Diritto e Fisco | Articoli

Come compilare la dichiarazione Isee

8 Ottobre 2019 | Autore:
Come compilare la dichiarazione Isee

Come compilare e inviare la dichiarazione Dsu dal sito dell’Inps: Isee ordinario, corrente, università, minorenni, socio-sanitario.

Devi chiedere il reddito di cittadinanza, pagare le tasse universitarie, iscrivere tuo figlio all’asilo o alla mensa scolastica, richiedere un’agevolazione, rateizzare una cartella esattoriale?  Sicuramente sai già che non puoi portare a termine nessuna di queste operazioni senza aver presentato il modello Isee, o meglio la dichiarazione sostitutiva unica Dsu. Questa dichiarazione, infatti, serve  non solo per accedere alle prestazioni di assistenza, come il reddito di cittadinanza appunto, ma per la generalità delle agevolazioni di carattere pubblico.

Nella dichiarazione Isee deve essere indicata una notevole quantità di dati: dalle auto ai conti corrente, dalle carte di credito agli immobili, ogni componente del nucleo familiare è monitorato, attraverso la presentazione di questo modello, a 360 gradi. Tutti i dati riportati nell’Isee, peraltro, sono soggetti a dei rigorosi controlli incrociati, grazie alle banche dati dell’Inps e dell’Agenzia delle Entrate: se devi presentare la dichiarazione, devi dunque armarti di pazienza e reperire i numerosi documenti necessari, in modo da essere sicuro di non aver tralasciato nulla o riportato informazioni sbagliate. Ma come compilare la dichiarazione Isee e dove presentarla? facciamo il punto della situazione.

Che cos’è la dichiarazione Isee?

L’Isee è l’indice della situazione economica equivalente del nucleo familiare. In pratica, è un indicatore che serve a “misurare la ricchezza” della famiglia, prendendo in considerazione patrimonio e redditi, più ulteriori dati rilevanti, di ogni componente.

La dichiarazione Isee, o meglio la Dsu, sigla che sta per dichiarazione sostitutiva unica, è il modello dichiarativo dal quale emerge l’indicatore Isee assieme ad ulteriori indici, come l’indicatore della situazione reddituale Isr e l’indicatore della situazione patrimoniale Isp.

Si può presentare la dichiarazione Isee autonomamente?

Per presentare il modello Isee non è necessario servirsi di un Caf o di un professionista: è possibile difatti compilare e inviare la dichiarazione da sé, utilizzando i servizi online dell’Inps. È sufficiente, a tal fine, procurarsi tutti i dati utili, essere in possesso delle credenziali per accedere al sito web dell’Inps (codice pin dispositivo, identità unica digitale Spid o carta nazionale dei servizi), entrare nel portale web dell’istituto e compilare la dichiarazione online.

Come funziona l’Isee precompilato?

La dichiarazione Isee che è possibile compilare dal sito dell’Inps non è, attualmente, un modello precompilato, come la dichiarazione  dei redditi 730 resa disponibile dall’Agenzia delle entrate, anche se alcuni dati sono precaricati, e altri sono ricavati in automatico dalle banche dati dell’Inps e delle Entrate.

Il vero e proprio modello Isee precompilato sarà disponibile dal 1° gennaio 2020, e dovrà contenere le seguenti informazioni:

  • dati anagrafici;
  • dati relativi ai redditi conseguiti: le informazioni saranno ricavate dalle banche dell’Agenzia delle entrate e dell’Inps; si troverà quanto riportato nelle dichiarazioni dei redditi (730 e modello Redditi) e saranno indicate tutte le prestazioni fornite dall’Inps, come la Naspi e le altre indennità di disoccupazione, o, ancora, il reddito d’inclusione, il reddito e la pensione di cittadinanza;
  • dati relativi alle retribuzioni in essere: lo stipendio normalmente percepito dai lavoratori, in particolare, potrà essere conosciuto in tempo reale grazie alla Co Unilav, la comunicazione obbligatoria inviata dai datori di lavoro, nella quale si deve indicare la retribuzione annua del neoassunto;
  • dati relativi agli immobili posseduti, che si ricaveranno dalle banche dati catastali;
  • dati relativi ai patrimoni mobiliari e finanziari posseduti, come titoli, conti correnti, libretti, carte: saranno disponibili, nel dettaglio, saldi e giacenze medie.

Il contribuente dovrà soltanto compilare eventuali dati mancanti, e verificare e controllare i dati riportati dall’Inps prima di richiedere il rilascio della dichiarazione, che sarà disponibile online in tempo reale.

Che cosa contiene la dichiarazione Isee?

La dichiarazione Isee contiene i redditi prodotti nell’anno di riferimento da tutti i componenti del nucleo familiare ed il patrimonio posseduto da ciascuno, sia immobiliare (case, terreni) che mobiliare (conti correnti, carte di credito, libretti, titoli, auto…). L’Isee, infatti, come abbiamo già detto, è l’indicatore della situazione economica equivalente, un indice che tiene conto non solo di tutti i redditi dei componenti del nucleo familiare, contenuti e non nel modello Redditi o nel 730, ma anche del patrimonio di ciascun familiare (immobili, conti, carte, libretti, auto…) e di ulteriori dati rilevanti (il pagamento di un canone d’affitto, il possesso di disabilità, il diritto a determinati sussidi e agevolazioni…).

Questa dichiarazione, come già osservato, è indispensabile per accedere alle prestazioni sociali e alle agevolazioni pubbliche (dal bonus bebè al Rei, il reddito d’inclusione, dai sussidi del comune alla tariffa agevolata della mensa scolastica). Ogni tipo di prestazione o agevolazione è soggetta poi a dei particolari limiti reddituali e patrimoniali che ne regolano il riconoscimento.

La dichiarazione Isee non è uguale per tutti, ma cambia a seconda della prestazione che si deve chiedere. Ad esempio, per ottenere agevolazioni sulle tasse universitarie si deve presentare l’Isee Università; per richiedere, invece, prestazioni per i disabili si deve presentare l’Isee sociosanitario.

Quali documenti servono per l’Isee?

I documenti necessari alla presentazione della dichiarazione Isee sono molto numerosi, in quanto relativi ai diversi quadri della Dsu: serve, in particolare, la documentazione a supporto dei dati anagrafici, del patrimonio mobiliare, del patrimonio immobiliare, dell’eventuale affitto o mutuo a carico, dell’eventuale condizione di disabilità di uno o più componenti della famiglia, degli eventuali veicoli o imbarcazioni posseduti dai componenti del nucleo, e la documentazione relativa ai redditi prodotti.

Per conoscere, nel dettaglio, tutti i documenti necessari: Isee, quali documenti servono?

Quando scade l’Isee?

La dichiarazione Isee, in passato, aveva validità annuale e scadeva il 15 gennaio di ogni anno.

Dal 2019 il periodo di validità dell’Isee è cambiato:

  • le dichiarazioni Isee presentate dal 1° gennaio al 31 agosto 2019 sono valide dal momento della presentazione sino al 31 dicembre 2019;
  • le dichiarazioni già attestate che recavano data scadenza 31 agosto 2019, sono state aggiornate sul portale con la nuova data di scadenza, il 31 dicembre 2019, come confermato dall’Inps con nota informativa del 20 agosto 2019.

In sintesi, quindi, tutte le Dsu presentate nel corso dell’anno 2019 scadono il 31 dicembre 2019 (ad esempio, una Dsu presentata il 1° agosto 2019 scade il 31 dicembre 2019).

Dal 1° gennaio 2020, tutte le dichiarazioni Isee che saranno rilasciate scadranno il 31 dicembre 2020.

Superata la data di scadenza è necessario presentare una nuova dichiarazione, perché la vecchia non può più essere considerata valida.

Ci sono poi dei casi particolari in cui è possibile presentare una nuova dichiarazione anche se ne esiste già una in corso di validità: si tratta dell’Isee corrente.

Nuova validità Isee dal 2020

In base alle nuove previsioni del ddl di conversione del decreto Crescita, come osservato, la Dsu 2019 sarà valida sino al 31 dicembre 2019.

Per le dichiarazioni presentate dal 1° gennaio 2020, la validità partirà dalla data di presentazione della dichiarazione al 31 dicembre dell’anno stesso.

I redditi saranno aggiornati ai 2 anni precedenti. I patrimoni non saranno più aggiornati al 31 dicembre dell’anno precedente, ma saranno uniformati ai redditi e saranno aggiornati al 2° anno precedente. Sarà possibile un aggiornamento all’annualità precedente, qualora più favorevole per la famiglia, presentando l’Isee corrente, che sarà a breve modificato.

Quali redditi vanno indicati nell’Isee?

Nella dichiarazione Isee, per quanto riguarda il reddito complessivo imponibile ai fini Irpef, si fa riferimento ai redditi relativi al secondo anno solare precedente la presentazione della Dsu , quindi per gli Isee compilati nel 2019 si considerano i redditi anno 2017. Nello specifico:

  • se l’interessato ha presentato la dichiarazione dei redditi relativi al secondo anno solare precedente la presentazione della dichiarazione (quindi per gli Isee compilati nel 2019 si fa riferimento al modello 730/2018 o modello Redditi PF 2018 relativi all’anno d’imposta 2017), il reddito complessivo Irpef non deve essere auto dichiarato: i dati sono recuperati in automatico dall’Inps, interrogando gli archivi dell’Agenzia delle Entrate; eventualmente, nel quadro FC4, si devono dichiarare solo gli ulteriori redditi non compresi nel reddito complessivo Irpef;
  • se l’interessato è esonerato o comunque non ha presentato la dichiarazione dei redditi , deve compilare il quadro FC8 inserendo l’importo del reddito complessivo a fini Irpef, riferito ai redditi relativi al secondo anno solare precedente la presentazione della dichiarazione (per l’Isee compilato nel 2019 si devono considerare, ad esempio,  la Certificazione Unica 2018 redditi 2017, le rendite rivalutate dei fabbricati, altri eventuali redditi imponibili a fini Irpef); l’importo va inserito al rigo “reddito complessivo ai fini Irpef”.

Se l’interessato ha presentato la dichiarazione dei redditi deve compilare il quadro FC4 solo per indicare gli  eventuali ulteriori redditi non compresi nel reddito complessivo a fini Irpef, ossia:

  • redditi soggetti a imposta sostitutiva o a ritenuta a titolo d’imposta ;
  • altri redditi esenti da imposta;
  •  proventi derivanti da attività agricole , svolte anche in forma associata, per le quali sussiste l’obbligo alla presentazione della dichiarazione Iva;
  • prestazioni di assistenza, previdenziali ed indennitarie non soggette ad Irpefe non erogate dall’Inps, ad esclusione di quelle percepite per la condizione di disabilità;
  • redditi fondiari relativi ai beni non affittati soggetti alla disciplina dell’Imu;
  • redditi da lavoro dipendente prestato all’estero, tassati esclusivamente nello stato estero in base alle vigenti convenzioni contro le doppie imposizioni;
  • reddito lordo dichiarato a fini fiscali dai residenti all’estero iscritti all’Aire nel paese di residenza;
  • redditi fondiari di beni situati all’estero non locati soggetti alla disciplina dell’Ivie .

La nuova normativa Isee prevede che anche per questi redditi si faccia riferimento al secondo anno solare precedente la presentazione della dichiarazione Isee , quindi per gli Isee compilati nel 2019 si considerano i redditi anno 2017.

Ai fini Isee i redditi negativi sono da considerarsi con valore zero.

Come si accede alla dichiarazione Isee nel sito dell’Inps?

Se scegli di compilare l’Isee in modo autonomo, senza l’assistenza di un Caf o di un professionista, devi innanzitutto accedere al portale web dell’Inps, nella sezione Servizi per il cittadino. Per accedere devi essere in possesso:

  • del codice pin dispositivo dell’Inps: se manca,puoi chiederlo online, nella sezione del sito Pin online (ricevi subito la prima parte del pin, ed entro una settimana circa la seconda parte; il pin ricevuto, che è ordinario, deve poi essere convertito in dispositivo, inviando un modulo e il documento d’identità al portale web dell’istituto), oppure direttamente presso uno sportello dell’Inps, munendoti dell’apposito modulo di richiesta, del codice fiscale e della carta d’identità (in questo caso, ricevi subito il pin dispositivo);
  • in alternativa, puoi entrare nel sito dell’Inps con l’identità unica digitale Spid che può essere richiesta a uno dei seguenti provider: Tim, Sielte, Poste, Info Cert, Aruba, Namirial;
  • puoi accedere anche con la carta nazionale dei servizi.

Una volta entrato nella sezione dedicata ai servizi per il cittadino devi cliccare sulla voce Isee post-riforma 2015.

A questo punto, accedi a una pagina che contiene diversi riquadri: tra questi deviscegliere “Acquisizione – Compilazione della dichiarazione sostitutiva unica” e cliccare su Inizia acquisizione.

Dovrai poi inserire il tuo codice fiscale, dare il consenso all’utilizzo dei dati personali e, successivamente, inserire i tuoi dati anagrafici. Inseriti questi dati, ti sarà richiesto se vuoi compilare la Dsu Mini (cioè la dichiarazione Isee in forma ridotta) o la Dsu integrale.

Come si compila la dichiarazione Isee nel sito dell’Inps?

Nella maggior parte dei casi, una volta effettuato l’accesso alla maschera di compilazione della dichiarazione Isee online, non devono essere compilati tutti i moduli esistenti della dichiarazione, ma soltanto il modulo MB1 ed il modulo FC1: in questo modo è possibile ottenere la dichiarazione cosiddetta Isee Mini 2019, utilizzabile nella maggior parte dei casi. Nel dettaglio, è possibile compilare la Dsu Mini quando ricorrono tutte le seguenti condizioni:

  • non si intendono richiedere prestazioni per il diritto allo studio universitario;
  • nella famiglia non sono presenti persone disabili o non autosufficienti;
  • nella famiglia non sono presenti figli i cui genitori non sono coniugati tra loro né conviventi;
  • nella famiglia non sono presenti persone esonerate dalla presentazione della dichiarazione dei redditi o per cui gli adempimenti tributari siano sospesi a causa di eventi eccezionali;
  • non si intendono richiedere prestazioni connesse ai corsi di dottorato di ricerca utilizzando un nucleo familiare ristretto.

Di seguito, vediamo l’elenco di tutti i moduli che compongono la dichiarazione Isee, i casi in cui devono essere compilati, i quadri da cui sono composti ed i dati che bisogna inserire.

Dichiarazione Isee Mini

Il modulo MB1, cosiddetto modello Mini, è il modello base che deve essere compilato sempre, qualunque sia la prestazione richiesta, perché contiene i dati relativi al nucleo familiare ed alla casa di abitazione. Nella prima sezione devono essere indicati i componenti della famiglia anagrafica alla data in cui si presenta la dichiarazione.

Sotto i componenti del nucleo, è possibile, eventualmente, barrare la casella corrispondente alle seguenti situazioni, per richiedere le relative agevolazioni:

  • nucleo familiare, in presenza di figli minorenni, in cui entrambi i genitori, o l’unico genitore presente, hanno svolto attività di lavoro o di impresa per almeno sei mesi nell’anno di riferimento dei redditi dichiarati (per il 2019, ad esempio, l’anno di riferimento è il 2017);
  • famiglia composta esclusivamente da un genitore solo con i suoi figli minorenni (nel caso di genitori non conviventi e non coniugati tra loro, bisogna compilare il modulo MB2);
  • famiglia con almeno tre figli (anche maggiorenni) degli stessi genitori, ovvero di uno stesso componente o del suo coniuge.

Nella sezione dedicata alla casa di abitazione del nucleo, bisogna indicare se la casa è di proprietà, in affitto, in comodato, o con una diversa tipologia di possesso; aggiungere gli estremi del contratto di locazione, se presenti. Si deve inoltre indicare la residenza familiare scelta, in caso di coniugi con diversa residenza.

Dichiarazione Isee Università

Se si devono richiedere prestazioni relative al diritto allo studio universitario, come l’agevolazione sulle tasse, deve essere compilato il cosiddetto Iseeu, o Isee universitario, all’interno del modulo MB2.

Il modulo MB2 serve anche per chiedere prestazioni rivolte ai minorenni (Isee minorenni), se i genitori sono non coniugati e non conviventi tra loro. Il modello contiene, difatti, le indicazioni relative alla presenza dei genitori nel nucleo, i dati rilevanti all’autonomia dello studente (è considerato autonomo lo studente che vive per conto proprio, solo se possiede un’adeguata capacità di reddito) e quelli riguardanti i genitori non coniugati e non conviventi.

Dichiarazione Isee minorenni

Per quanto riguarda la compilazione dell’Isee minorenni, bisogna sapere che il genitore non convivente o non coniugato con l’altro genitore e che abbia riconosciuto il figlio si considera facente parte del nucleo familiare, a meno che non si trovi in una delle seguenti situazioni:

  • sposato con persona diversa dall’altro genitore;
  • risulti avere figli con persona diversa dall’altro genitore;
  • obbligato, con provvedimento dell’autorità giudiziaria, al versamento di assegni periodici destinati al mantenimento dei figli;
  • sia stato escluso dalla potestà sui figli o sia stato allontanato dalla residenza familiare;
  • sia stato accertato, in sede giurisdizionale o dalla pubblica autorità competente in materia di servizi sociali, estraneo in termini di rapporti affettivi ed economici.

Se il genitore non convivente è sposato o ha figli con un’altra persona (avendo quindi formato un altro nucleo familiare) l’Isee minorenni tiene conto della sua situazione economica, considerando, però, la scala di equivalenza dell’altro nucleo, integrando l’Isee del nucleo del figlio minorenne con una componente aggiuntiva.

Nelle altre ipotesi, il genitore non rientra nella famiglia del figlio e quindi non rientra nel calcolo dell’Isee minorenni, pertanto basta presentare l’Isee ordinario.

Nuovo mini Isee corrente

Il decreto Crescita prevede anche la possibilità di aggiornare l’Isee in corso di validità se:

  • varia la situazione lavorativa di un componente del nucleo;
  • variano i redditi in misura superiore al 25% rispetto a quelli dichiarati;
  • oppure eventuali trattamenti assistenziali, previdenziali e indennitari, compreso il reddito di cittadinanza, sono interrotti.

Il mini Isee corrente non è ancora operativo, in quanto occorre l’approvazione di un nuovo modulo sostitutivo della Dsu.

Leggi la nostra breve guida per sapere come funziona oggi l’Isee corrente.

Chi è disabile ai fini Isee?

Viene considerato disabile ai fini Isee chi soddisfa le condizioni indicate nell’Allegato 3 al decreto Isee [1]: il decreto, in particolare, differenzia le persone con disabilità media dalle persone con disabilità grave e dai non autosufficienti. Vediamo chi rientra nelle definizioni, in base alla tabella sottostante.

Categorie
Disabilità Media
Disabilità Grave
Non autosufficienza
Invalidi civili di età compresa tra 18 e 67 anni – Invalidi 67-99% – Inabili totali – Cittadini di età compresa tra 18 e 67 anni con diritto all’indennità di accompagnamento
Invalidi civili minori di età – Minori di età con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni propri della loro età (diritto all’indennità di frequenza) – Minori di età con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età e in cui ricorrano le condizioni di cui alla L. 449/1997, art. 8 o della L. 388/2000, art. 30 Minori di età con diritto all’indennità di accompagnamento
Invalidi civili Over 65 (dal 2019 over 67) – Over 67 con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni propri della loro età, invalidi 67-99% – Over 67 con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni propri della loro età, inabili 100% ( – Cittadini Over 67 con diritto all’indennità di accompagnamento
Ciechi civili – Art 4 L. 138/2001 – Ciechi civili parziali – Ciechi civili assoluti
Sordi civili – Invalidi Civili con cofosi esclusi dalla fornitura protesica – Sordi pre-linguali
INPS – Invalidi (L. 222/84, artt. 1 e 6 – D.Lgs. 503/92, art. 1, comma 8) – Inabili (L. 222/84, artt. 2, 6 e 8) – Inabili con diritto all’assegno per l’assistenza personale e continuativa
INAIL – Invalidi sul lavoro 50-79%- Invalidi sul lavoro 35-59% – Invalidi sul lavoro 80-100%- Invalidi sul lavoro -59% – Invalidi sul lavoro con diritto all’assegno per l’assistenza personale e continuativa
INPS gestione ex INPDAP – Inabili alle mansioni – Inabili (L. 274/1991, art. 13 – L. 335/95, art. 2)
Trattamenti di privilegio ordinari e di guerra – Invalidi con minorazioni globalmente ascritte alla terza ed alla seconda categoria Tab. A DPR 834/81 – Invalidi con minorazioni globalmente ascritte alla prima categoria Tab. A DPR 834/81 – Invalidi con diritto all’assegno di superinvalidità
Handicap – Art 3 comma 3 L.104/92: handicap in situazione di gravità

Dichiarazione Isee socio-sanitario

L’Isee socio-sanitario, nella dichiarazione il modulo MB3, va compilato solo se si devono richiedere prestazioni di natura sociale e sanitaria, come la degenza o il ricovero in determinate strutture, se devono essere richieste prestazioni di assistenza domiciliare, bonus per acquisti ed altri servizi a favore dei disabili. Le prestazioni possono essere richieste per il dichiarante o per un suo parente non autosufficiente.

Per ricevere queste prestazioni, è necessario che nella famiglia sia presente un disabile (invalido, portatore di handicap, non autosufficiente, come definito nella tabella precedente), la cui condizione di svantaggio sia certificata.

Per queste prestazioni può essere indicato un nucleo familiare ristretto, composto dal beneficiario della prestazione, dal coniuge, dai figli minorenni e dai figli maggiorenni (che vanno inclusi solo se fiscalmente a carico e se non coniugati e senza figli).

Come inserire il nucleo familiare ristretto nell’Isee?

Chi vuole far riferimento, nella dichiarazione Isee, a un nucleo familiare ristretto, composto solo da coniugefigli richiedente, in caso di prestazioni socio-sanitarie o di prestazioni collegate a corsi di dottorato di ricerca, non deve compilare il modulo MB1, ma il modulo MB1 rid.

Nucleo familiare Isee: chi va indicato?

Ai fini della dichiarazione Isee non sempre la composizione del nucleo familiare coincide con la famiglia anagrafica. Normalmente, per la dichiarazione Isee la famiglia è considerata composta dal dichiarante, dai componenti della famiglia anagrafica e dai soggetti fiscalmente a carico, anche se non conviventi.

Le situazioni che possono verificarsi, comunque, sono diverse; riportiamo qui le più comuni:

  • genitori conviventi e non sposati: in questo caso, si considerano parte di un unico nucleo familiare; il genitore dichiarante deve indicare il convivente nell’Isee come “altra persona nel nucleo”;
  • genitori non sposati né conviventi: in questo caso, pur non facendo parte della stessa famiglia anagrafica, il genitore che non convive deve essere inserito nello stesso nucleo ai fini Isee, a meno che:
    • risulti sposato con una persona diversa dall’altro genitore;
    • risulti avere figli con una persona diversa dall’altro genitore;
    • sia obbligato, con provvedimento dell’autorità giudiziaria, al versamento di assegni periodici destinati al mantenimento dei figli;
    • sia stato escluso dalla potestà sui figli o sia stato allontanato dalla residenza familiare;
    • sia stato accertato, in sede giurisdizionale o dalla pubblica autorità competente in materia di servizi sociali, estraneo in termini di rapporti affettivi ed economici;
    • se il genitore non convivente è sposato o ha figli con un’altra persona (avendo quindi formato un altro nucleo familiare), bisogna presentare un modulo particolare nella dichiarazione Dsu, l’Isee minorenni, che tiene conto della sua situazione economica, considerando, però, la scala di equivalenza dell’altro nucleo, integrando l’Isee del nucleo del figlio minorenne con una componente aggiuntiva; nelle altre ipotesi, il genitore non rientra nella famiglia del figlio e quindi non rientra nel calcolo dell’Isee minorenni, pertanto basta presentare l’Isee ordinario;
  • coniugi che vivono in una diversa residenza: marito e moglie sono comunque considerati facenti parte dello stesso nucleo, anche se risultano in una diversa famiglia anagrafica, poiché non risiedono nello stesso posto; devono prendere, come riferimento per l’Isee, la famiglia anagrafica di uno dei due, di comune accordo, oppure l’ultima residenza avuta in comune;
  • coniugi separati ma conviventi: valgono le stesse regole dei conviventi non sposati;
  • coniugi separati e non conviventi: se separati legalmente, e non di fatto, marito e moglie non fanno più parte dello stesso nucleo.
  • figli che convivono con i nonni: se sono fiscalmente a carico dei genitori, i figli faranno parte del nucleo dei genitori; se non a carico del padre o della madre, entrano nel nucleo familiare dei nonni;
  • figli maggiorenni non conviventi con i genitori e a loro carico ai fini Irpef: se non sono coniugati e non hanno figli, fanno parte del nucleo familiare dei genitori; nel caso i genitori appartengano a nuclei familiari distinti, i figli maggiorenni, se a carico di entrambi, fanno parte del nucleo familiare di uno dei genitori, a loro scelta.

Dal 29 gennaio 2019, data di entrata in vigore del decreto sul reddito di cittadinanza, sono cambiate alcune regole:

  • i coniugi separati o divorziati fanno parte dello stesso nucleo familiare Isee, qualora continuino a risiedere nella stessa abitazione;
  • il figlio maggiorenne non convivente con i genitori fa parte del nucleo familiare dei genitori esclusivamente quando è di età inferiore a 26 anni, è nella condizione di essere a loro carico a fini Irpef, non è coniugato e non ha figli.

Come si compila il modulo Isee con i dati del nucleo familiare?

I dati di ciascun componente della famiglia sono contenuti nel modulo FC1, che va sempre compilato, per tutte le tipologie di prestazioni. Per ogni familiare deve essere, in particolare, indicata l’attività svolta tra le seguenti:

  • lavoro dipendente a tempo indeterminato;
  • lavoro dipendente a tempo determinato o con contratto di apprendistato;
  • lavoro con contratto di somministrazione (“interinale”);
  • lavoratore o disoccupato con sostegno al reddito (cassa integrazione ordinaria, straordinaria o in deroga, contratti di solidarietà; lavori socialmente utili; mobilità, Aspi, etc.);
  • lavoro parasubordinato (collaborazione a progetto o cococo);
  • lavoro accessorio (voucher), occasionale, tirocini, stages;
  • lavoratore autonomo, libero professionista, imprenditore;
  • non occupato;
  • pensionato;
  • casalingo.

All’interno del Modulo FC1 bisogna poi compilare i quadri elencati:

  • quadro FC2: in questo quadro si devono inserire i dati rilevanti del patrimonio mobiliare di ogni familiare (conti correnti, carte di credito, libretti, depositi, titoli: a seconda dello strumento posseduto, bisogna indicare il saldo o la giacenza media, in alcuni casi entrambi, come per il conto corrente);
  • quadro FC3: è necessario completarlo con i dati relativi al patrimonio immobiliare posseduto da ciascun familiare (case e terreni);
  • quadro FC4: per ogni familiare si deve indicare il possesso di redditi non rilevabili dalle banche dati dell’Inps e dell’Agenzia delle Entrate (ad esempio redditi prodotti all’estero, esenti, soggetti ad imposta sostitutiva);
  • quadro FC5: in questa sezione è necessario indicare le eventuali informazioni relative gli assegni periodici corrisposti al coniuge o ai figli, o percepiti dal coniuge;
  • quadro FC6: occorre indicare la targa dei veicoli posseduti da ogni familiare (auto, moto, navi o imbarcazioni).

Come si compila il modulo Isee con i dati dei disabili?

Il modulo FC2, composto dal quadro FC7, si deve compilare in caso di presenza di disabili o di persone non autosufficienti all’interno del nucleo familiare. È necessario che sia precisato il grado di disabilità o la non autosufficienza del familiare, se riceve prestazioni sanitarie residenziali e le spese per i servizi alla persona.

Come si fa la dichiarazione Isee integrativa?

Il cosiddetto Isee integrativo si trova, invece, nel quadro FC8, all’interno del modulo FC ed occorre compilarlo solo se:

  • si deve integrare una dichiarazione già presentata;
  • si devono correggere i dati utilizzati dall’Inps per il calcolo dell’Isee, precedentemente non auto-dichiarati e rilevati negli archivi dell’Agenzia delle entrate o dell’Inps.

Per approfondire: Isee sbagliato, si può rifare?

Quando si deve compilare la componente aggiuntiva dell’Isee?

Se occorre il calcolo della cosiddetta componente aggiuntiva del nucleo familiare, deve essere presentato il modulo FC4, composto dal quadro FC9; la compilazione è necessaria nell’ipotesi in cui i genitori non siano coniugati e conviventi tra loro, in caso di:

  • prestazioni relative al diritto allo studio universitario;
  • prestazioni rivolte ai minorenni;
  • prestazioni socio-sanitarie residenziali.

Quando è pronta l’attestazione Isee?

Una volta compilati tutti i moduli ed inviata la dichiarazione Isee all’Inps, non è possibile consegnare subito il modello Isee all’ente che l’ha richiesto, perché la procedura non è ancora stata completata del tutto. Difatti, l’Inps:

  • entro 4 giorni, acquisisce i dati dell’anagrafe tributaria, all’interno del sistema informativo Isee;
  • entro il 2° giorno lavorativo successivo, calcola l’Isee e lo mette a tua disposizione.

La procedura è comunque più breve rispetto all’acquisizione della dichiarazione tramite Caf o patronato, perché l’invio all’Inps è immediato, senza intermediari. Il cittadino quindi, dopo aver ricevuto la certificazione Isee potrà presentare la domanda all’ente interessato per ricevere le prestazioni o le agevolazioni a cui ha diritto.

Che cosa fare se ci sono errori nell’Isee?

Se ci si accorge di aver sbagliato la compilazione dell’Isee, oppure se sono sbagliati i dati presenti negli archivi dell’Agenzia delle Entrate e/o dell’Inps, bisogna richiedere immediatamente la rettifica della dichiarazione utilizzando il modulo integrativo FC3, quadro FC8 (il cosiddetto Isee integrativo), che va compilato nella sezione II con i dati corretti.

Trascorsi 10 giorni dalla ricezione dell’attestazione da parte dell’Inps, non è più possibile ricorrere all’Isee integrativo.

Se ci si accorge che la dichiarazione Isee presentata da tempo, validata dall’Inps e senza segnalazioni, presenta degli errori o delle dimenticanze, si può comunque presentare una nuova dichiarazione Isee recante le variazioni, anche se esiste già un Isee in corso di validità.

Per approfondire: Errori Isee, come rimediare.

Che cosa fare se l’Inps non convalida l’Isee?

Se, dopo 15 giorni lavorativi dalla presentazione della dichiarazione Isee l’Inps non l’ha ancora convalidata, si può utilizzare lo stesso modello integrativo (quadro FC8, sezione II), per indicare i dati che devono essere compilati dall’Agenzia delle Entrate e dall’istituto.

Qual è il limite Isee per il reddito di cittadinanza?

Il reddito e la pensione di cittadinanza, ossia i sussidi per i cittadini in situazione di difficoltà economiche, possono essere riconosciuti se l’Isee del nucleo familiare non supera 9.360 euro, da aumentare in base al valore della scala di equivalenza del nucleo, sino a un massimo di 20.592 euro (in caso di famiglia numerosa con uno o più componenti disabili gravi, quindi con scala di equivalenza pari a 2,2, il valore più elevato in assoluto).

La scala di equivalenza, per un nucleo con un solo componente, è pari a 1, e sono aggiunti:

  • 0,4 punti per ogni adulto del nucleo;
  • 0,2 punti per ogni minorenne;
  •  sino a un massimo di 2,1, o di 2,2 se nella famiglia è presente un componente disabile grave o non autosufficiente.

note

[1] All. 3 D.P.C.M. n. 159/2013.


6 Commenti

    1. Laura è indispensabile essere in possesso della dichiarazione Isee per beneficiare del reddito o della pensione di cittadinanza.

    2. Esatto, l’Isee non può superare 9.360 euro ai fini del reddito di cittadinanza. Inoltre la soglia di reddito familiare non può superare:
      – 6mila euro annui, per il reddito di cittadinanza;
      – 7560 euro annui, per la pensione di cittadinanza.
      Le soglie sono aumentate di 0,4 punti per ogni componente del nucleo maggiorenne e di 0,2 punti per ogni componente minorenne.
      Per approfondire ti consigliamo di leggere la guida completa al reddito di cittadinanza:
      https://www.laleggepertutti.it/238893_reddito-di-cittadinanza-2019

  1. In pratica, due persone che percepiscono lo stesso stipendio ma uno a fine mese l’ha speso tutto al ristorante e l’altro ha mangiato il piatto di pasta a casa sua rimanendo in banca ciò che ha risparmiato, quindi quello che ha speso tutto risulta nullatenente e accede alle agevolazioni previste invece l’altro che ha risparmiato no. Vi sembra giusto?

Rispondi a Salvatore randazzo Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA