerazione limite 70 facevo i 77 e per 2 km orari con tolleranza mi appioppano la multa … e questo fa parte della sicurezza stradale? Ma fatemi il piacere e andate a fare le vere violazioni non ste cavolate organizzate!!

  20. La Municipale o i CC dovrebbero evitare gli incidenti mettendosi prima della curva o di un rettilineo a velocità subdola… invece ti aspettano proprio li dove commetti il reato.. !! Segno evidente che non pensano alla sicurezza ma solo a fare cassa.. 🙁

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube