Business | Articoli

Case: come scovare l’affare. Col crollo delle vendite, prezzi in ribasso

11 Settembre 2013


Case: come scovare l’affare. Col crollo delle vendite, prezzi in ribasso

> Business Pubblicato il 11 Settembre 2013



Le abitazioni più convenienti sono quelle di grandi metrature o da riqualificare con gli incentivi del 50 e 65%: prezzi sono in generale ribasso del 20-25%.

I prezzi delle case sono calati del 20-25% dall’inizio della crisi e i potenziali acquirenti tornano ad affacciarsi nelle agenzie.

Comprare un immobile, in questo momento, potrebbe essere un affare, ma gli operatori avvertono che ci sarà un ulteriore calo dei prezzi (anche se inferiore rispetto al crollo registrato nel 2012). Insomma, il minimo non è stato ancora toccato.

Una scelta logica imporrebbe di aspettare il punto più basso delle quotazioni prima di comprare. Ma la gente è comunque tornata ad affacciarsi nelle agenzie immobiliari, a raccogliere informazioni, a prendere listini in cerca dell’occasione, sia che si tratti di prima casa o di uso investimento. Timidamente: perché c’è ancora molta confusione sui tempi della riprese e, soprattutto, sull’eventualità della futura service tax.

Fatto sta che la curva discendente dei prezzi è vicina al punto più basso e, pertanto, è tornato anche l’interesse. Certo, la situazione è molto differente rispetto a quando si vendeva qualsiasi cosa: oggi i compratori sono più consapevoli del livello dei prezzi e sono in cerca dell’occasione. Sono consapevoli, insomma, della posizione di forza da cui partono nella trattativa.

La richiesta di immobili è soprattutto concentrata sulla prima casa (il 65% delle compravendite) e se il settore si è bloccato per tutti questi anni è anche colpa delle banche, non più disposte a concedere mutui in modo indifferenziato o a concederlo a condizioni accettabili.

“Ma anche chi poteva comprare e negli anni scorsi era comunque rimasto alla finestra in attesa di tempi migliori e prezzi più bassi – commenta Fabiana Megliola, responsabile ufficio studi Tecnocasa, intervistata dal Sole 24 Ore – sta riprendendo le ricerche. Per chi può accedere a un finanziamento, infatti, l’acquisto attraverso il mutuo è nel lungo periodo più conveniente dell’affitto (nonostante i canoni in calo, ndr)”.

Un segmento importante del mercato è rappresentato dalle cosiddette sostituzioni: anche a parità di calo dei prezzi in termini percentuali tra la casa posseduta e una più grande, questa diventa più abbordabile che in passato in termini assoluti; convenienza che aumenta poi se si considera che il prezzo al metro quadrato in genere scende all’aumentare della superficie. Questo alla non facile condizione, però, di riuscire a “piazzare” la propria casa. “Ma i proprietari che vendono per riacquistare – nota Megliola – sono quelli che, rendendosi conto del livello dei prezzi nel momento della ricerca, sono più disposti ad abbassare le pretese”.

Le zone di pregio sono quelle più richieste, con un buon livello di efficienza energetica dell’appartamento.

Per le seconde case, si torna ad acquistare in località turistiche per uso misto (in parte per le proprie vacanze, in parte per dare in affitto).

Il mercato della locazione torna a tirare.

Una buona localizzazione (ad esempio vicino a università o ospedali) è strategica. in relazione alla possibilità d’affitto a un canone che permetta di non avere perdite secche (vedi: Imu seconda casa, ma anche spese correnti) e garantirsi una rendita netta del 2%.

Il mercato degli affitti è tornato a tirare a causa della domanda di chi non riesce a comprare, ed anche perché i canoni sono in calo (-5% nell’ultimo anno).

Dall’altro lato, però, cresce il rischio morosità degli inquilini (causa del 90% degli sfratti) e non è scarsa la probabilità, data l’elevata offerta di case in affitto, che l’appartamento rimanga vuoto per lunghi periodi.

Il prezzo deve essere comunque adeguato alle condizioni dell’immobile, in modo da avere la possibilità eventualmente di intervenire con opere di ristrutturazione, sfruttando gli incentivi del 50-65%.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI