HOME Articoli

Lo sai che? Peculato per il sindaco che porta con sé la moglie nei viaggi istituzionali

Lo sai che? Pubblicato il 21 febbraio 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 21 febbraio 2013

Commette peculato l’amministratore dell’ente locale se, nel viaggio organizzato dall’ente, porta con sé la moglie o qualsiasi altro parente a spese dell’amministrazione.

La Cassazione ha recentemente condannato [1], con l’accusa di peculato, un sindaco, un assessore e un consigliere per aver portato con sé le rispettive consorti in un viaggio organizzato dall’ufficio, facendo ricadere sulla cittadinanza le spese sostenute per la trasferta di queste ultime. La sanzione non è stata di poco conto: due anni di reclusione oltre all’interdizione dai pubblici uffici.

Gli oneri destinati al vitto e alloggio per le delegazioni pubbliche non possono essere beneficiati da chi non ha alcun titolo istituzionale e non ricopra incarichi per conto dell’ufficio. E ciò anche se il rendiconto dell’intero viaggio sia stato approvato successivamente dagli uffici dell’ente. Ciò che rileva, infatti, è che, di fatto, vi sia stata la destinazione di una parte delle somme pubbliche a copertura di costi estranei al soddisfacimento di interessi della collettività.

La Cassazione ha ricordato che il reato di peculato entra in gioco tutte le volte in cui vi è una appropriazione del denaro pubblico per un profitto proprio o altrui. È stato proprio il caso di specie, in cui le spese per la partecipazione alla trasferta non sono state distratte per una finalità pubblica, ma, al contrario, destinate a finalità estranee agli interessi della pubblica amministrazione, consentendo a soggetti privati (i parenti degli amministratori), pur senza alcun titolo, di partecipare al viaggio a spese dell’ente pubblico.

L’ente poi si era auto-assolto, ratificando il proprio operato con l’approvazione, in delibera comunale, delle spese sostenute. Una mossa tanto scontata quanto inutile, secondo la giusta interpretazione della Cassazione.

note

[1] Cass. sent. n. 7492 del 15.02.2013.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI