Business | Articoli

Niente studi di settore se l’impresa ha appena iniziato l’attività

9 Settembre 2013
Niente studi di settore se l’impresa ha appena iniziato l’attività

Standard operativi se è trascorso almeno un anno dall’inizio dell’attività.

Il fisco non può effettuare un accertamento fiscale con gli studi di settore a un’impresa che ha appena iniziato l’attività da meno di un anno. Infatti, i cosiddetti “standard” possono essere operativi solo se riferiti ad almeno 365 giorni.

A spezzare una lancia in favore di tutte le giovani aziende è la Cassazione con una recentissima sentenza [1], emessa peraltro all’alba dei nuovi questionari che, sulla scorta dei dati raccolti con il redditometro, l’Agenzia delle Entrate sta inviando a migliaia di italiani (leggi l’approfondimento: Stanno per arrivare i questionari del redditometro: come difendersi”).

Secondo la Suprema Corte, il recente inizio dell’attività dell’azienda e la brevità della sua durata sono non consentono di applicare i dati prodotti dagli studi di settore nei confronti della stessa.

Per chi invece ha maturato almeno un anno di esercizio, restano fermi i due classici consigli onde scongiurare un accertamento fiscale: leggi l’approfondimento “Come difendersi dal redditometro e dai controlli dell’Agenzia Entrate” e “Redditometro: consigli per evitare l’accertamento del fisco”.

Cosa sono gli studi di settore

Si tratta di uno strumento utilizzato dagli uffici dell’Agenzia delle Entrate per rilevare i parametri fondamentali di reddito dei professionisti, lavoratori autonomi e delle aziende. In base all’attività svolta dal singolo soggetto, il fisco presume, per quel determinato settore, una determinata “capacità contributiva” del contribuente. Se vi è un discostamento rispetto a tale parametro presuntivo, scatta la richiesta di chiarimenti.

L’ufficio delle imposte li usa quindi nell’accertamento cosiddetto induttivo.

Fino al 2009 lo studio di settore era uno strumento di accertamento praticamente infallibile. Era infatti sufficiente lo scostamento dagli standard della dichiarazione dei redditi a legittimare l’atto impositivo. Nel 2009, poi, dopo una nota sentenza delle Sezioni unite della Cassazione [2], il campo di applicazione degli studi si è molto ridotto. Ora, infatti, il contribuente, presentandosi al contraddittorio con l’amministrazione e fornendo prove circa le peculiarità della sua attività e quindi del suo reddito rispetto al settore, può ottenere l’annullamento dell’accertamento.


note

[1] Cass. sent. sent. n. 20500/2013.

[2] Cass. S.U. sent. n. 26635/2009.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube