Business | Articoli

Pubblicare un video su YouTube: quanto si guadagna?

17 maggio 2018


Pubblicare un video su YouTube: quanto si guadagna?

> Business Pubblicato il 17 maggio 2018



Creare un canale sulla piattaforma video di Google può portare dei guadagni interessanti. Vediamo i dettagli della professione di youtuber 

Oggi siamo nell’era in cui molti dei lavori tradizionali stanno subendo una profonda crisi e stanno cedendo il passo ad altri fino a qualche anno fa del tutto impensabili che stanno riscontrando molto successo. Sono gli effetti della rete, del web, del nuovo business inaugurato dai social network. Chi poteva immaginare fino a qualche anno fa che la realizzazione di un video e la sua condivisione sul web potessero diventare fonte di guadagno?

Come noto, infatti, ci sono casi in cui alcuni video pubblicati anche per gioco sul web diventano così virali da fare il giro del mondo e in pochi giorni essere visualizzati da milioni di utenti in tutto il globo. Questa attività, che può certamente essere interessante sotto un profilo strettamente antropologico, porta con sé importanti conseguenze anche dal punto di vista economico atteso che un fenomeno di condivisione di massa sul web produce anche la movimentazione di numerosi “quattrini”.

Ma vediamo nel dettaglio come e quanto si guadagna pubblicando un video su YouTube e soprattutto come funziona il sistema per diventare un YouTuber di successo. 

Pubblicare un video su youtube: come funziona?

Prima di rispondere ai quesiti sopra detti, però, è necessario comprendere come funziona il sistema di inserzioni sulla piattaforma Google. Infatti, negli altri ambiti, come ad esempio la carta stampata, sono le persone che decidono quali inserzioni mettere valutando il tipo di contesto e di contenuto. Su YouTube, invece, ogni giorno gli utenti guardano oltre un miliardo di ore di video e sarebbe impossibile per delle persone classificare tutti i contenuti che quotidianamente vengono pubblicati.

Questo lavoro viene svolto dai cosiddetti bot, ovvero dei piccoli robot software che analizzano un video quando viene caricato. In pratica il bot, con un sistema automatico, controlla il titolo, la descrizione, le parole chiave, i commenti, le didascalie e tutte le informazioni utili a catalogare il video messo in rete dall’utente.

Qui entrano in gioco gli inserzionisti, ossia coloro che intendono inserire i propri annunci pubblicitari in corrispondenza dei video. Ciascuno di essi ha delle categorie di video in cui vuole inserire i propri annunci. Gli stessi inserzionisti a loro volta utilizzano dei bot per fare l’offerta a YouTube in modo che inserisca i loro annunci nei video desiderati ed attinenti il più possibile al settore merceologico del prodotto che intendono sponsorizzare. I bot, dunque, hanno il compito di analizzare i video caricati dal punto di vista del contenuto e se risultano idonei vengono catalogati e inseriti nel circuito pubblicitario.

In sostanza la contrattazione tra l’inserzionista e YouTube avviene come in un’asta in cui da una parte c’è il banditore, che è un bot di YouTube e dall’altra ci sono i bot dei vari inserzionisti che fanno le loro offerte. In questo sistema, però, non la spunta l’inserzionista che fa l’offerta più alta, ma quello che farà guadagnare di più YouTube. Infatti, nella scelta tra i bot dei vari inserzionisti, vengono selezionati quelli che faranno guadagnare di più YouTube.

A tutti, infatti, sarà capitato, in occasione della visualizzazione di un video su YouTube, di vedere un contenuto pubblicitario in apertura. Bene, in questi casi se l’annuncio pubblicitario può essere saltato vuol dire che l’inserzionista non paga. Pertanto ai fini del guadagno saranno necessari numerosi click e visualizzazioni. Anche per questo motivo YouTube attraverso i bot tenta di individuare in anticipo un annuncio noioso in relazione al target di pubblico che ci si attende lo visualizzi. In sostanza, niente clic e niente visualizzazioni significano niente soldi per YouTube e per il creatore del video.

Per capire se un annuncio è interessante o noioso, i bot di YouTube non solo analizzano i contenuti del video, ma anche i gusti dell’utente che lo sta visualizzando. Per farlo studiano lo storico delle attività e il tipo di dispositivo utilizzato per cercare di estrapolare altre informazioni come età, sesso, località, interessi e altre informazioni. Ciò avviene attraverso il fenomeno dei cosiddetti cookies di cui abbiamo parlato in Che cosa sono i cookies?. Ragion per cui non tutti vediamo gli stessi annunci pubblicitari in corrispondenza dello stesso contenuto.

Quanto guadagna Youtube da ogni visualizzazione?

Alla luce di quanto abbiamo detto sopra ne deriva che non è possibile avere contezza precisa di quanto YouTube o uno youtuber possa guadagnare dalle visualizzazioni di un video. Ve ne sono alcuni che permettono di guadagnare di più, altri di meno. Tuttavia è possibile fare delle stime in proposito, considerando che una visualizzazione paga in media un quarto di centesimo di dollaro da dividere tra YouTube e il creatore di contenuti. Parlando in cifre più concrete: mille visualizzazioni fruttano 2,5 dollari. Il 45% di questi va a YouTube e il 55% al creatore di contenuti e quindi 1,1 dollari a YouTube e 1,4 dollari al creatore del contenuto. Con un milione di visualizzazioni si guadagnano in media 1400 dollari.

note

Autore immagine: Pixabay.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI