Diritto e Fisco | Articoli

Come avere tabulati telefonici della moglie

15 ottobre 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 15 ottobre 2018



Come ottenere i tabulati del telefono di tua moglie? Come fare richiesta per prendere visione delle chiamate in entrata e in uscita?

Un buon marito si fida sempre di sua moglie: non ha bisogno di sapere dov’è, chi frequenta e con chi parla a telefono. L’amore che li unisce fa sì che la fiducia sia alla base del loro solido rapporto. Peccato che la condizione ideale appena descritta finisca dopo pochi giorni dal fatidico «sì»: più il tempo passa, maggiori sono i dubbi che si addensano nella mente del coniuge, il quale comincia a dubitare del partner anche quando si assenta senza giustificazione per dieci minuti. Il problema è che, al giorno d’oggi, controllare una persona è divenuto difficile a causa di internet: le distanze si sono accorciate e chiunque può intrecciare una relazione con un’altra persona anche a chilometri e chilometri di distanza. Cosa fare, dunque? Se sospetti della fedeltà di tua moglie, come puoi fugare i tuoi dubbi? In realtà, un modo ci sarebbe: quello di controllare i tabulati telefonici. Il problema è che farlo non è semplice; una volta riuscito nell’impresa, però, potrai prendere visione di tutte le chiamate fatte e ricevute dal telefono di tua moglie. Non sai come avere i tabulati telefonici della tua consorte? Pensi che sia illegale? Se continuerai a leggere questo articolo, ti dirò come fare; prima di proseguire, però, voglio chiederti una cosa: sei davvero sicuro di voler sapere chi contatta la tua compagna? Se è così, non dire che non ti avevo avvertito: prosegui nella lettura e vedrai come avere i tabulati telefonici della moglie.

Cosa sono i tabulati telefonici?

Come avere i tabulati telefonici della moglie? Ogni promessa è debito e, quindi, te lo dirò senz’altro. Prima di procedere, però, sei sicuro di sapere cosa sono i tabulati? Se non ne hai idea, allora te lo dico subito: i tabulati sono documenti che contengono l’elenco di tutte le chiamate effettuate da un telefono in un certo intervallo di tempo (gli ultimi trenta giorni, gli ultimi sei mesi, ecc.).

I tabulati telefonici registrano tutte le chiamate in entrata e in uscita, oltre a data, ora e durata della conversazione. Non è possibile ascoltare, invece, la conversazione intercorsa tra le parti, cioè le parole che gli interlocutori si sono scambiati: per fare ciò, sarebbe necessaria un’intercettazione vera e propria, la quale può essere disposta solamente dall’autorità giudiziaria ed esclusivamente per reati molto gravi.

Come chiedere i tabulati telefonici?

Contrariamente a quanto si possa pensare, avere i tabulati telefonici è piuttosto semplice: è sufficiente farne richiesta al proprio operatore. Il punto, però, è che solo il titolare dell’utenza è legittimato a inoltrare la domanda: in altre parole, la richiesta di tabulati telefonici può essere presentata alla compagnia solo dall’intestatario dell’utenza, ossia da colui che ha concluso il contratto di telefonia. La maggior parte delle compagnie consente di chiedere i tabulati delle conversazioni più recenti registrandosi direttamente sul sito internet e accedendo alla propria area personale.

Per avere i tabulati telefonici di tua moglie potresti pensare di farti cointestare l’utenza: in questo caso, infatti, ogni intestatario può chiedere alla compagnia telefonica (di rete fissa o mobile) l’elenco delle chiamate in uscita e in entrata, anche senza il consenso dell’altro titolare. Facile, no? È un po’ come avere un conto cointestato in banca, ove ogni intestatario può accedere per avere informazioni.

In caso contrario, invece, gli operatori non ti consentiranno di avere i tabulati telefonici della moglie, in quanto la normativa sulla privacy vieta la diffusione di questo tipo di dati. Dovresti solo sperare in un errore della compagnia, la quale poi incorrerebbe in responsabilità nei confronti del titolare.

Come avere tabulati telefonici di tua moglie?

Se, quindi, vuoi avere i tabulati telefonici di tua moglie e non sei cointestatario dell’utenza, non hai altra scelta: devi andare in tribunale. Il giudice, però, potrà farti avere i tabulati telefonici di tua moglie solamente se la tua richiesta sia rilevante, cioè se sia sostenuta da un interesse apprezzabile.

Invero, è difficile che il giudice possa accordarti l’accesso ai tabulati telefonici di tua moglie solamente perché sospetti di lei o cerchi le prove del tradimento: diverso sarebbe il caso, invece, in cui la tua richiesta sia sorretta da prove inconfutabili, soprattutto se attinenti alla commissione di un crimine (pensa allo stalking o alle minacce, ad esempio). Pensa che nemmeno l’avvocato può avere i tabulati telefonici di un’altra persona, neanche se motiva la richiesta con «esigenze di giustizia» quando si tratta, ad esempio, del futuro avversario in una causa

Quindi, se non sei tu il titolare dell’utenza e non ottiene il consenso del legittimo intestatario, solo il giudice può concederti la visione dei tabulati telefonici della moglie.

note

Autore immagine: Pixabay.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI