Business | Articoli

Se il datore pretende obbedienza dal dipendente con le maniere forti

10 Settembre 2013
Se il datore pretende obbedienza dal dipendente con le maniere forti

Impossibile pretendere il corretto adempimento della prestazione lavorativa con la coercizione: non conta che la parte offesa sia un sottoposto.

 

Il datore di lavoro che, con le “maniere forti”, costringe il dipendente a stare seduto sulla scrivania per terminare il proprio lavoro commettere reato di violenza privata. E ciò anche se ciò avviene dopo un palese atto di insubordinazione da parte del lavoratore che – nel caso di specie – era uscito dall’ufficio del superiore sbattendo la porta e lasciando il discorso a metà.

La Cassazione [1], a riguardo, ha appena ricordato che la pretesa al corretto adempimento della prestazione lavorativa esercitata con la coercizione fisica è del tutto estranea al nostro ordinamento. A nulla rileva che il destinatario della condotta sia comunque un sottoposto, né rileva – come detto – il comportamento, da parte di quest’ultimo, di palese disprezzo nei confronti del luogo del lavoro.

Come si deve comportare in questi casi il capo ufficio?

Contro le condotte “ribelli” del lavoratore, la coercizione è sempre vietata. Il dirigente può, tutt’al più, comminare una sanzione disciplinare. Anche in questo caso, comunque, la sanzione deve essere proporzionata al comportamento assunto dal lavoratore.


note

[1] Cass. sent. n. 32463/2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube