Cultura e società | Articoli

Make-up e Autostima: piacersi per amarsi

20 ottobre 2018


Make-up e Autostima: piacersi per amarsi

> Cultura e società Pubblicato il 20 ottobre 2018



Autostima e Make up: indicazioni utili per approfondire il legame tra questi due aspetti e comprendere come il trucco sia un valido alleato per la tua autostima.

Ti sarà capitato mille volte di essere truccata esattamente come gli altri giorni ma di guardarti allo specchio e di non piacerti. Poi dopo qualche ora lo stesso riflesso ti comunica un’altra immagine e torni magicamente a sorriderti. Altre volte ti sarai trovata nella condizione di sentirti estremamente giù di morale e di aver cercato nel trucco una forma di consolazione. Oppure, ancora, in un momento particolarmente felice, potresti aver acquistato magari un bel rossetto rosso per gratificarti. O magari quel giorno, che ancora ricordi, potresti aver scelto proprio quel make up dai toni più decisi per sentirti più forte o al contrario uno più naturale per rafforzare il tuo look elegante. Tutte queste scelte sono il frutto della tua interpretazione del contesto e la conseguenza dell’opinione che hai di te stessa. Servono a renderti più consapevole del momento che vivi e a percepirti a tuo agio nei panni che vesti. Autostima e make up: piacersi per amarsi è una guida per comprendere innanzitutto quanto questi due mondi, apparentemente slegati, sono in realtà profondamente connessi ed interdipendenti al punto da potersi influenzare reciprocamente. Il trucco è manifestazione della tua personalità e strumento di potenziamento per la tua autostima: “Sentirti a posto”, avere la sensazione di essere curata e piacente, è un passo importante per iniziare ad apprezzare ciò che sei. Trovi per questo, di seguito, indicazioni utili per capire come questi due aspetti integrandosi possano aiutarti ad esprimere al meglio te stessa.

In che modo autostima e make up si influenzano

Ogni giorno fai delle scelte dal momento in cui ti svegli a quello prima di dormire. Una di queste, da non tralasciare, è quella del make up. Può sembrare un’affermazione quasi superficiale, forse stai pensando: “Ho così tante cose da decidere che questa mi sembra la meno importante!“. Ti invito a riconsiderare questa idea e ti spiego il motivo per il quale, invece, dovresti porre attenzione al tuo aspetto.

Quando parlo di autostima non mi riferisco a qualcosa di astratto, irraggiungibile e alla portata solo di chi nella vita nasce bello, fortunato e ottiene ciò che vuole con facilità. Mi riferisco, al contrario, ad un concetto concreto, alla tua portata, da poter alimentare e la cui riuscita è nelle tue mani. L’autostima parla dell’opinione che hai di te stessa, racconta chi sei e cosa pensi di meritare, rivela i risultati che credi di poter raggiungere ed i sogni che ritieni di poter realizzare.

L’autostima ti definisce ai tuoi occhi e di conseguenza anche a quelli degli altri. Se pensi di valere poco, ad esempio, farai scelte che non sosterranno il valore che hai e probabilmente lascerai che in molti ti trattino con poco rispetto. Se non credi fortemente in te, con più facilità abbandonerai i tuoi progetti alle prime difficoltà, e ti mostrerai meno tenace nel perseguirli dinnanzi i problemi. Se ti stai chiedendo cosa c’entri questo discorso con il make up, la risposta è che non puoi comprendere a fondo l’utilità del trucco senza capire a fondo cosa rappresenta ciò per il quale ti è utile. Un elemento di cui l’autostima si nutre è la tua immagine e la relazione che hai con essa.

Se ai tuoi occhi appari piacevole ed attraente, se l’immagine che ti rimanda lo specchio corrisponde alla versione di te che più di inorgoglisce, è molto probabile che ne consegua una sensazione di forza e sicurezza. Una persona sicura mette in atto a sua volta azioni volte allo sviluppo di sé, con la convinzione di potercela fare e mostrerà un atteggiamento di apertura e positività. Il make up, dunque, influisce sul tuo aspetto e quest’ultimo a sua volta influenza la tua autostima. Ciò vuol dire che se poni interesse ed attenzione alla tua immagine, e ti senti valorizzata e soddisfatta di ciò che vedi, è molto più probabile che la te riflessa si riveli la tua migliore alleata per l’evoluzione e la realizzazione dei tuoi desideri.

Tieni sempre a mente uno schema: i pensieri generano le emozioni ed esse a loro volta condizionano i comportamenti e quindi le azioni che metti in atto. Pertanto non sottovalutare mai ciò che pensi di ogni aspetto di te, ciò che mostri è tuo biglietto da visita ed è inevitabile che per te sia importante. Ci tengo a definire meglio cosa intendo per attenzione all’aspetto. Non vuole assolutamente dire ossessione né accondiscendenza a canoni estetici imposti dalla società odierna, non mi riferisco alla perfezione ma semplicemente alla possibilità di piacerti enfatizzando i tuoi punti di forza unici e per questo preziosi.

Il make up giusto per potenziare l’autostima

Fino ad ora hai compreso meglio il perché del legame tra make up e autostima, adesso è importante comprendere come effettivamente il trucco può essere un valido complice. La funzionalità del make up è variegata, può avere finalità diverse, devi solo capire quale fa al tuo caso. Ad esempio può essere correttivo e quindi ridefinire le simmetrie, ridurre le imperfezioni, camuffare inestetismi, cicatrici e macchie cutanee, può armonizzare le forme, enfatizzare i punti di forza, ritoccare i colori. Oppure può avere esclusivamente una finalità artistica, più scenica e quindi può disegnare, creare, ricostruire e avere in sé una maggiore componente creativa.

Il trucco è un filtro, è il primo impatto e come sappiamo non c’è una seconda occasione per fare una prima buona impressione. Tutto ciò non vuol dire che se non lo utilizzi comprometti la riuscita – ad esempio – di un primo incontro, ma sicuramente se lo padroneggi e ne usufruisci nel modo che più ti rappresenta è un valido contributo per trasmettere ciò che desideri ma soprattutto per sentirti a tuo agio nella versione di te che scegli di proporre. In ogni occasione, infatti, ci saranno aspetti di te che sarà determinante far emergere ed altri per i quali non sarà funzionale farlo ed il make up, se utilizzato in modo funzionale, si pone al tuo servizio per questo scopo.

Esistono tipologie di trucco che apparentemente sono invisibili ma che ti danno un aspetto più curato, altre invece appariscenti, più appropriate in settori e contesti entro cui la semplicità non è funzionale. La finalità per te è sempre quella di sentirti al meglio nei tuoi panni e mantenere una buona autostima tenendo conto che il contesto, ad esempio lavorativo, influenza ciò e come puoi essere. Il modo migliore per comprendere questo discorso è immaginare la situazione di un colloquio di lavoro. A seconda della posizione lavorativa per la quale ti candidi dovrai scegliere il look più adeguato. Ipotizza uno stesso stile per una posizione di segretaria in una distinta e formale azienda al centro della tua città e una candidatura per sale assistant in un negozio di abbigliamento giovanile in periferia. Presentarti allo stesso modo non sarà assolutamente vantaggioso per guadagnarti il posto di lavoro. Essere poliedrica, versatile, flessibile e aperta al cambiamento di immagine adattandolo sempre al contesto e alla situazione ti porta ad ottenere più risultati di chi conosce e adotta sempre un’unica versione di sé.

Ogni stile, partendo dal make up potrà essere adattato alla tua personalità nel modo che più senti tuo e questo ti consentirà di percepirti sempre appropriata alla situazione e padrona di essa. Tutto ciò  accrescerà la tua autostima giocando a tuo vantaggio per il raggiungimento dei tuoi obiettivi.

La scelta dei colori

Oltre la tipologia giusta di make up è basilare anche la scelta dei colori. Essi hanno una personalità e comunicano molto più di quanto immagini. Puoi sceglierli in armonia o contrasto con le tue tonalità naturali purché tu ne sia consapevole.

Ad esempio se i tuoi colori di base sono caldi e quindi hai capelli castani, occhi nocciola e carnagione ambrata se utilizzi colori della tua stessa gamma quali ad esempio i marroni, il verde militare, l’ocra, il risultato è quello di un’immagine più sobria e nel complesso più naturale rispetto alla scelta opposta. Al contrario se hai colori freddi come ad esempio capelli neri, occhi celesti e carnagione molto chiara e utilizzi colori a contrasto caldi come il marrone, l’oro o il prugna vai ad enfatizzare i tuoi lineamenti e le tue tonalità e nell’insieme risulterai più appariscente e vistosa.

Conoscere la funzione che una diversa nuance ha sulla tua immagine determina anche la consapevolezza che hai circa il messaggio che comunichi all’esterno ed implicitamente anche a te stessa. Ricordati che tu sei il giudice più severo che esista e che anche quando non ne sei cosciente, in realtà di osservi e di rimando invii a te stessa dei giudizi. E’ importante che siano positivi e che tu comprenda come renderli tali, perché determinano ogni tua azione.

Essere per apparire e non il contrario

Questa affermazione è fondamentale per comprendere a pieno il significato dell’intero articolo. Devi curare la tua immagine per esprimere al meglio la tua essenza. Devi tenere al tuo aspetto perché sentirti appropriata ed in linea con l’occasione, il contesto e l’interlocutore contribuisce a migliorare la percezione positiva di te stessa. Tu hai valore a prescindere da come appari ed in virtù di questo sei in grado di poter sfruttare il tuo aspetto a tuo piacimento assecondando, a tuo modo, le richieste esterne.

Quando sei padrona di uno strumento utile, come in questo caso il make up, hai la facoltà di poterne fare ciò che vuoi a seconda delle tue necessità. Il trucco è al tuo servizio e non deve mai assolutamente rivelarsi la tua schiavitù, per questo è importante capire esattamente a cosa può servire e perché fare una determinata scelta piuttosto che un’altra. Questo articolo vuole invitarti a sviluppare una relazione positiva con la tua immagine, a capire che c’è un valido alleato che può aiutarti in questo e che sei tu a poterlo gestire ed usare come preferisci.

Enfatizza il tuo valore e scegli sempre tu chi essere.

Di PAMELA MAIURI


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI