Diritto e Fisco | Articoli

Reddito di cittadinanza: a chi spetta? I requisiti

19 Gennaio 2019


Reddito di cittadinanza: a chi spetta? I requisiti

> Diritto e Fisco Pubblicato il 19 Gennaio 2019



Condizioni per ottenere l’assegno di 780 euro mensili a persona: anche pensionati e percettori di redditi bassi ne avranno diritto.

Si delinea, giorno dopo giorno, la fascia del reddito di cittadinanza in attesa della legge che, stando alle dichiarazioni del Ministro del Lavoro, dovrebbe essere varata entro marzo 2019. Per mantenere la promessa elettorale si attingerà a piene mani dalla pace fiscale e da un innalzamento del deficit dall’1,6% promesso all’Ue all’1,9%. Con tutte le ricadute in termini di interessi che lo Stato dovrà pagare sul proprio debito pubblico. Come spesso succede quando ci sono lavori in corso è difficile sfuggire alla tentazione di vedere cosa c’è dietro il telo e cosa nascondono le novità. Le vediamo qui di seguito in questa breve scheda dedicata appunto ai requisiti del reddito di cittadinanza: a chi spetta?

A chi finirà il reddito di cittadinanza?

Il reddito di cittadinanza andrà alle persone che vivono con un reddito al di sotto di 780 euro mensili per un totale di 9.360 euro all’anno per un single. La platea è quindi di circa 5milioni di italiani che hanno un Isee non superiore a 9.360 euro. A beneficiare di 780 euro al mese sarà un single in affitto con Isee zero. Se lo stesso single è proprietario di casa, l’importo sarà tagliato di 280 euro. «È un “housing support” sul modello di quello che esiste in altri Paesi europei», spiega il consulente del ministro Luigi Di Maio, Pasquale Tridico (economia del lavoro all’Università Roma Tre). Chi paga il mutuo avrà però diritto a una maggiorazione pari a 150 euro: in pratica, perde 130 euro anziché 280.

Gli altri “paletti” per i beneficiari sono: un valore del patrimonio immobiliare oltre la prima casa entro 30mila euro ed un patrimonio mobiliare (depositi, conti correnti) fino a 6mila euro (per un single), che sale fino a 8-10mila (in base ai componenti del nucleo familiare) .

Leggi anche Reddito di cittadinanza: quando e come presentare la domanda.

Tra le novità dell’ultima’ora c’è la previsione di un massimo 18 mensilità, sotto forma di sgravio, alle imprese che assumono non solo donne, ma anche disoccupati di lungo periodo (oltre i 24 mesi). 

Restano il requisito base per l’accesso (Isee fino a 9.360 euro) e i criteri per l’integrazione al reddito, sempre fino a un massimo di 9.360 euro annui: fino a 30mila euro di capitale immobiliare oltre alla prima casa, patrimonio mobiliare entro i 10mila euro per famiglie con più figli. Maggiorato – novità dell’ultim’ora – di 5mila euro per i disabili. La quota affitto di 300 euro va aggiunta, nel limite di 780 euro per un single, o tolta, se la casa è di proprietà. I coefficienti per stabilire di quanto cresce l’assegno in base al numero dei componenti del nucleo familiare sono fissati a 0,2 in più per ogni adulto e 0,4 in più per ogni minore. Nell’ipotesi estrema di una famiglia di due disoccupati in affitto con quattro figli l’assegno arriverebbe alla cifra record di 18mila euro annui.

A quanto ammonta il reddito di cittadinanza?

Scopo del reddito di cittadinanza è fare in modo che tutti gli aventi diritto abbiano un reddito non inferiore a 9.360 euro annui. Secondo però i consulenti del lavoro, agli italiani finiranno in media solo 500 euro: a tanto ammonta la disponibilità nelle casse dello Stato. L’importo è però tutto da definire per via delle modifiche che si prospettano al decreto in materia. Se però dovesse essere confermato il limite di 500 euro si avrebbe il paradosso che il Reddito di cittadinanza sarà inferiore al Rei attuale. Su questo aspetto leggi l’approfondimento Reddito di cittadinanza: l’importo per ogni famiglia.

Il tetto è considerato per persone single senza lavoro e, quindi, senza altre fonti di reddito. Per i pensionati bisognerà aggiungere in media circa 300 euro (alla pensione minima o a quella sociale). Invece un disoccupato o un lavoratore “povero”, percettori già di una forma minimale di reddito, avrà diritto a 480 euro medi mensili (per raggiungere la cifra di 500 o 780 euro a seconda di ciò che sarà deciso). Qualora, invece, il disoccupato non dovesse risultare percettore di alcun reddito, avrà diritto all’intero assegno di 780 euro. 

I pensionati avranno diritto al reddito di cittadinanza? 

Certamente. Per pensionati, disoccupati e lavoratori poveri il reddito di cittadinanza integrerà altre forme di reddito fino al raggiungimento della soglia di 780 euro, che sale in base al numero dei componenti del nucleo familiare (il reddito aumenta dello 0,20 per ogni componente minorenne e dello 0,40 per ogni componente maggiorenne). 

Come potrà essere speso il reddito di cittadinanza?

Sbaglia chi pensa che il reddito di cittadinanza sia un assegno che potrà spendere per come vorrà. A chiarirlo è Di Maio. Il reddito di cittadinanza, precisa il ministro, sarà erogato su una card, «questo permette la tracciabilità e non permette evasioni o spese immorali». La card, aggiunge il vicepremier «permette di utilizzare questi soldi per la funzione per cui esiste il reddito: assicurare la sopravvivenza minima dell’individuo. È chiaro che per comprare un “gratta e vinci” o le sigarette o dei beni non di prima necessità la card non funziona». L’obiettivo che si dà il governo, sottolinea ancora, è che il reddito sia «speso nelle attività sul suolo italiano perché vogliamo iniettare nell’economia reale 10 miliardi di euro ogni anno, il che significa far ripartire i consumi e la vita delle imprese e dei commercianti».

Leggi sul punto Reddito di cittadinanza solo per i beni di prima necessità.

Requisiti reddituali e patrimoniali per ottenere il reddito di cittadinanza

Per ottenere il reddito di cittadinanza è indispensabile soddisfare le seguenti condizioni personali, reddituali e patrimoniali:

  • essere cittadino italiano;
  • in alternativa, essere cittadino dell’Unione Europea, o suo familiare che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, oppure cittadino di Paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno europeo per soggiornanti di lungo periodo o apolide in possesso di analogo permesso o titolare di protezione internazionale (asilo politico, protezione sussidiaria);
  • risiedere in Italia, in via continuativa, da almeno 10 anni al momento di presentazione della domanda.
  • percepire un reddito inferiore alla soglia di povertà, cioè sotto i 780 euro mensili;
  • possedere un Isee del nucleo familiare inferiore a 9.360 euro;
  • possedere un valore del reddito familiare inferiore a 6 mila euro, per il singolo componente, o a 7.560 euro, in caso di pensione di cittadinanza; l’importo è elevato sino a 9.360 euro per chi paga l’affitto ed è da adeguare col parametro della scala di equivalenza;
  • possedere, oltre alla prima casa, un secondo immobile, che non deve avere un valore superiore a 30mila euro;
  • possedere un patrimonio mobiliare familiare (conti, carte prepagate, titoli, libretti, partecipazioni…) non superiore a 6mila euro; la soglia è incrementata di 2mila euro per ogni componente del nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di 10 mila euro, incrementati di ulteriori mille euro per ogni figlio successivo al secondo; i massimali sono ulteriormente incrementati di 5mila euro per ogni componente con disabilità, come definita a fini Isee, presente nel nucleo;
  • nessun componente del nucleo deve possedere autoveicoli immatricolati da meno di 6 mesi, o con cilindrata superiore a 1.600 cc e motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc, immatricolati nei 2 anni precedenti, navi o imbarcazioni da diporto; sono esclusi i veicoli per disabili

Quali sono i requisiti per avere il reddito di cittadinanza?

Per avere il reddito di cittadinanza, oltre a possedere un reddito non superiore a 780 euro mensili, possedere i requisiti reddituali e patrimoniali elencati ed essere iscritto ai centri per l’impiego, bisogna rispettare le seguenti condizioni:

  1. ricerca attiva di un lavoro (un po’ come succede già con la Naspi);
  2. partecipazione e completamento dei corsi di formazione (anche qui il requisito ricalca l’assegno di disoccupazione);
  3. involontarietà della disoccupazione. 

Su quest’ultimo punto bisogna fare un chiarimento. Ai sensi della normativa sulla Naspi, per come interpretata dall’Inps e dalle altre istituzioni, la disoccupazione si considera involontaria quando deriva da licenziamento e da dimissioni per giusta causa (ad esempio necessitate dal mancato pagamento degli stipendi, dal mobbing, da violenze, ecc.). Nel concetto di licenziamento rientra però anche quello per “giusta causa” ossia determinato da un comportamento di solito doloso del dipendente (ad esempio quando il lavoratore resta a casa senza dare più notizie di sé al datore). Chiaramente un’interpretazione di questo tipo aumenta il rischio di frodi: per farsi licenziare “involontariamente” basta non inviare alcun certificato medico e il gioco è fatto. Questo porrà – così come già pone – sui contribuenti il peso del sostenimento di chi non vuole andare a lavorare. Di tanto abbiamo già parlato in Lo Stato tutela i fannulloni.

Il reddito di cittadinanza andrà solo agli italiani o anche agli immigrati?

Di Maio ha detto che il reddito di cittadinanza sarà dato «solo a italiani che spendono in negozi italiani, residenti in Italia da 10 anni e che prendono un impegno col governo di formazione e riqualificazione». Tuttavia la Corte Costituzionale e la Corte di Cassazione hanno escluso la possibilità che misure di sostegno alla disabilità o alla povertà possano contenere delle discriminazioni. Di tanto abbiamo già parlato in Pensione di invalidità anche per gli stranieri.

Come si riceveranno i soldi del reddito di cittadinanza?

I soldi saranno versati sulla tessera sanitaria con il chip, o su una carta elettronica, non in contante, perché secondo il vicepremier «questi soldi si devono spendere presso gli esercizi commerciali italiani per far crescere l’economia e limitare al massimo le spese fuori dall’Italia», così «avremo un gettito Iva e Pil superiore »

Per quanto tempo si avrà diritto al reddito di cittadinanza?

Una volta riconosciuto il diritto al reddito di cittadinanza, il beneficiario ne godrà per tre anni di seguito salvo dovesse, nel periodo intermedio, perdere i requisiti (nel caso di innalzamento del reddito). Dopo i primi 18 mesi verranno effettuate verifiche periodiche.

Dopo i primi tre anni, se il cittadino mantiene i requisiti, si vedrà rinnovare il reddito di cittadinanza. Diversamente perde il diritto.

Quando si perde il reddito di cittadinanza?

Si perde il diritto al reddito di cittadinanza innanzitutto se si supera, nell’arco del triennio, il limite di reddito di 780 euro. In secondo luogo se si rifiutano almeno tre proposte lavorative “eque”.

Chi è proprietario di una casa avrà diritto al reddito di cittadinanza?

Il reddito di cittadinanza sarà riconosciuto anche ai proprietari di casa, ma in forma ridotta: «Se hai un appartamento e chiedi il reddito di cittadinanza – ha spiegato il vicepremier Luigi Di Maio – ti viene stornato il cosiddetto affitto imputato, quindi dai 780 euro concessi ai redditi “zero” arrivi a circa 400 euro». 

In sostanza si attribuisce all’alloggio di proprietà un valore equivalente alla casa presa in affitto. Chi paga il mutuo, però, ha diritto a una maggiorazione di 150 euro: in questo modo perde 130 euro anzichè 280 al mese.

Si può possedere un secondo immobile, di valore non superiore a 30mila euro.

Chi vuole il reddito di cittadinanza?

Sicuramente il M5S. Il ministro dell’Economia Tria non vuol portare il deficit al di sopra dell’1,6% per cui mira verso una manovra più prudente. Anche Salvini è piuttosto freddo sul reddito di cittadinanza – «non è una nostra priorità» dice – conferma il sostegno leghista alla misura, che è contenuta nel contratto di governo come «reinserimento al lavoro, come aiuto a chi non ce la fa per tornare ad essere libero, produttivo, indipendente».

Il reddito di cittadinanza (780 euro al mese come le pensioni) dovrebbe scattare in presenza di 4 requisiti, vale a dire ricerca attiva del lavoro, il completamento dei percorsi di formazione, l’involontarietà della disoccupazione e un determinato livello di reddito e ricchezza familiare misurata con l’Isee anche tenendo conto degli immobili di proprietà.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

69 Commenti

  1. ma sarebbe più giusto eseguire la differenza della pensione e cioè fino al massimo di €780 su una carta e lasciare libera la pensione;non si riesce a capire quindi come uno che fuma,o altro possa comperare delle cose che con la pensione acquistava,mentre con la carta non acquisterebbe più.-E’ proprio un gran casino.A questo forse i nostri “grandi politici” non ci avevano pensato ?-Cose completamente assurde.

    1. Il fumo non è un bene di prima necessità, così come l’alcol o altre dipendenze. Con quei soldi (presumo) potrai pagare un ipotetico affitto, le utenze: corrente, gas e gestore telefonico; e i beni di prima necessità come: Cibo e bevande (presumo anche visite mediche). Chiaramente non potrai usarli per i giochi d’azzardo, gratta e vinci o giochi che creano dipendenza. Se vivi da solo potrai prelevare un massimo di 100 euro, e con quelle 100 euro potrai fare quello che vuoi (non saranno tracciabili). Se ci sono altri membri nel nucleo familiare, potrai ritirare un massimo di 210 euro. Tutto il resto verrà tracciato per constatare il buon uso della somma di cui avrai diritto. Nota importante: La somma ricevuta non sarà cumulabile con l’importo del mese successivo: Se di quelle 780 euro ne spenderai 500, le 280 euro rimaste non andranno ad accumularsi con le 780 del mese successivo; ripartirai sempre da 780 euro ogni mese (quindi è consigliabile usarli fino all’ultimo per far girare ulteriormente l’economia del paese). Il messaggio reale è che: Quei soldi non sono realmente i nostri, ma serviranno come sostegno primario alla nostra sopravvivenza, dato che ne usufruirà chi non ha un lavoro o non arriva a fine mese pur avendo un minimo di stipendio; ed è giusto che vengano usati nel migliore dei modi e non se ne faccia un uso improprio “spese immorali”.

  2. Quindi se sono disoccupato, senza alcun reddito, praticamente separato e con tre case(2 occupate da genitore/suocera), non ho diritto a nulla!

  3. Quindi se sono disoccupato, senza alcun reddito, praticamente separato e con tre case(2 occupate da genitore/suocera), non ho diritto a nulla!
    P.s.:son disabile al 50%!

  4. Vorrei sapere ecco sono cittadino francese ma vivo e ho la residenza da 14anni in Italia ho diritto al rendito o no?

  5. Se io sono malata e non posso lavorare sono diabetica mi tocca il reddito di cittadinanza e sono senza lavoro

  6. una domanda :

    un single mai stato sposato e residente da 20 anni da solo, età maggiore di 26 anni, senza figli ,con reddito sotto i 2800 Euri annui e CON I GENITORI DIVORZIATI IN VITA riceverà il reddito di cittadinanza?

    Grazie per la risposta e per la spiegazione eventuale.

  7. sono separato abbiamo tutti e due diverse residenze o 2 figli maggiorenni entrambi disoccupati uno a una bimba di circa 5 mesi ma non è sposato x che la ragazza è ancora minorenne e vive con i suoi lui risulta residente insieme alla sorella anche lei disoccupata io non risiedo piu con loro dal mese di novembre la loro mamma da 3 anni a chi di loro tocca ?

    1. Potranno chiedere il reddito di cittadinanza i cittadini maggiorenni che soddisfano le seguenti condizioni:
      -si trovano in stato di disoccupazione o risultano inoccupati (cioè hanno perso il posto o non hanno mai lavorato); coloro che hanno presentato le dimissioni sono esclusi dal reddito per un anno, così come i detenuti ed i ricoverati in una struttura a carico dello Stato;
      -sono cittadini italiani, europei o extracomunitari in possesso di permesso di soggiorno di lungo periodo;
      -sono residenti stabilmente in Italia da almeno 10 anni;
      -percepiscono un reddito di lavoro inferiore alla soglia di povertà, cioè sotto i 780 euro mensili;
      percepiscono una pensione inferiore alla soglia di povertà, pari, come abbiamo detto, a 780 euro mensili;
      -possiedono un Isee del nucleo familiare inferiore a 9.360 euro;
      -possiedono un valore del reddito familiare inferiore a 6 mila euro, per il singolo componente, o a 7.560 euro, in caso di pensione di cittadinanza; l’importo è elevato sino a 9.360 euro per chi paga l’affitto ed è da adeguare col parametro della scala di equivalenza;
      -possiedono al massimo due immobili nel nucleo familiare, ma il secondo immobile non deve avere un valore superiore a 30mila euro;
      -possiedono un patrimonio mobiliare familiare (conti, carte prepagate, titoli, libretti, partecipazioni…) non superiore a 6mila euro; la soglia è incrementata di 2mila euro per ogni componente del nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di 10 mila euro, incrementati di ulteriori mille euro per ogni figlio successivo al secondo; i massimali sono ulteriormente incrementati di 5mila euro per ogni componente con disabilità, come definita a fini Isee, presente nel nucleo;
      -nessun componente del nucleo deve possedere autoveicoli immatricolati nei 6 mesi precedenti, con cilindrata superiore a 1.600 cc e motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc, immatricolati nei 2 anni precedenti, navi o imbarcazioni da diporto; sono esclusi i veicoli per disabili.
      Sarà dunque richiesta la dichiarazione Isee per beneficiare del reddito o della pensione di cittadinanza.
      Per sottoporre il tuo caso specifico agli esperti del nostro network chiedi una consulenza legale o commerciale qui https://www.laleggepertutti.it/richiesta-di-consulenza

  8. Una ex titolare di ditta individuale (cessata da oltre 2 anni) separata con mantenimento dal suo ex per ca 450 EUR e mantenimento per il figlio maggiorenne studente di ca 350 EUR ha diritto al reddito di cittadinanza?

  9. sono una donna paessi europea sto in Italia da 2009 , ho documento di identità italiano 2015, sono dessocupato da 2016 , un monolocale affitto, mi tocca questo soldi?

    1. Possono chiedere il reddito di cittadinanza e la pensione di cittadinanza i cittadini maggiorenni che soddisfano le seguenti condizioni: si trovano in stato di disoccupazione o risultano inoccupati (cioè hanno perso il posto o non hanno mai lavorato); se beneficiari di pensione di cittadinanza, studenti o lavoratori, il requisito non è richiesto; coloro che hanno presentato le dimissioni sono esclusi dal reddito per un anno, così come i detenuti ed i ricoverati in una struttura a carico dello Stato; sono in possesso della cittadinanza italiana o di paesi facenti parte dell’Unione europea, o sono familiari di un titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, o cittadini di Paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo; sono residenti in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi due, considerati al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata dell’erogazione del beneficio, in modo continuativo; percepiscono un reddito di lavoro inferiore alla soglia di povertà, cioè sotto i 780 euro mensili; percepiscono una pensione inferiore alla soglia di povertà, pari, come abbiamo detto, a 780 euro mensili; possiedono un Isee del nucleo familiare inferiore a 9.360 euro; possiedono un valore del reddito familiare inferiore a 6 mila euro, per il singolo componente, o a 7.560 euro, in caso di pensione di cittadinanza; l’importo è elevato sino a 9.360 euro per chi paga l’affitto ed è da adeguare col parametro della scala di equivalenza; possiedono immobili, oltre alla prima casa, per un valore inferiore a 30mila euro; possiedono un patrimonio mobiliare familiare (conti, carte prepagate, titoli, libretti, partecipazioni…) non superiore a 6mila euro; la soglia è incrementata di 2mila euro per ogni componente del nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di 10 mila euro, incrementati di ulteriori mille euro per ogni figlio successivo al secondo; i massimali sono ulteriormente incrementati di 5mila euro per ogni componente con disabilità, come definita a fini Isee, presente nel nucleo; nessun componente del nucleo deve possedere autoveicoli immatricolati da meno di 6 mesi, o con cilindrata superiore a 1.600 cc e motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc, immatricolati nei 2 anni precedenti, navi o imbarcazioni da diporto; sono esclusi i veicoli per disabili; è presente una dichiarazione Isee in corso di validità per il nucleo familiare.

    1. Stefania possono chiedere il reddito di cittadinanza i cittadini maggiorenni che soddisfano le seguenti condizioni: si trovano in stato di disoccupazione o risultano inoccupati (cioè hanno perso il posto o non hanno mai lavorato); coloro che hanno presentato le dimissioni sono esclusi dal reddito per un anno, così come i detenuti ed i ricoverati in una struttura a carico dello Stato; sono in possesso della cittadinanza italiana o di paesi facenti parte dell’Unione europea, o sono familiari di un titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, o cittadini di Paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo; sono residenti in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi due, considerati al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata dell’erogazione del beneficio, in modo continuativo; possiedono un Isee del nucleo familiare in corso di validità, inferiore a 9.360 euro; possiedono un valore del reddito familiare inferiore a 6 mila euro, per il singolo componente, o a 7.560 euro, in caso di pensione di cittadinanza; l’importo è elevato sino a 9.360 euro per chi paga l’affitto ed è da adeguare col parametro della scala di equivalenza; possiedono al massimo due immobili nel nucleo familiare, ma il secondo immobile non deve avere un valore superiore a 30mila euro; possiedono un patrimonio mobiliare familiare (conti, carte prepagate, titoli, libretti, partecipazioni…) non superiore a 6mila euro; la soglia è incrementata di 2mila euro per ogni componente del nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di 10 mila euro, incrementati di ulteriori mille euro per ogni figlio successivo al secondo; i massimali sono ulteriormente incrementati di 5mila euro per ogni componente con disabilità, come definita a fini Isee, presente nel nucleo; nessun componente del nucleo deve possedere autoveicoli immatricolati nei 6 mesi precedenti, o con cilindrata superiore a 1.600 cc e motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc, immatricolati nei 2 anni precedenti, navi o imbarcazioni da diporto; sono esclusi i veicoli adibiti al trasporto di disabili.
      Risulta dunque indispensabile essere in possesso della dichiarazione Isee per beneficiare del reddito o della pensione di cittadinanza.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA