Diritto e Fisco | Articoli

Come funziona pagamento alla consegna

25 Dicembre 2018


Come funziona pagamento alla consegna

> Diritto e Fisco Pubblicato il 25 Dicembre 2018



Pagamenti nelle transazioni online. Quali forme di pagamento per un acquisto o una vendita online. Il pagamento alla consegna cosa significa. Pagare in contrassegno.

Oggi le vendite online ti consentono di acquistare più beni a prezzi più bassi: il concetto di “mercato” è quindi diventato più ampio non limitandosi più all’ambio locale dove vivi. Hai pertanto la possibilità di acquistare o vendere proponendo il tuo prodotto a gruppi di individui più ampi di quello che avresti potuto fare in passato a livello locale. Quindi cosa fai? Ti metti alla ricerca e trovi online il tuo oggetto del desiderio. Ottimo, ora però sorge il problema. Come ti accordi per la consegna e per il pagamento del prezzo richiesto? Tu non vuoi pagare se prima non ricevi il bene. Il venditore non vuole spedire se prima non riceve i soldi. La vendita a distanza implica come puoi ben capire un problema di fiducia tra le parti. I dubbi prendono di assalto entrambi, acquirente e venditore, e l’affare non si conclude. La prassi e le norme cercano di venire incontro a questo problema e risolvono o comunque attenuano il problema della fiducia. Tra i vari sistemi di pagamento vi è quello denominato “alla consegna” che differisce lievemente da quello denominato “contrassegno”. In questo articolo vedremo cosa è e come funziona il pagamento alla consegna.

Le transazioni commerciali online e la “fiducia”

Avrai sicuramente sentito parlare di Amazon, Ebay, Zalando tanto per citare i più famosi e pubblicizzati marketplace online. Probabilmente avrai fatto anche acquisti online o, almeno, hai avuto l’intenzione di farlo ma alla fine hai lasciato perdere. il tuo problema era “quale forma di pagamento utilizzare per non rischiare di perdere i tuoi soldi”. Purtroppo sono piene le cronache di notizie di truffe online, dove viene richiesto il pagamento anticipato e poi viene consegnata a casa tua una scatola….vuota! Per fortuna questo è un caso estremo che capita raramente, ma non dobbiamo sottovalutarlo ovviamente.

Nelle transazioni online la fiducia è un aspetto fondamentale e -la fiducia- bisogna guadagnarsela. Per raggiungere questo scopo sono spesso attive delle sezioni del sito online del venditore che raccolgono le recensioni dei clienti. Tramite questi commenti potrai farti una idea dell’affidabilità del venditore.

Le varie forme di pagamento online

Valutate le recensioni, ti sei deciso ad acquistare. Inserisci i tuoi dati e ad un certo punto ti viene chiesto come pagare. Di solito sono previste le seguenti modalità di pagamento:

  • bonifico bancario anticipato: questo tipo di pagamento presenta lo svantaggio che la spedizione è sospesa fino a quando il denaro non arriva sul conto del venditore. Quindi se il bonifico impiega 2 giorni, per la spedizione dovrai attendere il tempo necessario;
  • carta di credito / carta di debito / paypal. Il pagamento anche in questo caso come per il bonifico bancario è anticipato rispetto alla spedizione del bene, ma vi sono almeno due situazioni di vantaggio che fanno preferire questa forma di pagamento rispetto al bonifico bancario: la prima e la celerità della spedizione. L’esito del pagamento è solitamente immediato e il venditore procederà alla spedizione nelle ore successive alla conclusione della transazione. il secondo vantaggio è che alcune carte sono dotate di una assicurazione contro le frodi, per cui se il bene non ti arriva puoi bloccare il pagamento oppure chiedere il rimborso della somma;
  • il pagamento alla consegna: è l’oggetto del nostro articolo e ne parlerò più ampiamente nel prossimo capitolo.

Il pagamento alla consegna

Con la formula del pagamento alla consegna, il venditore si impegna a spedire subito l’oggetto e incarica il corriere di incassare il prezzo. Il pagamento alla consegna è una possibilità che non offrono tutti i siti di vendita online e, quando questo servizio viene offerto, l’acquirente spesso deve sostenere un onere aggiuntivo. Vediamo perché. Nel pagamento alla consegna il venditore cerca di venire incontro alle esigenze dei suoi clienti che non si fidano di inviare il denaro prima della consegna del bene. Per soddisfare questa esigenza, il venditore è però costretto a coinvolgere il fornitore del servizio di trasporto (il corriere) che funge da esattore del prezzo.

In sostanza quando il fattorino si presenta davanti alla tua porta e ti consegna il bene pretende il pagamento perché a tal scopo è stato incaricato dal venditore e non procederà alla consegna se non riceverà il dovuto. Per questo servizio il corriere chiede un corrispettivo che varia intorno ai 5-6 euro ma può essere anche più alto in funzione dell’importo da riscuotere e/o della nazione di consegna.

Ecco perché, quando scegli la formula di acquisto con pagamento alla consegna, ti troverai un importo da pagare maggiore. Il pagamento alla consegna è poi molto simile e spesso si confonde con la formula del pagamento in contrassegno. In entrambi i casi l’acquirente deve versare una somma di denaro in contanti o con assegno (solo circolare però) al corriere, ma la differenza sta nel fatto che nel contrassegno il prezzo pagato comprende le spese di trasporto mentre nel pagamento alla consegna il prezzo pagato non lo include.

Quindi, ti domanderai, quali sono i casi di pagamento alla consegna e quali di pagamento in contrassegno? Il pagamento effettuato direttamente al tuo domicilio per l’intera somma dell’ordine è effettuato nella forma in contrassegno. Se invece acquisti online ma decidi di ritirare l’oggetto (e pagarlo) direttamente nel negozio fisico del venditore, allora in questo caso nella formula del pagamento alla consegna.

Quali rischi per acquirente e venditore nel pagamento alla consegna?

Il pagamento alla consegna è veramente più sicuro? Purtroppo non è cosi. Da un lato l’acquirente può conoscere il contenuto del pacco solo dopo che lo ha aperto, quindi dopo che ha consegnato i soldi al corriere e dopo che questo è andato via. Devo aggiungere però che anche se il corriere fosse presente alla apertura del pacco e l’oggetto non risultasse conforme, non puoi chiedergli la restituzione del denaro che è comunque dovuto! Il corriere non può avere responsabilità in questa situazione e sarete costretti unicamente ad aprire una segnalazione al venditore e attendere che questo intervenga. Per assurdo neanche il venditore è rassicurato da questa forma di pagamento. Infatti, potrebbe accadere che, dopo aver organizzato la spedizione, l’acquirente rifiuti la consegna. Il pacco quindi tornerà sì indietro al venditore, ma rischi e costi di trasporto sostenuti rimangono a suo carico.

Un altro aspetto negativo di questa forma di pagamento è che il venditore non riceve il denaro subito ma dovrà attendere i tempi di elaborazione del corriere che sono variabili a seconda della sua capacità organizzativa. Anche questo rappresenta un rischio in capo al venditore che, per tutto quanto esposto finora, potrà decidere di aumentare il costo del servizio “pagamento alla consegna” o “contrassegno” da addebitare al compratore per tentare di dissuaderlo dall’utilizzo.

In definitiva possiamo concludere che il pagamento alla consegna o in contrassegno tenta di aumentare la fiducia nelle vendite a distanza ma non sempre raggiunge questo obiettivo. Per esempio può essere una forma di pagamento per te rassicurante nelle vendite online quando procedi all’ordine comodamente da casa tua e ti rechi poi nel negozio fisico a ritirare e pagare il prodotto, sicuro di trovarlo perché l’hai ordinato in precedenza. In altri casi, invece, può essere una forma di pagamento meno rassicurante di altre che, per le loro particolari condizioni commerciali, possono fornire una maggiore protezione all’acquisto online (carte di credito, Paypal).

Di MARCO TECHINMIND


scarica gratis il tuo contratto su misura

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA