Business | Articoli

Inps: al via la pensione d’inabilità per i malati di amianto

3 Agosto 2017
Inps: al via la pensione d’inabilità per i malati di amianto

La nuova tutela è rivolta alle persone affette da patologie da amianto. Quali sono i requisiti? Come fare domanda?

La legge di Bilancio 2017 [1] aveva stanziato 20 milioni di euro per quest’anno e 30 milioni per gli anni successivi per l’erogazione di pensioni di inabilità a favore di lavoratori che abbiano contratto malattia professionale per esposizione all’amianto: la nuova tutela viene resa operativa dal decreto ministeriale del 31 maggio 2017 [2].

Chi ha diritto alla pensione inabilità amianto?

Ha diritto alla pensione d’inabilità amianto chi è affetto da una patologia professionale a causa dell’esposizione a questo materiale.

È necessario che siano stati versati almeno cinque anni di contributi nell’intera vita lavorativa.

Nello specifico, i destinatari alla pensione di inabilità sono tutti i lavoratori iscritti all’Inps affetti da:

  • mesotelioma pleurico;
  • mesotelioma pericardico;
  • mesotelioma peritoneale;
  • mesotelioma della tunica vaginale del testicolo;
  • carcinoma polmonare;

Per aver diritto alla nuova tutela i lavoratori devono altresì soddisfare i seguenti due requisiti:

  • almeno cinque anni di contributi nell’intera vita lavorativa;
  • riconoscimento di una delle predette patologie da parte dell’Inail o di un’altra pubblica amministrazione competente;
  • l’assoluta e la permanente impossibilità a svolgere qualsiasi attività lavorativa.

Come fare domanda per la pensione d’inabilità amianto

La domanda per avere il riconoscimento della pensione d’inabilità va fatta all’Inps, annualmente, entro il 31 marzo. Per l’anno 2017 il termine è fissato al sessantesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del decreto ministeriale sulla gazzetta ufficiale e quindi entro il 16 settembre.

Le domande sono accolte nei limiti di spesa di euro 20 milioni per il 2017 ed euro 30 milioni all’anno a partire dall’anno 2018. Per verificare il rispetto dei tetti di spesa, anche in via prospettica, l’Inps procede ad apposito monitoraggio e non accoglie più domande una volta raggiunto il tetto.

Cosa succede se l’Inps non ha la disponibilità per pagare la pensione di inabilità amianto?

Nel caso in cui l’inps termini la dotazione finanziaria, viene differito il riconoscimento della pensione d’inabilità. Nella determinazione della «lista di attesa» si terrà conto prioritariamente dell’età anagrafica, dell’anzianità contributiva e, a parità di queste (età e anzianità contributiva), della data di presentazione della domanda.


note

[1] Legge n. 232/2016 art. 1, comma 250.

[2] G.U. n. 166 del 18.07.2017.

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube