Business | Articoli

Aumenti d’autunno: stangata per le famiglie italiane

29 Agosto 2017 | Autore:


> Business Pubblicato il 29 Agosto 2017



Le associazioni dei consumatori prevedono aumenti di prezzi in vari settori: dalle bollette alla scuola vediamo quali sono nel dettaglio.

Stando ai calcoli diffusi dall’associazione Federconsumatori, da Adusbef e Coldiretti, non sarà un settembre all’insegna del risparmio: le famiglie italiane dovranno far fronte a vere e proprie stangate economiche al rientro dalle ferie estive. Come ogni anno anche questo settembre vede accumulare una lunga lista di aumenti e rincari che supereranno fortemente il tasso di inflazione del +0,1%. A dire il vero i primi aumenti ci sono stati già dal primo lugli: la bolletta dell’energia elettrica ha avuto un aumento del +2,8%.

Aumenti su prodotti alimentari

Le condizioni meteo sfavorevoli che si sono succedute nell’ultimo periodo, dovrebbero riflettere l’aumento dei prezzi anche sui prodotti alimentari: la Coldiretti stima che l’andamento anomalo del tempo porterà a un danno quantificabile in circa 2 miliardi di euro con -10% per la produzione di grano, dell’olio di oliva e delle conserve. «Sul fronte alimentare tra clima e speculazione le famiglie potrebbero arrivare a spendere 12,60 euro al mese in più pari a circa 151,2 euro all’anno» come riporta l’agenzia Adnkronos. Stessa situazione sul fronte bancario e assicurativo dove l’Adusbef prevede rincari:

  • per le banche dove gli incrementi dovrebbero tradursi in un aumento delle spese per la gestione del conto corrente di circa 20-25 euro;
  • per le assicurazioni dove gli incrementi dovrebbero tradursi in un esborso maggiore di 10-15 euro.

Il presidente dell’associazione Adusbef, Elio Lannutti ha spiegato che le banche in qualche modo scaricheranno sui clienti i costi degli esborsi legati alle perdite subite con la crisi di questi ultimi anni

Telefonia e trasporti pubblici

L’ Agcom stima un aggravio annuale delle bollette pari all’8,6% sulla tariffazione della telefonia ogni 28 giorni (leggi Rinnovi ogni 4 settimane: multa salata a Wind). Lo stesso sul fronte dei trasporti: la Regione Lombardia ha dato il via libera all’aumento del costo di biglietti e abbonamenti ferroviari pari allo 0,93% per il 2017. Secondo quanto si apprende, però, questo rincaro dovrebbe essere posticipato al 2018, dopo le elezioni regionali. Infine  per quanto riguarda la scuola, come ogni anno a settembre si segnalano forti rincari: diari, astucci, zaini e materiali scolastici vari avranno, secondo la  Codacons, incremento medio del 2,5% con punte del 3,9% per gli zainetti e una spesa media che per la prima volta dovrebbe sfondare il muro dei 500 euro a studente, soglia a cui andrà aggiunto il costo dei libri. La spesa complessiva potrebbe dunque superare i 1100 euro a studente.

note

Autore immagine: Pixabay.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI