Business | Articoli

Scioglimento della S.a.s. se i soci litigano

12 Settembre 2013 | Autore:
Scioglimento della S.a.s. se i soci litigano

La S.a.s. il cui unico accomandatario ostacola l’attività degli accomandanti e non collabora con essi non è in grado di raggiungere gli obiettivi per cui è stata costituita: pertanto deve essere sciolta e all’accomandatario deve revocata la carica di amministratore.

 

L’accomandatario unico di una S.a.s., che pone in essere attività ostruzionistiche verso gli accomandanti, deve essere sollevato dagli incarichi di gestione ricoperti e la società deve essere sciolta. Ciò in quanto i contrasti tra i soci rendono impossibile conseguire l’oggetto sociale dell’azienda.

È quanto stabilito dal Tribunale di Fermo in una recente sentenza [1] nella quale il giudice, appurate le profonde spaccature nella compagine sociale, ha confermato la nomina del liquidatore e revocato l’accomandatario dalla carica di amministratore: quest’ultimo impediva agli accomandanti di prendere visione delle scritture contabili dell’attività. I giudici hanno ritenuto impossibile, in questi casi, nominare un amministratore provvisorio.

Il provvedimento è innovativo in quanto i contrasti tra soci non rientrano espressamente tra le cause di scioglimento della S.a.s. che, qui di seguito, riepiloghiamo:

a. quando rimangono soltanto soci accomandanti o accomandatari e, entro i 6 mesi successivi non sia stato sostituito il socio che è venuto meno [2];

b. per provvedimento del governo o per dichiarazione di fallimento [3];

c. per il conseguimento dell’oggetto sociale o la sopravvenuta impossibilità di conseguirlo;

d. per il decorso del termine;

e. per volontà di tutti i soci;

f. quando viene a mancare la pluralità dei soci, se nei successivi 6 mesi non viene ricostituita;

g. per altre cause previste nell’atto di costituzione della società [4].

Il conflitto fra soci può essere tuttavia ricompreso tra le cause di sopravvenuta impossibilità del conseguimento degli obiettivi dell’azienda, rientrando, perciò, tra le cause di scioglimento.


note

[1] Trib. Fermo, sent. n. 337 del 24.08.2013, giudice Sara Marzialetti.

[2] Art. 2323 cod. civ.

[3] Art. 2308 cod. civ.

[4] Art. 2272 cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube