HOME Articoli

Lo sai che? Chi non rispetta l’affido condiviso rischia una sanzione amministrativa

Lo sai che? Pubblicato il 12 febbraio 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 12 febbraio 2013

La mia ex moglie mi impedisce l’esercizio dell’affidamento congiunto su nostro figlio, che il giudice aveva disposto a seguito della separazione. In particolare, la madre prende da sola le decisioni importanti, senza consultarmi e fa di tutto perché io non veda mio figlio. Che sanzioni ci sono in questo caso?

Se sorgono controversie tra i coniugi in merito all’esercizio della potestà genitoriale o delle modalità di affidamento del minore, il giudice ha ampi poteri sanzionatori. Egli può anche condannare il coniuge che sia gravemente inadempiente o che compia atti di pregiudizio per il minore o che ostacoli il diritto dell’altro coniuge allo svolgimento dell’affidamento. La condanna può arrivare a una sanzione amministrativa pecuniaria, che va da un minimo di 75 euro a un massimo di 5.000 euro a favore della Cassa delle ammende [1].

Oltre a ciò, il giudice può:

1) ammonire il genitore inadempiente;

2) disporre il risarcimento dei danni, a carico di uno dei genitori, nei confronti del minore;

3) disporre il risarcimento dei danni, a carico di uno dei genitori, nei confronti dell’altro coniuge.

note

[1] Art. 2, legge n. 54/2006 che ha modificato l’art. 709-bis del codice di procedura civile.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

4 Commenti

  1. Illustre Signora Avvocato Raffaella Mari,

    non Le sembra che nel caso da Lei descritto il giudice abbia un potere più incisivo della sanzione amministrativa e della condanna al risarcimento dei danni e cioè il potere d’affidare in via esclusiva al padre il figlio minore?

    Distinti saluti.

  2. E perchè non parlare di sottrazione di minore e/o di maltrattamento?
    Se lo facesse il padre sarebbe certo…
    Saluti

  3. cominciamo invece ad applicare fedelmente,in attesa del ddl 957,la legge 155,ovvero a smetterla di parlare di genitore collocatario,che non esiste nella legge,e ad applicare il mantenimento diretto..grazie

  4. avevo fatto una domanda
    e risposta alcuna non ho avuto
    e pazienza
    la vita è un esercizio di pazienza
    e ci vuole pazienza per esercitarsi alla pazienza

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI