Diritto e Fisco | Articoli

Agenzia delle Entrate e rinuncia al piano di definizione agevolata

13 ottobre 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 13 ottobre 2018



Ho aderito alla rottamazione agevolata 2018 e mi è stata accettata con pagamento in 3 rate (31 Ottobre, 30 Novembre, 28 Febbraio 2019). Ora però credo di non poterle pagare e perciò vorrei rinunciare. Al momento della domanda di adesione avevo in essere tre rateizzazioni che rappresentavano il debito complessivo. Ho sempre pagato le rate e le ho sospese nel momento dell’inoltro della richiesta di rottamazione. Posso riprendere le mie rateizzazioni già dal mese successivo alla prima scadenza ossia Novembre senza dover comunicare la mia “rinuncia” all’Agenzia?

Il mancato pagamento della prima rata del piano di definizione agevolata equivale a tacita rinuncia alla rottamazione, con la conseguenza che l’Agenzia delle Entrate Riscossione revocherà, alla scadenza della prima rata non pagata, la sospensione delle precedenti rateizzazioni.

Il lettore potrà dunque riprendere il pagamento delle rate dei piani di ammortamento in regola, secondo le scadenze stabilite.

 

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Maria Monteleone

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI