Diritto e Fisco | Articoli

Calcolo 90 giorni notifica multa

24 Settembre 2018
Calcolo 90 giorni notifica multa

Entro quanto tempo una multa deve arrivare a casa dell’automobilista per essere valida?

Hai ricevuto una contravvenzione per violazione del codice della strada o, in termini più spiccioli, una volgare multa per divieto di sosta, per eccesso di velocità o per superamento del varco delle ztl. Qualsiasi sia l’infrazione che hai commesso, non ti è stata contestata immediatamente. Così sei consapevole che il verbale dovrà esserti notificato a casa con la tradizionale raccomandata (oggi anche a mezzo delle poste private). Sai bene che il termine ultimo per la consegna è di 90 giorni ma non sai da quando decorre: se cioè dal giorno in cui hai commesso la violazione oppure da quando la polizia municipale ha formato il verbale nei propri uffici. In più vorresti capire come si effettua il conteggio nel caso in cui il giorno iniziale o quello finale dovesse coincidere con il sabato o la domenica. A fare i conti con i criteri di calcolo dei 90 giorni per la notifica della multa sono state numerose sentenze e, da ultimo, la Cassazione ha fornito un indirizzo ormai pacifico. Di tanto parleremo nelle seguenti righe.

In particolare ti spiegheremo come si calcolano i giorni per la spedizione della multa e come invece quelli per pagare una multa, che poi, in definitiva, si tratta dello stesso conteggio. Come infatti è risaputo, chi paga la multa nei primi cinque giorni dalla consegna del verbale può usufruire di uno sconto del 30%. Se si paga invece nei primi 60 giorni si paga la multa in misura ridotta, che è quella indicata nel bollettino allegato. Infine, se si paga la multa a partire dal 61° giorno in poi l’importo sale ulteriormente (la misura è quella integrale, pari cioè alla metà del massimo della sanzione ossia il quadruplo del minimo); in più ogni sei mesi scattano gli interessi del 10%.

Sapere però come si fa il calcolo dei 90 giorni per la notifica della multa serve anche a capire quando si può contestare: non capita raramente infatti che i verbali arrivino in ritardo, per una svista dell’autorità o per una non corretta interpretazione della legge. In tale ipotesi è ben possibile fare ricorso al giudice entro 30 giorni. E se questo dovesse apparire troppo costoso si può sempre presentare un ricorso al Prefetto (in carta libera ed esente da bolli) entro 60 giorni.

Quanto tempo deve decorrere prima che arrivi una multa?

Il tempo entro cui l’ente accentratore deve spedire la raccomandata con la multa stradale è di 90 giorni. Fa quindi fede il timbro postale e si considera la data di consegna della busta all’ufficio postale e non quella di consegna al destinatario.

Il termine di 90 giorni inizia a decorrere dal giorno in cui il trasgressore ha infranto il codice della strada. Ciò vale anche quando la constatazione della violazione avviene in un momento successivo, come nel caso di accertamento a mezzo di telecamere (si pensi a quelle dell’autovelox, del tutor, delle ztl, del passaggio al semaforo rosso, a quelle per i divieti di sosta). Ad esempio: se il 1° marzo una persona passa col rosso e la polizia analizza la foto solo il 10 aprile, i 90 giorni iniziano a decorrere comunque dal 1° marzo.

Quando l’autorità si vale di strumenti elettronici di controllo, i filmati o gli scatti vengono analizzati dagli agenti alcuni giorni dopo nei rispettivi uffici e lì viene compilato il verbale da spedire al trasgressore. In passato alcuni Comuni (tra cui quello di Milano) hanno giocato sull’equivoco di una non chiara formulazione della legge ritenendo che il termine dei 90 giorni dovesse decorrere dall’accertamento dell’infrazione ossia dal momento della presa visione dei filmati o degli scatti. Questo però implicava la possibilità di spostare in avanti l’inizio del decorso dei 90 giorni a proprio piacimento, senza alcuna garanzia per l’automobilista. I giudici hanno bocciato questa interpretazione stabilendo che i 90 giorni partono sempre dal giorno dell’infrazione. Solo quando si verificano particolari difficoltà nell’identificazione del proprietario dell’auto si può avere una deroga, come nell’ipotesi di targhe straniere. Come si calcolano i 90 giorni per la consegna della multa?

Per verificare se i 90 giorni sono stati rispettati (e quindi se la multa è valida o meno) bisogna iniziare il conteggio dei 90 giorni dalla data di spedizione della raccomandata con la multa e non da quella in cui la stessa è stata ricevuta dall’automobilista. Fa quindi fede il cosiddetto “timbro postale” (che ora non c’è più esistendo una procedura computerizzata con codici a barre) ossia il giorno di consegna della busta all’ufficio postale (poste italiane o altro servizio privato).

Leggi anche Multe e cartelle: vale la data di spedizione o di ricevimento?

Se la multa è stata contestata immediatamente, al momento cioè dell’infrazione, con il vigile che consegna il verbale al trasgressore, i 90 giorni decorrono da tale istante.

In particolare per il conteggio dei 90 giorni, il primo non si calcola, mentre si considera l’ultimo. Ad esempio, se la spedizione viene effettuata il 1 marzo, il primo dei 90 giorni è il 2 marzo. Il 90 giorno si considera nel calcolo. Allo stesso modo si considerano anche tutti i giorni festivi che ricadono all’interno del primo e dell’ultimo giorno.

Come si calcolano i giorni per pagare la multa

A differenza dei 90 giorni necessari per la validità della multa, i giorni per pagare (che, come visto, sono 5 per lo sconto del 30% oppure 60 per il pagamento in misura ridotta) decorrono non più dalla di spedizione della busta ma da quella di ricevimento.  Di tanto abbiamo già parlato in Come si calcolano i giorni per pagare una multa?



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

6 Commenti

  1. Salve in data 17/02/2020 ho preso una multa per cds auto sopra il marciapiede, atto spedito il 19/06/2020 e notificato a casa per messo comunale il 02/07/2020,
    chiedevo se risulta essere decaduto visto superato i termini dei 90 giorni ma in questa fase cè stato il lockdown come devo comportarmi? Grazie in anticipo

    1. Ti consigliamo la lettura dei seguenti articoli:
      -Notifica multa https://www.laleggepertutti.it/300275_notifica-multa
      -Dopo quanto tempo arriva la multa? https://www.laleggepertutti.it/138271_dopo-quanto-tempo-arriva-la-multa
      -Multe stradali: modalità e tempi di notifica https://www.laleggepertutti.it/218487_multe-stradali-modalita-e-tempi-di-notifica
      -Entro quanto tempo può arrivare una multa https://www.laleggepertutti.it/288951_entro-quanto-tempo-puo-arrivare-una-multa
      -Coronavirus: novità sulla notifica delle multe https://www.laleggepertutti.it/377846_coronavirus-novita-sulla-notifica-delle-multe

  2. Buonasera, ho verbale per violazione del cds del 02/06/2019.
    Il verbale è stato consegnato a poste italiane il 29/07/2019. Oggi 29/07/2020 mi è stato notificato tramite messo comunale.
    Ci sono gli estremi per fare il ricorso per mancata notifica nei 90 giorni?

    1. Per maggiori informazioni leggi i nostri articoli sull’argomento:
      -Come verificare la notifica di una multa? https://www.laleggepertutti.it/277131_come-verificare-la-notifica-di-una-multa
      -Dopo quanto tempo arriva la multa? https://www.laleggepertutti.it/138271_dopo-quanto-tempo-arriva-la-multa
      -Come fare ricorso contro una multa https://www.laleggepertutti.it/202107_come-fare-ricorso-contro-una-multa
      -Entro quanto tempo può arrivare una multa https://www.laleggepertutti.it/288951_entro-quanto-tempo-puo-arrivare-una-multa

  3. Buongiorno, ho ricevuto un verbale per sosta in ztl non autorizzata, ma la nostra auto è autorizzata sia al transito che alla sosta in ztl avendo tagliando disabili, solo che avevo parcheggiato sulle strisce blu pagando regolarmente il parcheggio. Abbiamo fatto ricorso e il prefetto non lo ha accettato in quanto dice che il tagliando disabili non era esposto, ma nel verbale non è scritto che il tagliando non era esposto, c’era solo scritto sosta in ztl con veicolo non autorizzato. Ora vorrei fare ricorso al giudice di pace, potrei farlo sulla base che non è menzionato nel verbale che il tagliando non era esposto e il nostro veicolo è autorizzato sia alla sosta che al transito in ztl? Tra l’altro ho notato una cosa, il verbale mi era stato notificato in data 09/01/2020 e avevo fatto ricorso via PEC in data 14/01/2020 alla Polizia Municipale, guardando l’ordinanza del prefetto c’è scritto protocollo procedimento 24/03/2020 (oltre i 60 giorni previsti) e protocollo ordinanza 23/06/2020 (oltre i 120 giorni previsti), a me poi è stato notificato in data 09/09/2020 (quasi 240 giorni dopo il ricorso via PEC), non è fuori dai tempi massimi? Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube