Diritto e Fisco | Articoli

La responsabilità del direttore dei lavori

3 novembre 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 3 novembre 2018



Quando è obbligatoria questa figura in un cantiere edile, quali sono i suoi compiti e di che cosa risponde.

Devi fare un importante lavoro di ristrutturazione in casa oppure l’hai acquistata da un’impresa che la costruirà partendo da zero? In entrambi i casi avrai bisogno di affidarti ad una persona che mantenga i rapporti con chi esegue l’opera: certe cose non saranno di tua competenza. Quella persona sarà il direttore dei lavori. Si tratta di una figura professionale che puoi scegliere tu in base a ciò che devi fare e al titolo richiesto dalla normativa per l’esecuzione delle opere. A lui il compito principale di accertarsi che tutto proceda regolarmente nel cantiere. Ma, come vedremo, ce ne sono tanti altri di compiti e di responsabilità del direttore dei lavori.

Questa figura professionale ha dei doveri sia verso di te sia verso lo Stato.

Spetta a lui, ad esempio, informare la Pubblica amministrazione di eventuali illeciti commessi durante l’esecuzione dell’opera e fermare i lavori. Altrimenti, diventa complice e passibile di denuncia. Ed è sempre responsabilità del direttore dei lavori redigere i verbali sull’apertura del cantiere, sull’esito dell’opera, sulla correttezza del progetto. Sarà lui a segnalarti eventuali modifiche da apportare, a controllare che tutto venga fatto come richiesto attraverso delle visite periodiche al cantiere. In sostanza, come avremo modo di spiegare nel dettaglio, è lui il responsabile della corretta esecuzione dei lavori.

Per quanto riguarda, invece la sicurezza, la responsabilità non sempre grava sul direttore dei lavori ma sul committente (cioè su di te), sul responsabile dei lavori e sul coordinatore (che può essere lo stesso direttore dei lavori se in possesso dei requisiti richiesti oppure un’altra persona nominata dal committente o dal responsabile dei lavori), ciascuno per la parte che gli corrisponde.

Ecco, allora, nel dettaglio i compiti e le responsabilità del direttore dei lavori.

Direttore dei lavori: quando serve

Ci sono alcune opere di edilizia privata in cui la presenza del direttore dei lavori non solo è necessaria ma anche obbligatoria per legge. Ad esempio:

  • la costruzione di un nuovo edificio;
  • il rifacimento di un prospetto, di impermeabilizzazioni o di coperture;
  • la ristrutturazione di un appartamento;
  • il consolidamento di una struttura.

Si può dire, in sostanza, che la figura del direttore dei lavori è obbligatoria quando sono in programma degli interventi subordinati al permesso di costruire o alle dichiarazioni di asseverazione dei lavori.

Direttore dei lavori: principali responsabilità

Ecco un primo quadro delle responsabilità in carico al direttore dei lavori di fronte alla realizzazione di un’opera edilizia, sia che si tratti di ristrutturazione di un immobile sia che si tratti di una nuova costruzione. Questa figura professionale risponde:

  • dell’esecuzione dei lavori cui è preposto a regola d’arte in conformità del progetto e del contratto;
  • del coordinamento e della supervisione di tutta l’attività;
  • del rapporto con l’esecutore dei lavori sui termini tecnici ed economici del contratto;
  • dell’accettazione dei materiali in termini quantitativi e qualitativi;
  • della verifica periodica circa il possesso da parte dell’esecutore e di eventuali subappaltatori della documentazione prevista in materia di obblighi nei confronti dei dipendenti;
  • della verifica periodica del programma di manutenzione;
  • della comunicazione alla Pubblica amministrazione di eventuali irregolarità da parte dell’impresa che esegue i lavori.

Direttore dei lavori: responsabilità sulla sicurezza

Un aspetto che spesso prende dei risvolti drammatici quando si parla di lavori nei cantieri edili è quello della sicurezza.

Nel corso del 2018 il numero delle vittime mortali nel settore è aumentato del 50% rispetto al 2017.

A chi spetta occuparsi della sicurezza? Rientra tra le responsabilità del direttore dei lavori? Rientra quando ricopre la carica di coordinatore per l’esecuzione dei lavori, anche se non è detto che svolga questo compito. Per poterlo fare, il direttore dei lavori deve essere in possesso dei requisiti richiesti dalla normativa in vigore. Se così non fosse, deve essere nominato, comunque, un coordinatore che abbia la responsabilità di verificare le norme di sicurezza e la loro applicazione.

Direttore dei lavori: la conformità dell’opera

Altra responsabilità del direttore dei lavori è quella di accertare la conformità dell’opera al progetto e alle modalità di esecuzione. Così ha stabilito la Cassazione [1] nel pronunciarsi sul caso di un condomino che aveva denunciato il costruttore di un immobile per un danno subìto da infiltrazioni. Il costruttore, però, riteneva unico responsabile del danno il progettista-direttore dei lavori. Tuttavia, la Suprema Corte ha ritenuto che ci sia una responsabilità extracontrattuale in concorso tra il costruttore e chiunque abbia contribuito per colpa professionale alla determinazione del danno (in questo caso il direttore dei lavori).

Entrando nel merito della questione, la Cassazione ricorda che il direttore dei lavori risponde di un danno ad un terzo se non ha impartito le opportune direttive per evitare il danno stesso oppure non si è preoccupato di farle osservare, bloccando se necessario l’opera o, addirittura, rifiutandosi di dirigerla quando non vengono adottate le dovute cautele.

Infatti, la normativa impone al direttore dei lavori di ordinare la sospensione delle opere quando ci sono delle circostanze speciali che non consentono temporaneamente di realizzarle a regola d’arte. A tale scopo, è tenuto a redigere un verbale di sospensione insieme all’appaltatore o ad un suo legale rappresentante indicando i motivi dell’interruzione dei lavori, lo stato di avanzamento e le cautele da adottare affinché i lavori possano continuare. Durante la sospensione, il direttore dispone delle visite al cantiere con intervalli di tempo non superiori a 90 giorni per tenere la situazione sotto controllo. Nel momento in cui le ragioni dell’interruzione delle opere vengono meno, il direttore dei lavori redige un verbale di ripresa in cui vengono precisati i nuovi termini contrattuali.

È responsabilità del direttore dei lavori disporre le opportune varianti al progetto iniziale dopo l’opportuna approvazione del committente.

note

[1] Cass. sent. n. 8700/2016.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI