Tech | Articoli

Domotica: come collegare a internet gli elettrodomestici

11 Novembre 2018


Domotica: come collegare a internet gli elettrodomestici

> Tech Pubblicato il 11 Novembre 2018



La domotica, scienza che studia la tecnologia per migliorare la vita in casa, incontra l’internet delle cose e gli elettrodomestici diventano intelligenti.

La domotica è la scienza che si occupa delle tecnologie che possono migliorare la tua vita e rendere più semplici tutte le azioni che svolgi tra le mura domestiche. Se decidi di applicare la domotica alla tua casa vuol dire che tutti i tuoi impianti saranno dotati di sensori e di dispositivi elettronici che verranno comandati da un centro unico. Non confonderla con l’Internet delle cose, o Internet degli oggetti, IoT, che, invece, rappresenta la rete di tutti i dispositivi che non sono computer ma che sono connessi a Internet. Vediamo cosa sono IoT e domotica: come collegare a Internet gli elettrodomestici e come utilizzarli per le tue esigenze.

Domotica e casa intelligente

In una casa intelligente la tecnologia è utilizzata per rendere la vita più comoda e confortevole, semplificando le azioni quotidiane, controllando i consumi e aumentando sicurezza e risparmio di tempo ed energia. La domotica realizza gli impianti che mettono in comunicazione tutti i dispositivi della casa, tramite un’unità centrale che può essere un PC o una centralina. Una telecamera che si accende, le tapparelle che si alzano, un cancello che si apre, un condizionatore o un impianto audio che entra in funzione, una lampada che si illumina all’ora stabilita: sono tutte azioni che puoi comandare dall’unità centrale e che, se ben programmate, semplificano le tue incombenze e ti fanno risparmiare.

Pensa, ad esempio, al risparmio energetico se potessi sempre sfruttare al meglio la luce del giorno e se ti ricordassi ogni volta che lasci una stanza di spegnere le luci, o, ancora, se, alla sera, prima di andare a dormire spegnessi tutti i led in stand-by. Tutto ciò può essere realizzato con un collegamento limitato alla tua abitazione, sfruttando la comunicazione wireless e la possibilità di programmare lo svolgersi dei vari eventi.

Internet of Things: che cosa può essere collegato alla rete

Internet delle cose allarga a tutto il mondo reale quelle che erano azioni proprie di un computer: raccogliere i dati, elaborarli e trasmetterli in rete, ricevere informazioni ed eseguire ordini impartiti da remoto. Adesso tutto ciò viene ampliato in modo, fino a pochi anni fa, inimmaginabile. L’obiettivo primario dell’IoT è quello di semplificare la vita: oggetti di ogni tipo possono essere collegati, è sufficiente che abbiano un indirizzo IP, che è il codice che sulla rete identifica univocamente un dispositivo, esattamente come il tuo indirizzo, via e numero civico, identificano precisamente la tua abitazione.

Oltre all’IP devono possedere la capacità di trasmettere dati e informazioni e riceverli, senza che tu debba essere presente. Anche questo è semplice: pensa a quante volte hai programmato il videoregistratore per vederti la partita quando saresti tornato a casa dal lavoro, o a quante volte hai messo la sveglia sul telefono. Qui si tratta soltanto di una tecnologia più innovativa che cambierà le tue abitudini quotidiane.

Come si collegano gli elettrodomestici a Internet

Gli oggetti collegati alla Rete sono attualmente circa 5 miliardi e si prevede che, entro il 2020, essi diventeranno cinque volte tanti. Un numero impressionante, composto da auto, radio, sensori di ogni tipo collegati a dispositivi di ogni genere e per ogni funzionalità e elettrodomestici come forni, lavastoviglie, cappe aspiranti, macchine da caffè e lavatrici. Gli elettrodomestici connessi in rete sono in aumento, così come la produzione di dispositivi fisici e di app per gestirli. Collegare i tuoi elettrodomestici alla rete vuol dire ottimizzare il consumo e migliorare la sicurezza, perché sarai in grado di controllare la tua abitazione quando sei fuori, e anche di monitorare il loro funzionamento e di gestirne la manutenzione. Se hai iniziato a interessarti alla domotica e alla possibilità di creare e gestire la tua Internet delle Cose, ti sarai già scontrato con le difficoltà nel reperire dati certi e affidabili sui dispositivi di gestione che puoi trovare sul mercato, per poter valutare quelli più adatti a te.

La situazione attuale vede i maggiori produttori di elettrodomestici che, finalmente, hanno iniziato a considerare IoT un sistema da non lasciare confinato nelle mostre, ma da sviluppare sempre più per offrirlo ai propri clienti. Purtroppo, ciascuno di loro ha adottato un sistema diverso dagli altri competitors, creando confusione sul mercato. Senza ritenerlo un elenco esaustivo, ma solo indicativo, puoi trovare di seguito un elenco dei dispositivi che puoi utilizzare per gestire i tuoi elettrodomestici smart:

  • Siemens e Bosch: entrambi i marchi utilizzano la piattaforma Home Connect, un’app disponibile gratuitamente sia su App Store che su Google Play, che richiede la registrazione, con nome e indirizzo e-mail. Il sistema funziona con qualsiasi router Wi-Fi standard e, se l’elettrodomestico che vuoi collegare, si trova lontano dal router puoi usare tranquillamente un amplificatore di segnale. A proposito di impostazioni, ricorda che gli elettrodomestici sono compatibili con la banda a 2,4 GHz. Dopo l’intuitiva procedura di collegamento, seguendo semplicemente i vari menù, puoi utilizzare molte funzioni con cui, tramite l’utilizzo di una telecamera, puoi controllare da remoto la consistenza dei prodotti in frigorifero o verificare se devi acquistare il brillantante per la lavastoviglie, o impostare gli orari di avviamento degli elettrodomestici o, ancora, accendere e spegnere gli apparecchi quando sei fuori casa.
  • Electrolux: utilizza l’app My Electrolux. Si tratta di un’app gratuita per Android e per IoS con la caratteristica di essere stata sviluppata con un’attenzione particolare alla cucina e al suo elettrodomestico principe: il forno. Sull’app c’è un gran numero di ricette e il forno connesso può essere impostato in automatico per la temperatura e la durata di cottura prevista per ognuna di esse. Electrolux ha progettato anche un forno con la videocamera inserita nella maniglia di apertura: non correrai più il rischio di bruciare una pietanza se rientri a casa in ritardo, sarà sufficiente un’occhiata allo smartphone e potrai spegnere il forno al momento giusto.
  • Candy: con la serie di elettrodomestici Simply-Fi si è resa conto per prima che il futuro degli elettrodomestici è la connessione e ha aggiunto all’uso tradizionale quello tramite Internet, dotandolo anche di funzionalità aggiuntive. Dopo aver acquistato un prodotto equipaggiato con questa tecnologia, devi scaricare l’app gratuita Candy Simply-Fi disponibile su AppStore per iOS (a partire dalla versione 8.0) e su Google Play per Android (a partire dalla versione 4.4). Assicurati di avere a portata di mano il numero di serie del tuo elettrodomestico e l’ID e la password della tua rete domestica. Per prima cosa dovrai creare un account Simply-Fi, poi nella mappa seguente dovrai identificare l’elettrodomestico che ti interessa e inserire il suo numero di identificazione. A questo punto, lo troverai tra i dispositivi collegati e ti basterà evidenziarlo e connetterlo alla tua Rete, usando ID e password.
  • Samsung: il colosso coreano ha presentato la gamma dei propri elettrodomestici smart a EuroCucina, la grande mostra dell’arredo per la cucina, che si è tenuta a Milano nell’aprile 2018. La app da scaricare gratuitamente sul tuo smartphone o tablet per poter collegare tutti gli elettrodomestici Samsung predisposti si chiama Smart Things ed è disponibile per Android e per iOS. È ottimizzata per gli smartphone Samsung, quindi, se possiedi un dispositivo di altra marca, controlla prima che sia compatibile. L’uso dell’app è abbastanza intuitivo: dopo aver creato il tuo profilo essa cerca automaticamente i dispositivi compatibili e presenta il menù con le varie azioni possibili. Così potrai, ad esempio, controllare a distanza il forno, accendendolo prima di arrivare a casa, o monitorare, mentre sei al lavoro, lo stato della cottura dell’arrosto che stai, nel frattempo, cuocendo.
  • Apple: con l’app Casa di Apple, che si chiama Apple Home Kit e che puoi scaricare da Apple Store, puoi gestire tutti i dispositivi compatibili, direttamente dal tuo IPhone o dal tuo IPad. Come primo passo, devi aggiornare il tuo dispositivo Apple alla versione più recente di iOS, successivamente devi accedere a iCloud usando il tuo codice ID Apple e, nelle impostazioni, attivare il portachiavi iCloud e Home. I passi finali della procedura consistono nell’aggiungere l’accessorio che desideri e scansionare, con la telecamera, il codice HomeKit a 8 cifre che si trova sull’accessorio o il suo codice QR, così da collegarlo al tuo smartphone o tablet. Seguendo i menù proposti potrai poi gestire il sistema, secondo le tue esigenze.
  • Amazon ha sviluppato il proprio assistente virtuale Alexa che è in grado di eseguire comandi vocali, diffusi con un altoparlante come Echo Dot, e controllare i dispositivi elettronici e gli elettrodomestici predisposti. In Italia non è ancora arrivato, ma i grandi gruppi di produttori dovrebbero proporre entro il 2018 gli aggiornamenti software per consentire ad Alexa il controllo di grandi e piccoli elettrodomestici.
  • Whirpool: tutti gli elettrodomestici da incasso presenti nella zona cottura, microonde, forno tradizionale, cappa aspirante, macchina da caffè, sono stati progettati per poter essere connessi a Internet. L’app 6th Sense Live e il tuo modem/router sono tutto ciò che ti serve: scarica l’app gratuita, disponibile per Android e iOS e collega il tuo elettrodomestico predisposto, seguendo la procedura. Ad esempio, puoi gestire tutte le funzionalità della lavatrice WCollection da remoto, programmando le specifiche del lavaggio, facendola partire e potendo ricevere tutte le informazioni sul suo svolgimento senza dover essere necessariamente presente.

La giornata tipo in una casa domotica

Immagina come potrebbe essere la tua giornata se avessi una casa completamente domotica: potresti svegliarti all’ora stabilita, con la tua musica preferita o le notizie del telegiornale o le tue e-mail pronte da leggere, mentre il tuo impianto provvede ad alzare le tapparelle, accendere le luci, accendere il riscaldamento in bagno, modificare la temperatura delle varie stanze e mettere in funzione la macchina del caffè. Mentre ti dirigi verso la cucina si accendono le luci e il tuo frigorifero ti manda un messaggio con l’elenco degli alimenti che mancano.

Mentre sei al supermercato ti viene in mente di aver dimenticato di accendere la lavatrice e lo fai da lì, tanto il programma giusto lo sceglierà lei. Tornando a casa trovi il forno già acceso, con la cena cotta a puntino, mentre la cappa aspirante si è messa in funzione per eliminare ogni odore. La casa è pulita alla perfezione e il robot aspirapolvere è tornato nella propria sede per ricaricarsi. Arrivano gli ospiti, si accendono le luci nei punti giusti mentre i piatti sono i loro preferiti, perché il tuo forno si ricorda anche dei gusti dei tuoi amici. Prima di andare a letto, basta un click: le luci si attenuano, le tapparelle si chiudono, l’allarme si inserisce. Buonanotte: il futuro è già qui!


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI