Diritto e Fisco | Articoli

Chi non rispetta l’affido condiviso rischia una sanzione amministrativa

12 Febbraio 2013 | Autore:
Chi non rispetta l’affido condiviso rischia una sanzione amministrativa

La mia ex moglie mi impedisce l’esercizio dell’affidamento congiunto su nostro figlio, che il giudice aveva disposto a seguito della separazione. In particolare, la madre prende da sola le decisioni importanti, senza consultarmi e fa di tutto perché io non veda mio figlio. Che sanzioni ci sono in questo caso?

Se sorgono controversie tra i coniugi in merito all’esercizio della potestà genitoriale o delle modalità di affidamento del minore, il giudice ha ampi poteri sanzionatori. Egli può anche condannare il coniuge che sia gravemente inadempiente o che compia atti di pregiudizio per il minore o che ostacoli il diritto dell’altro coniuge allo svolgimento dell’affidamento. La condanna può arrivare a una sanzione amministrativa pecuniaria, che va da un minimo di 75 euro a un massimo di 5.000 euro a favore della Cassa delle ammende [1].

Oltre a ciò, il giudice può:

1) ammonire il genitore inadempiente;

2) disporre il risarcimento dei danni, a carico di uno dei genitori, nei confronti del minore;

3) disporre il risarcimento dei danni, a carico di uno dei genitori, nei confronti dell’altro coniuge.


note

[1] Art. 2, legge n. 54/2006 che ha modificato l’art. 709-bis del codice di procedura civile.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

4 Commenti

  1. Illustre Signora Avvocato Raffaella Mari,

    non Le sembra che nel caso da Lei descritto il giudice abbia un potere più incisivo della sanzione amministrativa e della condanna al risarcimento dei danni e cioè il potere d’affidare in via esclusiva al padre il figlio minore?

    Distinti saluti.

  2. E perchè non parlare di sottrazione di minore e/o di maltrattamento?
    Se lo facesse il padre sarebbe certo…
    Saluti

  3. cominciamo invece ad applicare fedelmente,in attesa del ddl 957,la legge 155,ovvero a smetterla di parlare di genitore collocatario,che non esiste nella legge,e ad applicare il mantenimento diretto..grazie

  4. avevo fatto una domanda
    e risposta alcuna non ho avuto
    e pazienza
    la vita è un esercizio di pazienza
    e ci vuole pazienza per esercitarsi alla pazienza

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube