Business | Articoli

Fisco: quanto tempo ho per rispondere ai controlli?

5 Agosto 2017


Fisco: quanto tempo ho per rispondere ai controlli?

> Business Pubblicato il 5 Agosto 2017



Proroga a fine estate per rispondere alle richieste di documentazione per i controlli formali sulle dichiarazioni dei redditi del 2015.

Tregua estiva dall’Agenzia delle Entrate per i contribuenti  che hanno ricevuto le lettere con i risultati dei controlli formali sulle dichiarazioni 2015 e gli avvisi di irregolarità: c’è tempo fino al 2 ottobre. Lo ha comunicato l’Agenzia delle Entrate, ricordando che si tratta delle comunicazioni inviate nei mesi di maggio, giugno e nei primi giorni di luglio:

  • relative a varie tipologie di reddito, per il periodo d’imposta 2013;
  • relative ai dati degli studi di settore presentati dai contribuenti per il triennio 2013-2015.

Ho ricevuto una comunicazione dall’Agenzia delle entrate: cosa devo fare?

Chi ha ricevuto queste comunicazioni da parte dell’Agenzia ha due opzioni:

  • se ritiene corretti i dati riportati nella sua dichiarazione, potrà comunicarlo all’Agenzia entro il 2 ottobre, indicando eventuali elementi, fatti e circostanze non conosciuti dal Fisco, evitando che l’anomalia si traduca in futuro in un avviso di accertamento vero e proprio;
  • se invece riconosce di aver commesso gli errori segnalati dall’Agenzia, può correggerli tramite ravvedimento operoso, regolarizzando cioè in maniera agevolata la propria posizione con sanzioni e interessi ridotti.

Per ulteriori dettagli ti consigliamo di consultare anche il nostro approfondimento Quali sono le tipologie di ravvedimento operoso?

Perché il controllo?

Il controllo formale dell’Agenzia verifica che i dati presenti nel 730 o in Unico corrispondano a quelli delle dichiarazioni presentate da altri soggetti (sostituti d’imposta) o a quelli forniti da enti previdenziali e assistenziali, banche e imprese assicuratrici, quando si tratta di detrazioni. Se emergono difformità tra i dati in possesso dell’Agenzia e quelli indicati dal contribuente, l’Agenzia richiede la documentazione necessaria ad attestare il diritto alla specifica detrazione. Se la documentazione non è valida, oppure in mancanza di risposta, l’Agenzia invia una comunicazione degli esiti del controllo formale e  la richiesta delle somme dovute.

L’Agenzia chiarisce

Chi ha ricevuto una di queste comunicazioni può chiedere chiarimenti rivolgendosi a uno dei Centri di assistenza multicanale (Cam) dell’Agenzia chiamando il numero 848.800.444 da telefono fisso e 06.96668907 da cellulare.

In alternativa, è possibile rivolgersi alla Direzione Provinciale di competenza o ancora a uno degli uffici territoriali della Direzione Provinciale dell’Agenzia delle Entrate.

note

Autore immagine: Pixabay.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA