HOME Articoli

Miscellanea Pistorius libero per errori della polizia: l’arringa in tribunale

Miscellanea Pubblicato il 22 febbraio 2013

Articolo di




> Miscellanea Pubblicato il 22 febbraio 2013

L’errore di persona e le protesi giustificano la cauzione

Pistorius, l’atleta noto per aver vinto le gare sportive e legali grazie alle sue protesi, torna a vincere. Questa volta in tribunale. Libero con cauzione dopo aver ucciso la fidanzata Reeva Steenkampe per averla – così dice lui – scambiata per un ladro in casa.

Il giudice, Desmond Nair, ha ritenuto che la polizia abbia “commesso errori”, tra i quali il non aver controllato il cellulare della donna. Così ne ha disposto la libertà per 85 mila euro.

“Che vita potrebbe condurre se fuggisse, una persona con le protesi? Tuffarsi e nuotare ogni giorno con queste protesi”. Il magistrato ha giustificato con queste motivazioni l’accoglimento della richiesta di libertà su cauzione.

“Allora dovremmo concludere che il fatto che sia disabile gli consente di avere la cauzione?”, ha risposto l’accusa, paragonando Pistorius a Julian Assange: “Anche lui è molto noto, ma è fuggito in una ambasciata”.

Secondo Nair la ricostruzione fatta dalla polizia è improbabile. L’omicidio “è stato pianificato“, ha aggiunto Nel, “non nei giorni o nelle settimane precedenti ma quella stessa notte”.

All’uscita del tribunale, una platea di fan ha atteso l’atleta esponendo cartelli con la scritta “Ti crediamo”.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI