Business | Articoli

Meadow: l’Amazon della marijuana

18 Agosto 2017
Meadow: l’Amazon della marijuana

La startup americana che consegna marijuana punta alla gestione completa degli ordini: ora vale due milioni di dollari.

I benefici terapeutici della marijuana sono universalmente noti e molti hanno deciso da tempo di investire sulla cannabis per garantire un servizio rapido ed efficace a quanti ne fanno uso. Infatti la legalizzazione dell’erba per fini terapeutici o ricreativi è in continuo aumento negli Stati Uniti: in California, Nevada, Maine e Massachusetts è divenuta legale anche per scopi estranei alla salute; in Florida, Arkansas, Montana e North Dakota solo per finalità mediche. Questi otto Stati si sono aggiunti a Colorado, Stato di Washington, Oregon, Alaska e Washington D.C. che hanno in precedenza approvato misure simili. È l’inizio della corsa all’oro verde che l’anno scorso ha fatto segnare un giro d’affari da 6,7 miliardi di dollari. Trascinandosi dietro la sua dimensione online. Da tutto questo nasce la startup Meadow, che letteralmente significa «prato» e si è specializzata nel supporto a 360 gradi a questo mercato emergente: possibilità di ordinare online e da mobile, farsi visitare in videochiamata da un medico per ottenere una prescrizione digitale della sostanza, gestire i resi e gli sconti, analizzare visite e un programma fedeltà ad hoc.

La crescita del mercato legale

Meadow sta costruendo, al contrario del concorrente Eaze che si è concentrata sulle consegne, l’infrastruttura che serve al mercato e che presto spera di lanciare in altri Stati. Non solo la gestione di ordini e magazzini ma anche gli strumenti per incorporare menu e altri servizi nei siti dei dispensari medicinali fino al registratore di cassa intelligente, nient’altro che un tablet equipaggiato con i software giusti.

Il mercato è più che florido: le vendite legali di marijuana hanno superato i 5 miliardi di dollari nel solo 2016, e sono destinate a incrementarsi. Il guadagno generato dalla vendita legale della marijuana possa rappresentare un ulteriore e valido argomento a sostegno della lotta per la definitiva legalizzazione della cannabis a livello globale e, d’altronde, la prosperità del mercato legale della marijuana non è più un segreto per nessuno.


note

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube