Cultura e società | Articoli

Come bloccare la carta di credito in caso di smarrimento

11 Nov 2018


Come bloccare la carta di credito in caso di smarrimento

> Cultura e società Pubblicato il 11 Nov 2018



Hai perso la tua carta di credito e non sai cosa fare? Non farti prendere dal panico. Qui troverai tutte le operazioni da compiere e alcuni numeri utili da chiamare per bloccarla.

Oggi la carta di credito è uno degli strumenti più utilizzati. Il suo utilizzo comporta degli indubbi vantaggi, ad esempio la possibilità di pagare con un semplice gesto e in qualsiasi negozio (anche all’estero) senza la necessità di portare con sé molti contanti. Oppure può essere utilizzata per acquistare su siti di e-commerce o per pagare le bollette online, effettuando pagamenti in tutta sicurezza e comodamente da casa. Nonché offre la possibilità di tenere sempre sotto controllo il saldo e i movimenti attraverso il sito della propria banca o l’app sullo smartphone. Tuttavia se non si presta attenzione questa semplice tessera è facile da perdere. A tutti può capitare di smarrire la propria carta di credito. Infatti può accadere che la carta di credito scivoli dal portafoglio o che venga accidentalmente dimenticata in un negozio dopo aver effettuato un pagamento. Ma spesso quando ce ne rendiamo conto è già troppo tardi. E questo sfortunato evento comporta una serie di problemi da prevenire. Che cosa puoi fare allora per evitare che qualcuno possa trovarla e utilizzarla per fare acquisti a tua insaputa o peggio ancora clonarla? Non farti prendere dal panico e agisci tempestivamente, a volte basta una semplice telefonata. Per non essere impreparato vediamo insieme come bloccare la carta di credito in caso di smarrimento.

Come puoi bloccare la carta di credito?

Dopo esserti reso conto di aver perso la carta di credito, la mossa immediatamente successiva è quella di procedere al suo blocco. Ma prima del blocco vero e proprio (che comporta la disattivazione della tua carta di credito e la necessità di richiedere la sostituzione con una nuova) puoi procedere con la sospensione cautelativa. La sospensione cautelativa si fa per i primi giorni in cui si spera di ritrovare la carta di credito. Questo ti permette di renderla nel frattempo un mero pezzo di plastica inutilizzabile da chiunque la trovi. Ti raccomandiamo di non perdere tempo inutilmente cercando la carta in posti impensabili e di agire il prima possibile. Infatti nel momento in cui segnali lo smarrimento, oltre che a renderla inutilizzabile, decadi anche dalla responsabilità per eventuali utilizzi illeciti della carta.

Quindi prima di tutto recati in filiale oppure telefona al numero verde messo a disposizione dall’emittente della carta e chiedi la sua sospensione. L’istituto di credito dovrà renderla inattiva e ti verrà fornito un codice di sblocco. Chiedi alla tua banca anche di rilasciarti un estratto conto per verificare la presenza di eventuali pagamenti non autorizzati. Se sei fortunato e la ritrovi, basterà recarti in filiale o chiamare il numero verde per procedere al suo sblocco comunicando i tuoi dati e il codice fornito dall’operatore. Una volta sbloccata potrai utilizzare di nuovo la tua carta. Se invece non riesci a trovare la tua carta di credito dovrai procedere al suo blocco definitivo. Anche in questo caso dovrai chiamare il numero verde oppure recarti in filiale. S

e qualcuno ha preso la tua carta e riesce a fare delle spese prima della sospensione e del blocco ci rimetterai al massimo 50 euro mentre le spese effettuate dopo dovranno essere rimborsate dalla banca.

Quali sono i numeri utili per bloccare la carta credito?

I centri preposti alle richieste di sospensione cautelativa e di blocco sono attivi 24 ore su 24 e il numero cambia a seconda dell’istituto di credito emittente. Per il circuito Bancomat è presente il numero unico nazionale della Centrale d’Allarme Blocco Carte. Il numero verde da contattare in questo caso è 800.822.056.

Altri numeri utili per bloccare la carta di credito sono:

  • il numero verde 06.72900347 per il circuito American Express;
  • il numero verde 800.15.16.16 per il circuito CartaSi;
  • 800.970.866 per le carte Mastercard;
  • 800.819.014 per le carte VISA;
  • 800.652.653 per bloccare il Postamat;
  • per bloccare la Postpay chiama il numero 800.902.122.

Puoi anche contattare direttamente i numeri messi a disposizione dalla tua banca emittente. Ad esempio se hai una carta di credito presso Unicredit il numero verde da contattare è 800.078.777 oppure il numero verde di Intesa San Paolo è 800.303.303. Il numero verde da chiamare per le carte emesse da Deutsche Bank è 800.207.167 mentre per quelle emesse da Monte dei Paschi di Siena è 800.922.100. Mentre per bloccare la carta di credito di BPER Banca il numero verde messo a disposizione per il blocco è 800.440.650. Una volta parlato con l’operatore segnati il suo nome, la data, l’ora della richiesta nonché l’eventuale codice di blocco che ti ha fornito.

Che cosa fare dopo aver richiesto il blocco?

La seconda operazione da compiere è quella di presentare regolare denuncia presso le autorità competenti. Dovrai fornire ai carabinieri o alla polizia i tuoi dati personali, il numero della carta di credito e il codice di blocco fornito dall’operatore. In alternativa puoi procedere alla denuncia via web attraverso il sito della polizia o dei carabinieri: registrati e compila i moduli. Al termine della procedura, il sistema rilascerà una ricevuta con un codice identificativo e un codice di attivazione della denuncia da presentare entro due giorni presso il comando prescelto. Alla fine della procedura di compilazione, verrà inviata al tuo indirizzo di posta elettrica la conferma della data e dell’ora dell’appuntamento. Infatti per conferire valore legale alla denuncia è necessario presentarsi di persona per sottoscrivere l’atto davanti alle autorità competenti.

La formalizzazione della denuncia avviene in modo rapido poiché è prevista una corsia preferenziale per chi ha presentato denuncia online. Non farai la fila e risparmierai tempo. Non dimenticare di portare con te i codici rilasciati al termine della procedura online. Le autorità competenti una volta effettuata la denuncia ti rilasceranno una copia della stessa. Entro due giorni lavorativi dovrai presentare alla banca o alla società emittente la copia della denuncia allegando anche la data e l’ora della richiesta di blocco. Puoi inviare una copia tramite raccomandata a/r oppure consegnarla a mano. A questo punto sarà annullata la vecchia carta di credito e potrai chiedere la sua sostituzione. Le modalità di richiesta sono diverse a seconda della banca con cui hai sottoscritto il contratto. La modalità prevista da tutte le banche è quella di richiederla presso la propria filiale. Quest’operazione non è sempre gratis, alcune banche chiedono una commissione al massimo di 30 euro. La nuova carta di credito emessa avrà le caratteristiche di quella precedente e arriverà tramite posta presso il tuo domicilio o se preferisci verrà recapitata nella tua filiale. Altre banche prevedono anche la possibilità di richiesta tramite fax allegando copia del documento di riconoscimento oppure la possibilità di richiederla tramite il sito web.

Con la consegna della copia della denuncia puoi chiedere anche il disconoscimento delle operazioni ritenute improprie e chiederne il rimborso. La richiesta di rimborso può essere effettuata inviando la raccomandata a/r all’istituto di credito contestando l’estratto conto entro 60 giorni. È importante adempiere tempestivamente la comunicazione altrimenti in caso di operazioni fraudolente non è possibile ricevere il rimborso degli addebiti non dovuti. Cosi come non sarà rimborsato nulla se le autorità competenti scoprono che lo smarrimento è simulato. A volte, però, la carta può essere bloccata per azione della banca. È un’operazione che si può subire a sorpresa senza denuncia da parte nostra. Il motivo principale è quello del blocco per ragioni di sicurezza: è utilizzato dalla banca come misura di emergenza in seguito a transazioni e movimenti sospetti (perché potrebbero essere indizi di clonazione della carta di credito). Oppure puoi subire un blocco quando il tuo conto è in rosso con i pagamenti. Sarà la banca a mettersi in contatto con te, prima o dopo le operazioni di blocco. Anche se in genere il blocco avviene previa comunicazione per evitare disagi al cliente.

Se lo smarrimento avviene all’estero?

L’iter da seguire è lo stesso anche se hai smarrito la tua carta mentre ti trovi all’estero. Ma il numero verde da chiamare è differente. Puoi reperirlo in modo veloce consultando il sito internet della tua banca o del circuito elettrico della tua carta di credito. Qualora la carta abbia la funzione bancomat o pago bancomat è necessario chiamare anche l’Ufficio Blocco della SIA al numero verde 800.822.056. Ricordati che prima di effettuare la chiamata dall’estero devi inserire il prefisso +39 davanti al numero verde. Annota sempre la data e l’ora della telefonata, il nome dell’operatore che ti ha fornito assistenza e il numero di blocco.

Questi sono alcuni numeri utili per bloccare la carta di credito se ti trovi all’estero:

  • per bloccare le carte del circuito American Express il numero è 06.72900347;
  • per bloccare la carta Bancoposta il numero è 0432.744106;
  • per le carte emesse dalla BNL il numero per bloccare è 06.87408740;
  • per il circuito CartaSì il numero da chiamare è 02.34980020;
  • per le carte emesse da Intesa San Paolo il numero è 02.89137212;
  • per Unicredit Banca il numero per poter bloccare la carta è 045.8064686;
  • per le carte emesse da Deutsche Bank il numero è 0432744106;
  • per le carte emesse da Montepaschi di Siena occorre chiamare il numero 02.34980176;
  • per le carte emesse da BPER Banca il numero da chiamare è 0792839699.

Non appena possibile sporgi denuncia alle forze dell’ordine. Sulla denuncia di smarrimento dovranno essere riportarti i seguenti dati:

  • i tuoi dati anagrafici e/o il numero di passaporto;
  • data e luogo di smarrimento;
  • il nome della tua banca;
  • il numero di bancomat e da chi è stata emessa (se non ricordi il numero richiedilo alla tua banca);
  • il numero di blocco dato dall’operatore.

Una volta effettuata la denuncia di smarrimento invia una copia della denuncia alla tua banca, allegandola alla lettera di richiesta di emissione di una nuova carta di credito. Poiché ti trovi all’estero e magari non hai molti contanti con te, puoi chiedere la sostituzione rapida della tua carta. La richiesta va fatta all’emittente al momento del blocco della carta. La nuova carta ti verrà spedita entro un giorno. Alcune banche prevedono la restituzione della carta sostitutiva una volta rientrati in Italia.

Come proteggere la Carta di Credito?

Prevenire è meglio che curare! Ecco qualche suggerimento per proteggere la tua carta di credito.
Quando richiedi la carta di credito alla tua banca è buona norma richiedere l’attivazione del servizio alert via sms o via mail, in modo da poter essere sempre aggiornato sugli acquisti effettuati e verificare eventuali spese da te non compiute. Inoltre ricorda di conservare una fotocopia della tua carta di credito e del tuo documento di riconoscimento, in modo da avere sempre a disposizione i dati importanti (soprattutto se ti trovi all’estero). Annota o memorizza nella tua rubrica dello smartphone il numero verde per il blocco della carta di credito (sia quello da chiamare dall’Italia sia quello necessario per il blocco dall’estero). Quando effettui pagamenti nei negozi cerca di non dimenticare la tua carta, ma soprattutto evita di digitare il pin accanto a occhi indiscreti.

Dopo lo smarrimento controlla spesso l’estratto conto per verificare operazioni non autorizzate o fraudolente. Non conservare mai il pin segreto insieme alla carta, in questo caso potresti non ottenere il rimborso se il prelievo è effettuato allo sportello automatico da un terzo che ha ritrovato la carta di credito.

Cosa fare nel caso di furto?

Nel caso di furto le operazioni da seguire sono le medesime. Richiedi il blocco della carta in filiale o tramite telefono (rivolgendoti ai numeri segnalati prima). Immediatamente dopo, sporgi denuncia dell’accaduto presso Stazione dei Carabinieri o presso la Polizia o tramite il servizio online. Invia la copia della denuncia alla banca o alla società emittente per l’emissione della nuova carta.

Altri consigli utili

Non perdere mai di vista la persona alla quale consegni la carta per l’acquisto durante la transazione. Inoltre non farti distrarre durante il passaggio della carta e verifica che non sia passata più di una volta. Conserva gli scontrini fino all’arrivo dell’estratto conto. Se sei un appassionato di acquisti online acquista sempre su siti sicuri e affidabili, cioè protetti dai sistemi di sicurezza SSL e SET (riconoscibili dalla presenza del lucchetto che appare sulla schermata).

Invece quando prelevi dallo sportello automatico verifica che non ci siano persone ferme in atteggiamento sospetto. Durante la digitazione del codice utilizza l’altra mano per coprire il pin, in questo modo renderai difficoltoso la presa di conoscenza del codice attraverso microtelecamere installate in precedenza. Se dopo l’operazione la carta rimane all’interno dello sportello chiama il numero verde e procedi all’operazione di blocco.

Di GIADA VERRINA


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI