Diritto e Fisco | Articoli

Il Papa Ratzingher si dimette

11 febbraio 2013


Il Papa Ratzingher si dimette

> Diritto e Fisco Pubblicato il 11 febbraio 2013



Benedetto XVI non sarà più Papa dal prossimo 28 febbraio: il primo caso nella storia. Un fulmine a ciel sereno, riferisce il decano del Collegio cardinalizio, Angelo Sodano.

Il Papa lascerà il suo pontificato tra poco più di due settimane. Il 28 febbraio prossimo, Ratzinger di dimetterà: è stato lui stesso ad annunciarlo. In latino.

Nella storia della Chiesa, sono cinque i pontefici che hanno abdicato, per scelta o per costrizione: Clemente I, papa Ponziano, Benedetto IX, Celestino V e Gregorio XII. L’ultimo fu appunto Gregorio XII nel 1415.

Cosa succede ora?

Il diritto canonico prevede: “Nel caso che il Romano Pontefice rinunci al suo ufficio, si richiede per la validità che la rinuncia sia fatta liberamente e che venga debitamente manifestata, non si richiede invece che qualcuno la accetti”.

Le parole del Papa sono state proferite durante il concistoro per la canonizzazione dei martiri di Otranto, in cui ha spiegato di sentire il peso dell’incarico di pontefice. Ratzinger ha dichiarato di aver a lungo meditato su questa decisione e di averla presa per il bene della Chiesa.

Tra i motivi addotti da Benedetto XVI vi è l’età che avanza (in latino: la ingravescentem aetatem).

Nell’annunciare in latino la sua decisione di dimettersi, il Papa aveva una voce solenne ma serena, e il volto un po’ stanco.

“Ben consapevole della gravità di questo atto, con piena libertà, dichiaro di rinunciare al ministero di Vescovo di Roma, Successore di San Pietro, a me affidato per mano dei Cardinali il 19 aprile2005”, ha detto Benedetto XVI. “Carissimi Fratelli, vi ringrazio di vero cuore per tutto l’amore e il lavoro con cui avete portato con me il peso del mio ministero, e chiedo perdono per tutti i miei difetti”, ha aggiunto il Papa.

Il Papa ha indicato il 28 febbraio per il termine del pontificato e chiesto che si indica un conclave per l’elezione del successore. La “sede vacante” dopo le dimissioni di Benedetto XVI scatta dalle ore 20.00 del 28 febbraio. Lo ha detto il Papa annunciando ai cardinali la decisione di dimettersi. Dovrà quindi essere convocato un conclave per l’elezione del nuovo Papa.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI