Cultura e società | Articoli

Sospetto tradimento: quali indagini fare

11 Nov 2018 | Autore:


> Cultura e società Pubblicato il 11 Nov 2018



Hai dedicato la vita al tuo amato partner ma oggi hai il sospetto che ti tradisca e non riesci a darti pace. Ecco quali indagini puoi fare per toglierti ogni dubbio.

Secondo la letteratura giudiziaria ed investigativa oltre il 70% dei tradimenti si consuma sul posto del lavoro dove, bene o male, ciascuno vive a stretto contatto, gomito a gomito, e per la maggior parte della propria giornata, magari anche il pranzo, col collega. Inoltre, sempre in base all’esperienza sul campo degli esperti, pare che i posti di lavoro che percentualmente risultano a maggiore rischio di tradimento sono,  rispettivamente dal più probabile al minore: gli ospedali, gli studi professionali,  le redazioni giornalistiche,  gli uffici  della pubblica amministrazione, le banche e gli istituti scolastici. Nella maggior parte dei casi, poi, l’oggetto del desiderio del fedifrago è una persona del sesso opposto: insomma, il classico tradimento. Ma, anche se in percentuale molto bassa, non mancano i tradimenti a sfondo omosessuale. Ed attenzione a pensare di tacciare di tradimento solo le coppie eterosessuali, atteso che è dimostrato che il cancro dell’infedeltà non esime neppure i rapporti tra persone dello stesso sesso. Ma al di là di quelle che sono le casistiche, poiché non c’è nulla di più ambiguo dell’animo umano, se si ha la sfortuna di aver scelto come compagno di vita un fedifrago, ufficio o meno, aspettati di vedere tradita la tua fiducia indipendentemente dal fatto che l’infedeltà si verifichi sul posto di lavoro. Sospetto tradimento: quali indagini fare? Ci sono consigli su quali indagini fare per scovare l’ingrato/a fedifrago/a? Certamente si. Ed anzi, è auspicabile, non appena si abbia il dubbio che qualcosa non va, prima ancora di interessare del problema un investigatore privato, certamente l’unico capace di poter scovare le prove della colpevolezza o della innocenza del proprio compagno di vita, appurare personalmente le abitudini del partner per sondare la fondatezza o meno del sospetto. Questo perché è possibile per ciascuno scoprire i segnali del tradimento ed anche acquisire le prime prove per un eventuale reazione, anche a livello giudiziario.

I segnali del tradimento

Se pensi che sia difficile scoprire se e quando il tuo partner ti tradisce, in verità, sei in errore. Infatti, basta solo osservare i dettagli per scoprire se il tuo lui o la tua lei è infedele. È inevitabile, infatti, che con la presenza di un terzo soggetto nella vita di coppia, il fedifrago cambi le proprie abitudini. Quindi, i primi segnali del tradimento derivano proprio  analizzando la routine quotidiana della persona, che è la prima importante lente di ingrandimento di ciò che sta accadendo nella sua testa (e nella tua vita).

È evidente che la scoperta di una infedeltà distrugge parte di te stessa perché inevitabilmente l’adulterio impedisce alla coppia di raggiungere quelli che erano i progetti di vita in comune, minando l’aspetto fondamentale del rapporto di coppia: la fiducia. Ma, probabilmente, è capace in modo più incisivo di ferire perché fa bruciare sulla pelle uno dei più sentiti fallimenti (quello sentimentale) oltre a far sentire impotenti ed insicuri di fronte alla insensibilità dell’altro ed alla violazione dei propri sentimenti. Ma, senza sottoporsi ad inutile stress né cambiare scioccamente il proprio atteggiamento, che non dovrà mai essere aggressivo, quando si ha il sospetto di un tradimento ecco cosa bisogna fare: rimanere calmi o, quantomeno, equilibrati fintanto che non si ha la certezza della verità dei fatti.

Cambiamenti nelle abitudini

I primi segnali derivano, dunque, dai cambiamenti dello stile di vita. Ad esempio: il partner inizia a far lavare l’autovettura più spesso rispetto ad un tempo, usa profumazioni mai volute nel proprio veicolo o lascia nel mezzo degli abiti di ricambio. Ed ancora, aumentano gli appuntamenti di lavoro oppure si sentono nominare colleghi mai conosciuti prima.  Infatti, quando vi è un tradimento in atto, ci sono cambiamenti inevitabili come quelli (tipici) relativi agli orari di lavoro che, improvvisamente, si allungano.

Oppure, si nota che le abitudini del partner, da un giorno all’altro, vengono abbandonate. Anche le piccole modifiche nell’ambiente in cui vive il fedifrago [1] sono indicative di qualche cambiamento: come con l’autovettura così anche con la casa o ancora con altri luoghi di frequentazione dove, ad esempio, possono comparire oggetti nuovi, mai visti prima. O, ancora, compaiono biglietti da visita di ristoranti, nei quali mai siete stati. Oppure, un altro esempio, il coniuge inizia a dedicarsi in modo particolare al proprio aspetto, curando la propria persona ed utilizzando profumi a cui, prima d’ora, non si era mai interessato.

Il cellulare diventa la sua seconda pelle

I rapporti di coppia ormai non possono vivere senza contatto pressoché quotidiano. E ciò passa, nella stragrande maggioranza dei casi, attraverso l’uso del fedele cellulare. Ecco perché, quando avviene un tradimento, un altro cambiamento che si nota nell’infedele è l’inizio di un rapporto quasi morboso con il telefonino. Ad esempio, contrariamente a quanto avveniva prima, il partner inserisce una password per accedere alla memoria del telefonino. Oppure, appena rientra in casa, inizia a porlo in modalità silenziosa o, peggio ancora, lo spegne. Altri esempi sono rappresentati da possibile squilli anonimi o telefonate in orari insoliti sul cellulare. Oppure, si può notare l’arrivo di telefonate che inducono il compagno –appena visto il numero del chiamante- ad allontanarsi dal luogo in cui sei tu o, ancora, l’uso continuo di messaggi WhatsApp o di altre chat. Non solo: il rapporto quasi simbiotico con il telefonino conduce il partner a portarlo ovunque si sposti in casa, finanche in bagno o sul terrazzo.

Cambiamenti negli atteggiamenti verso di te

Uno dei cambiamenti più spiacevoli è quello rappresentato dalla comunicazione con te che, improvvisamente, si rende difficile o viene del tutto eliminata. Capita spesso, inoltre, che chi tradisce inizi ad attaccare il proprio partner, che viene visto come un ostacolo alla realizzazione del nuovo piacere o un vecchio orpello [2] non più necessario. Questo lo porta ad aggredire, anche solo verbalmente, il compagno di vita per tentare di obbligarlo ad abbandonare il campo, in modo tale da avere maggiore libertà di movimento.

Diminuiscono i momenti di intimità che, magari, diventano sempre più rari o freddi o, ancora, disinteressati o, infine, più trasgressivi rispetto a quanto mai siano stati prima. E ciò che aumenta, invece, sono le occasioni per litigare o denigrare. Improvvisamente la moglie diventa una madre incapace od una pessima casalinga od una egoista arrampicatrice sociale. Il marito, invece, diventa un compagno inadatto a far godere od un inetto sul posto di lavoro o, ancora, un pervertito che guarda video porno quando, magari, non è affatto così.

Quali indagini fare per scovare un tradimento?

Se si ha il dubbio dell’esistenza di un tradimento per eliminarlo, nel bene o nel male, è possibile indagare su alcuni oggetti di uso comune della vita del proprio partner oltre che effettuare dei pedinamenti per comprendere le abitudini quotidiane dello stesso. Ogni informazione che si riesce ad ottenere sarà utile non solo per avere conferma, o meno, dell’esistenza dell’infedeltà ma anche per fornire all’investigatore notizie certe sulle abitudini dell’oggetto dell’osservazione professionale. Quindi, se si ha il sospetto di un tradimento ecco cosa fare.

Strumenti di indagine

C’è ben poco da scherzare, quando in ballo c’è la tua vita, che tu sia capace o meno di rimanere freddo di fronte alla possibile fine del tuo rapporto di coppia, stai certo che scoprirai di possedere una naturale capacità ad investigare. Tuttavia, è bene precisare che se non si ha la competenza, effettivamente si potrebbe anche rischiare o di farsi smascherare dal partner o di farsi davvero male, magari facendo qualcosa di illegale. Ad esempio, attenzione ad utilizzare il cellulare, che il proprio compagno ha lasciato incustodito, senza averne mai avuto il permesso: infatti, anche se le prove fossero così acquisite (e valide per un giudice) si rischierebbe una sonora condanna, e conseguente obbligo di risarcire il danno, per violazione della privacy.

Quindi, vediamo assieme, passo dopo passo, come uscire indenni dalle indagini personali, con la prova della innocenza o colpevolezza della propria dolce metà. Quelli che seguono sono gli strumenti su cui dirigere la tua attenzione e le future tue armi nella eventuale battaglia legale (in caso, ad esempio, di separazione personale  con addebito di colpa alla controparte).

Controllo del cellulare

Uno dei primi strumenti utili per scoprire le infedeltà è il cellulare che, come anticipato, diventa il principale mezzo di comunicazione con l’amante. Quindi, indipendentemente dal fatto che tu possa accedere al contenuto dell’apparecchio o meno, quando il proprio partner inizia a dipendere dal mobile vuol dire che qualcosa non va. Invece, quando a te è stato sempre permesso l’accesso al cellulare, un monitoraggio della cronologia di WhatsApp o delle email ti permetterà di notare (ed annotare) le attività del tuo lui o della tua lei.

Controllo del navigatore satellitare

L’auto che usa il tuo partner, magari, è la stessa vettura che utilizzi anche tu saltuariamente. Bene, una piccola analisi del navigatore satellitare che il proprio compagno usa per i suoi spostamenti potrebbe far saltar fuori dei viaggi particolarmente lunghi che, un tempo, non esistevano oppure posti nuovi o luoghi visitati con una certa frequenza e gli eventuali orari. Se queste informazioni non dicono, di certo, se c’è infedeltà o meno, rappresentano, invece, un punto di partenza per i successivi passi, come il pedinamento.

Controllo del computer

Se il tuo coniuge, ad esempio, tempo addietro ti ha fornito la password del suo PC ed hai necessità di utilizzarlo, sarà possibile ricostruire, tramite le “risorse recenti” o la cronologia su internet o la posta in arrivo ed in uscita, i movimenti del partner. E scovare per caso, ad esempio, che la tua dolce metà usa costantemente dei servizi di chat erotiche. O acquista con frequenza sempre maggiore film porno on line. Ovviamente, si ribadisce, l’accesso al computer deve sempre avvenire in modo legittimo, vale adire che non è possibile rubare la password di accesso ed entrarvi senza il consenso del partner, poiché, diversamente, il sottile limite tra il lecito e l’illecito viene superato.

Controllo dei social network

Una foto strana postata sul suo profilo o una fotografia dello stesso oggetto pubblicata dal tuo amore e da un’altra persona nello stesso giorno e dalla stessa posizione o, ancora, un commento inappropriato di terzi o del tuo partner. Infine, una presenza costante sul profilo della tua dolce metà (o del tuo compagno su di un profilo di terzo). Questi ed altri ancora sono tutti esempi di come, da una casualità, si possa risalire a verità. O come da troppi like si possa risalire a conoscenze che ti sono tenute nascoste…

Controllo della carta di credito e degli estratti bancari

Altro modo per scoprire se qualcosa è cambiato, o sta modificando, è monitorare gli estratti conto del conto corrente e della carta di credito. Questo perché, in una coppia, con o senza figli, il trend di spesa rimane, bene o male, costante. Ma se improvvisamente iniziano ad esserci degli incrementi delle uscite o delle voci di spesa che non trovano giustificazione, questo è il segnale che indica che è tempo di iniziare ad indagare in modo approfondito.

Pedinamento

Il pedinamento in incognito permette di avere un realistico percorso quotidiano del partner. Questo è un aspetto molto importante perché, anche se si dovesse decidere per coinvolgere un investigatore privato, rappresenta il punto di partenza del professionista. Infatti, molte volte i presunti traditi che si rivolgono agli investigatori asseriscono che i coniugi vivono una vita tendenzialmente monotona, entrando di mattina presto in ufficio ed uscendo la sera tardi dal posto di lavoro. Ma, quasi puntualmente, l’espletamento dei pedinamenti permette di sfatare questi luoghi comuni e di vedere, ad esempio, che l’infedele usciva a pranzo sempre con la stessa persona che, alla fine, viene smascherata come l’amante.

Agenzia investigativa

Se c’è fondamento di un tradimento ecco come scoprirlo in modo definitivo. Il passo finale, con cui non ci si sbaglia mai, è quello di rivolgersi ad una agenzia investigativa che possa accertare e comprovare l’esistenza del tradimento o della lealtà del proprio partner. Ed è qui che ti renderai conto di come tutte le informazioni che in precedenza avrai raccolto risultano utili per il miglior espletamento delle investigazioni, perché rappresentano il punto di partenza del detective privato.

La circostanza più importante, del rivolgersi al soggetto specializzato, è che lo stesso sarà in grado non solo di effettuare tutti quegli accertamenti di cui abbiamo parlato prima (come i pedinamenti) nel modo più efficiente ed efficace ma anche di provare quanto sarà visto od accaduto o scoperto dallo stesso mediante la redazione di un report investigativo che sarà molto utile (assieme alla sua testimonianza) in caso di separazione personale dal fedifrago. E non dimenticarti di chiedergli il risarcimento dei danni, inviando i tuoi saluti all’amante: perché si realizzi il saggio proverbio per cui “chi di spada ferisce, di spada perisce”.



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI