Diritto e Fisco | Articoli

Immigrazione: no al ricongiungimento se il matrimonio è strumentale

22 Febbraio 2013 | Autore:
Immigrazione: no al ricongiungimento se il matrimonio è strumentale

Lo straniero più volte espulso, che rientra in Italia senza autorizzazione, non può invocare il ricongiungimento familiare per aver contratto matrimonio con un’italiana nel proprio Paese d’origine.

 

Se un immigrato è stato espulso più volte dal nostro Paese, non può farvi ritorno solo per aver sposato all’estero una donna italiana a meno che non dimostri il possesso dei seguenti requisiti:

– egli deve provare di aver convissuto con il coniuge;

– egli deve essere in possesso di autorizzazione del Ministero dell’Interno.

Pertanto, se lo straniero rientra nel nostro Paese senza i predetti requisiti, per lui si spalancano le porte del carcere.

Lo ha chiarito di recente la Cassazione, intenzionata a porre un freno ai matrimoni contratti solo per ottenere il permesso di soggiorno. Nella sentenza in questione [1], la Suprema Corte ha confermato la condanna nei confronti di un albanese a sedici mesi di reclusione per immigrazione clandestina. L’uomo, già in precedenza espulso con accompagnamento alla frontiera, era rientrato senza l’autorizzazione del Ministero dell’Interno. Fermato dalle autorità, aveva motivato il ritorno in Italia con la necessità di ricongiungersi alla moglie italiana, sposata in Albania poco tempo prima. I giudici, chiamati a decidere sul caso, hanno rilevato la mancanza dei presupposti necessari per considerare legittimo il suo ritorno in Italia, dal momento che non aveva ottenuto l’autorizzazione ministeriale e non era convivente con il coniuge.


note

[1] Cass. sent. n. 7912/2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube