Diritto e Fisco | Articoli

Elezioni: i programmi dei partiti su internet e libertà digitali

18 febbraio 2013


Elezioni: i programmi dei partiti su internet e libertà digitali

> Diritto e Fisco Pubblicato il 18 febbraio 2013



Internet è ormai entrato così tanto nella vita dei cittadini da costituire un punto autonomo nell’agenda dei partiti: e, come al solito, anche in questo caso, le promesse prima delle elezioni non si risparmiano.

Il web è un campo di confronto tra i partiti, le cui proposte, tuttavia, a volte peccano di mancanza di fantasia. In generale tutti promettono un aumento della banda larga e ultra larga, tanto che, sul punto – se ciò è vero – le prossime Camere dovrebbero raggiungere “l’unanimità”. Più di un partito, poi, avanza una proposta ambiziosa: libero e gratuito accesso a internet per tutti!

In occasione delle prossime elezioni politiche, la redazione del nostro portale ha voluto raggruppare i programmi elettorali in modo creativo: non già per soggetti politici, ma per argomenti. Così, abbiamo scoperto che, in materia di internet e libertà digitali, i partiti hanno scritto queste parole…

 

MOVIMENTO 5 STELLE

– accesso gratuito alla rete per ogni cittadino italiano;

– copertura dell’intero Paese con la banda larga;

– leggi rese pubbliche on line almeno tre mesi prima della loro approvazione per ricevere i commenti dei cittadini;

– cittadinanza digitale per nascita;

– eliminazione del canone telefonico per l’allacciamento alla rete fissa;

– diffusione obbligatoria di Internet nelle scuole con l’accesso per gli studenti;

– graduale abolizione dei libri di scuola stampati, e quindi la loro gratuità, con l’accessibilità via Internet in formato digitale;

– Accesso pubblico via Internet alle lezioni universitarie;

– insegnamento a distanza via Internet.

MONTI

– piena digitalizzazione della pubblica amministrazione;

– sostegno ad una più rapida digitalizzazione della pubblica amministrazione, in modo da ampliare il numero di cittadini che interagiscono con gli uffici pubblici attraverso internet, ad esempio per ottenere fatturazioni, certificati o procedure anagrafiche o per pagare servizi come i ticket sanitari;

– rafforzamento delle connessioni infrastrutturali a banda larga e ultra larga, delle smart communities/smart cities, della introduzione dell’approccio “open data”, rendendo tutti i dati della pubblica amministrazione accessibili e scambiandoli on line;

– diffusione del “cloud computing”, la nuvola dei dati, per unire e condividere dati provenienti da più istituzioni e dell’e-governement, rafforzando gli incentivi per l’utilizzo di tecnologie digitali nei processi amministrativi per fornire servizi ai cittadini.

INGROIA

– libero accesso a Internet, gratuito per le giovani generazioni

– banda larga diffusa in tutto il Paese.

PDL

– libero accesso alle reti;

– diffusione capillare della banda larga e larghissima.

– avvio e sviluppo dell’agenda digitale nella scuola;

– piena applicazione, a ogni livello della PA, del Codice dell’Amministrazione Digitale;

– promozione dell’utilizzo del cloud computing nella pubblica amministrazione, per ridurre i costi dell’ICT e avere capacità di erogare servizi on line a tutti.

 

PARTITO PIRATA

– pubblicazione su Internet dei documenti non più coperti dal segreto di Stato.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI