Business | Articoli

No studi di settore all’impresa in perdita per non licenziare

5 Settembre 2013


No studi di settore all’impresa in perdita per non licenziare

> Business Pubblicato il 5 Settembre 2013



L’attività gestita in perdita, ma solo per evitare i licenziamenti, nella speranza di una ripresa economica, non è indice di ricavi non dichiarati.

Non perché l’azienda produce in perdita è legittimo l’accertamento fiscale nei suoi confronti. Lo scostamento dei redditi d’impresa dagli studi di settore non è, infatti, un motivo sufficiente per avviare l’accertamento fiscale, sulla presunzione che l’imprenditore stia nascondendo al fisco ricavi in nero. Ben potrebbe essere, infatti, che l’attività venga ugualmente portata avanti, nonostante i buchi in bilancio, al solo fine di evitare i licenziamenti, nella speranza di tempi migliori.

È quanto emerge da una recente sentenza del TAR Lombardia. Secondo i giudici, l’accertamento fiscale in base agli studi di settore va annullato anche se la condotta dell’imprenditore sembra incomprensibile perché, anziché chiudere, tiene in piedi l’azienda con tutte le perdite. Il solo dato negativo dell’andamento economico non è da solo sufficiente a giustificare un accertamento dell’Agenzia delle Entrate, messa in allarme dagli studi di settore.

Al contrario, per poter desumere l’esistenza di attività non dichiarate, oltre al discostamento dagli studi di settore, servono ulteriori elementi di prova, elementi che, per legge, devono essere gravi, precisi e concordanti.

La vicenda

Dopo un anno di gestione positiva, un’impresa aveva cominciato a chiudere i bilanci in perdita, discostandosi così dagli studi di settore. Secondo l’amministrazione finanziaria, il fatto che l’amministratore non avesse chiuso l’attività era indice di ricavi in nero. Invece, in giudizio, l’imprenditore ha dimostrato di avere sei dipendenti e di non poter ricorrere alla cassa integrazione: era costretto, dunque, a tenerli tutti in servizio, nella speranza di una ripresa economica: ecco spiegato – dice – lo scostamento dagli indici degli studi di settore.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI