Tech | Articoli

Reti WiFi 2,4 GHz e 5 GHz: quali differenze

21 Ottobre 2018


Reti WiFi 2,4 GHz e 5 GHz: quali differenze

> Tech Pubblicato il 21 Ottobre 2018



Come distinguere le reti WiFi 2,4 GHz da quelle a 5 GHz. Quali sono le loro differenze e come puoi riconoscerle senza possedere conoscenze approfondite di elettronica.

Hai sempre sentito parlare di reti WiFi e, anzi, le utilizzi ogni giorno, ma vorresti sapere reti WiFi 2,4 GHz e 5 GHz: quali differenze. Vedremo, in questo articolo, di chiarire quali sono le loro caratteristiche e qual è quella da preferire nelle varie condizioni e per le diverse esigenze. Non soltanto nel tuo appartamento, ma anche quando passeggi per le strade della tua città, sul tuo luogo di lavoro o quando sei seduto nel tuo bar per l’aperitivo, il tuo smartphone ti segnala che sono presenti reti WiFi a cui collegarti. Hai, senz’altro, notato come esse, negli ultimi tempi, siano aumentate di numero in modo notevole. Quando acquisti un modem, poi, ti si pone impellente il problema della scelta tra le due ampiezze di banda. Inizialmente, esisteva soltanto la banda a 2,4 GHz. In seguito, è stata introdotta la banda a 5 GHz per risolvere il problema del sovraffollamento delle reti.

Che cos’è una rete WiFi?

Una rete WiFi è una tecnologia che consente il trasferimento di dati tra dispositivi senza che essi siano collegati tramite fili o qualsiasi altra connessione fisica. In una rete, oltre alla sorgente che è il modem o il router, sono presenti tanti punti d’accesso, detti hot spot, e ciascuno di essi ritrasmette un segnale wireless che copre dai 50 ai 100 m e che può essere ulteriormente amplificato dai ripetitori. Le due frequenze usate sono appunto quella a 2,4 GHz e quella a 5 GHz. La prima ha 14 canali e la seconda ne possiede 23. Se paragoni le reti a strade, puoi considerare ciascuna delle due reti come una superstrada e i canali ne costituiscono le corsie.

Il flusso dei dati scorre in ogni corsia, ma, non essendo esse dei compartimenti stagni, può facilmente spostarsi nelle corsie adiacenti, influenzandone lo scorrimento ed essendone a sua volta influenzato. Ecco il motivo per cui si presentano rallentamenti e, purtroppo, a volte, blocchi improvvisi, con perdita della connessione.

Vantaggi e svantaggi della rete WiFi a 2,4 GHz

Abbiamo già detto che puoi paragonare i due tipi di rete a dei particolari percorsi stradali: la rete a 2,4 GHz la puoi immaginare come fosse una stradina stretta nell’ora di punta, utilizzata da quasi tutti i dispositivi elettronici, come i cellulari e i tablet, ma anche, ad esempio, dai telecomandi per i cancelli automatici o dai forni a microonde. Il traffico è congestionato dalla presenza di dispositivi con diverse caratteristiche e velocità e, quindi, notevolmente rallentato. Tuttavia, grazie alla sua struttura, è in grado di superare molto facilmente gli ostacoli, costituiti da edifici, pareti o altri oggetti solidi, e, di conseguenza, non essendo bloccata, riesce a coprire una zona molto grande. Nel tuo appartamento ti offre, quindi, una buona copertura, riuscendo a trasferire il segnale anche attraverso i muri e nelle zone più lontane, come possono essere il garage o il giardino. È un tipo di rete adatto alle case di grandi dimensioni, o agli spazi fittamente edificati di una città.

Vantaggi e svantaggi della rete WiFi 5 GHz

Continuando con la similitudine stradale, puoi immaginare la rete WiFi 5 GHz come un’autostrada, poco trafficata, a molte corsie e che permette il trasporto simultaneo di grandi quantità di dati. Sarebbe certamente da preferire rispetto a quella a 2,4 GHz, se non fosse che è meno penetrante, nel senso che attraversa con difficoltà gli oggetti solidi che la possono rallentare, determinando un minor raggio di copertura. Inoltre, essendo utilizzata, almeno per adesso, da un minor numero di dispositivi, non subisce tutte le interferenze che tendono a provocare l’instabilità del segnale, le prestazioni rallentate e le disconnessioni frequenti. Questo tipo di rete è adatto sia agli spazi limitati di un piccolo appartamento, in cui non ci sono grandi impedimenti da attraversare, sia ai grandi spazi aperti e privi di ostacoli, naturali o artificiali che siano.

Qual è la rete WiFi migliore tra 2,4 e 5 GHz?

Come puoi immaginare, la rete migliore è quella che meglio si adatta alle esigenze, al momento e alla struttura ambientale del luogo in cui viene impiantata. Poiché tutti noi, considerando il numero sempre crescente di dispositivi senza cavi che stiamo utilizzando, cerchiamo costantemente una banda che sia ampia e, soprattutto, stabile, la soluzione migliore è quella di utilizzare il Dual Band, cioè la tecnologia che è in grado di operare con entrambe le frequenze. Così, ad esempio, sul tuo modem/router puoi scegliere tra privilegiare la copertura più ampia, attivando la frequenza WiFi 2,4 GHz, oppure privilegiare il trasferimento di dati in maggior quantità e a velocità maggiore, attivando la frequenza WiFi 5 GHz.

Proprio negli ultimi giorni, i vari operatori delle telecomunicazioni si stanno scontrando, in sede di gara per le nuove frequenze da utilizzare. Appetibili per tutte le compagnie sono le frequenze fra i 3,7 e i 3,8 GHz, in cui verrà sviluppata lo standard del futuro: il 5G.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI