Diritto e Fisco | Articoli

Autovelox: gli estranei non devono entrare nella foto

22 febbraio 2013


Autovelox: gli estranei non devono entrare nella foto

> Diritto e Fisco Pubblicato il 22 febbraio 2013



Autovelox e fotografie: quando l’eccesso di velocità mal si concilia con la privacy

Vietato riportare, nelle foto scattate dagli autovelox, immagini di soggetti diversi dal conducente dell’auto. A ripeterlo, ancora una volta, è il Garante della privacy [1]. Il codice della privacy, infatti, vieta di conservare immagini di soggetti non coinvolti nella documentazione relativa alle multe stradali.

Nel caso analizzato dal Garante, un automobilista aveva subìto una multa per eccesso di velocità e, ricevute le foto dell’infrazione, aveva notato che le stesse riproducevano un’altra auto, che viaggiava nella corsia opposta, estranea alla contravvenzione; in essa erano visibili conducente e passeggeri, nonché il numero di targa. Quindi potevano essere identificati.

Il Garante ha ribadito che nella trasmissione delle foto non devono essere visualizzabili terzi estranei al procedimento amministrativo.

La questione si era posta non molto tempo fa quando le foto dell’autovelox venivano inviate direttamente a casa del trasgressore e non poche volte questi veniva “pizzicato” con partner segreti a bordo dell’auto. Da allora, la foto non viene più spedita a casa del conducente, ma può essere da questi soltanto ritirata, recandosi presso gli organi di polizia.

note

 

Servizio offerto da METAPING

Articolo di Antonio Ciccia, Italia Oggi del 21.02.2013, pag. 32

[1] Garante della privacy, provv. n. 408 del 13 dicembre 2012.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI