Diritto e Fisco | Articoli

Facoltà a numero chiuso: date complicate per i prossimi test

19 Febbraio 2013 | Autore:
Facoltà a numero chiuso: date complicate per i prossimi test

Test universitari per accedere alle facoltà a numero chiuso: le date stabilite dal Ministero si anticipano impossibili per gli studenti.

Con un avviso pubblicato sul sito del Ministero dell’Istruzione [1], sono state comunicate le date in cui si terranno i test di ammissione alle facoltà universitarie a numero chiuso per l’anno accademico 2013/2014 e 2014/2015. Complicazioni in vista per gli studenti del liceo… Ecco perché.

Anno 2013/2014:

– medicina e chirurgia e odontoiatria e protesi dentaria: 23.07.2013;

– medicina veterinaria: 24.07.2013;

– architettura: 25.07.2013;

– professioni sanitarie: 4.09.2013.

Anno 2014/2015:

– medicina e chirurgia e odontoiatria e protesi dentaria, lingua italiana: 8.04.2014;

– medicina veterinaria: 9.04.2014;

– architettura: 10.04.2014;

– professioni sanitarie: 3.09.2014.

Come è facile intuire, per il prossimo anno gli studenti non avranno neppure il tempo di gioire per il superamento dell’esame di maturità che già saranno chiamati al “dentro o fuori” dell’accesso universitario. In passato, le prove di ammissione per le facoltà a numero chiuso si sono tenute a settembre, affinché il periodo estivo potesse essere dedicato alla preparazione del caso. Con questa anticipazione, invece, considerato che gli esami di stato finiscono a metà luglio, i ragazzi avranno solo una settimana di tempo prima del successivo impegno. E se per l’anno 2013 la situazione si rivela critica, per l’anno 2014 assume connotati davvero paradossali. I test, fissati ad aprile, costringeranno i maturandi ad un contemporaneo impegno su due fronti: lo studio per l’anno scolastico in corso e quello per i test universitari.

Non è escluso che si verifichi un paradosso qualora lo studente dovesse superare i test di ammissione all’università e non invece gli esami di maturità. Oltre al danno, anche la beffa!



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube