Business | Articoli

Ciclovie: la Calabria investe 150 milioni

16 Agosto 2017


Ciclovie: la Calabria investe 150 milioni

> Business Pubblicato il 16 Agosto 2017



La pista ciclabile della Magna Grecia inserita nel piano nazionale delle dieci ciclovie italiane. E non è il solo progetto in itinere…

In collaborazione con Basilicata e Sicilia, la Calabria progetta la pista ciclabile della Magna Grecia, la più grande d’Europa. La ciclovia andrà da Rocca Imperiale a Reggio Calabria, sul versante ionico, e da lì risalendo sul Tirreno fino a Tortora, aggregando Metaponto e Maratea: un tracciato di mille chilometri, da Lagonegro a Pachino. Con il Def 2017 è stato approvato, su proposta del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, l’allegato dal titolo «Connettere l’Italia: fabbisogni e progetti infrastrutturali» che individua i fabbisogni infrastrutturali al 2030. Nel capitolo relativo agli interventi prioritari figurano le ciclovie nazionali (leggi anche Ciclovie turistiche nazionali: progetto al via, cosa sono, dove sono? e  Concessione gratuita strutture abbandonate: bando del Demanio) dove sono stati stanziati complessivamente 370 milioni di euro che, con il cofinanziamento delle Regioni superano i 700 milioni. La Calabria ne ha preventivati almeno 150 per la ciclovia Magna Grecia che sarà una delle dieci nazionali.

Ciclovie: altri progetti calabresi

Ma il circuito della Magna Grecia non è l’unica iniziativa calabrese destinata ai ciclisti.

Una pista sulla dorsale appenninica con sbocco sullo Stretto entro il 2020 collegherà i tre parchi nazionali (Pollino, Sila, Aspromonte, passando per le Serre). Il progetto comporterà un investimento di 10 milioni di euro.

Anche l’Università della Calabria con Bicyclescapes investe sulle due ruote. Il progetto (di cui è autrice la d.ssa Eleonora Sarlo, promettente neolaureata in ingegneria) prevede la realizzazione di un circuito principale, cui si affiancano percorsi sulla costa tirrenica e jonica e itinerari trasversali. Per realizzare il progetto si è deciso di sfruttare per quanto possibile le tratte abbandonate delle ex Ferrovie Calabro Lucane e le strade locali meno trafficate attraversando i numerosi parchi naturali dell’interno della Calabria, oltre alle famose coste e spiagge.

La bicicletta, dunque, diventa anche in Calabria un mezzo di trasporto a tutti gli effetti (intelligente ed ecologico), capace di creare un nuovo modello di sviluppo. Non vi resta che inforcarla e… pedalare.

note

Autore immagine: Pixabay.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA