Food | News

Come diventare aiuto cuoco

27 ottobre 2018 | Autore:


> Food Pubblicato il 27 ottobre 2018



Il settore della cucina, soprattutto negli ultimi anni, offre interessanti posti di lavoro, tra i quali di aiuto cuoco, vediamo come accedervi.

Come diventare aiuto cuoco? Questa è la domanda che si pongono di frequente coloro che, affascinati dall’universo del cibo e dal desiderio di trovare una collocazione lavorativa, vogliono saperne di più. L’Italia è una nazione dalla grande cultura gastronomica, produttrice dei migliori ingredienti al mondo, che forma annualmente numerosi esperti del settore e proprio per questa ragione avvicinarsi a lavori del genere costituisce un’ottima modalità per avere successo anche se, come per ogni carriera, occorre lavorare duramente e con spirito di sacrificio.

La spesa al mercato sotto casa, la pentola che bolle, il ragù che cuoce lentamente nella casseruola, ciascuno ha i propri ricordi evocativi riguardanti il mondo della cucina, tutti, almeno una volta nella vita, si sono messi ai fornelli per preparare un semplice pasto veloce o una cena succulenta. La cucina per alcuni rappresenta una passione, un modo per ricordare i tempi andati, quando le nonne ad esempio impastavano il pane in casa o preparavano deliziosi manicaretti per tutta la famiglia, per altri invece costituisce una forma di espressione della propria personalità intesa anche come opportunità di farsi strada e trovare un lavoro sicuro. Sapere cucinare, conoscere gli alimenti, comprendere gli esatti abbinamenti sono forme di talento e il cuoco è una figura professionale molto richiesta anche all’estero. Il settore agroalimentare, soprattutto recentemente, sta conoscendo una vera e propria primavera, le persone sono molto interessate al concetto del ‘mangiare bene’, fanno vacanze enogastronomiche, frequentano locali e ristoranti rinomati, hanno un palato attento e raffinato, in sintesi sono molto sensibili alla tematica del food (cibo) in senso generale, per questo motivo orientarsi verso questo campo può essere fonte di grande soddisfazione, a livello personale ed economico. L’ambito culinario attrae un pubblico molto vasto e questo interesse è evidente anche dalla programmazione televisiva o dal web, esistono infatti dei canali tematici che si occupano esclusivamente di cucina e vi sono anche molteplici trasmissioni che mostrano quotidianamente ricette, con consigli e suggerimenti pratici su come realizzarle in casa, o mettono in competizione cuochi e ristoranti. La cucina diventa in qualche modo spettacolo proprio perché il pubblico è attratto da questo microcosmo e gli chef famosi, giudici di questi show, sono star che hanno numerosi fan. Diventare aiuto cuoco è l’ultimo passaggio di un percorso di studio ed esperienza personale che, partendo da una semplice passione, può portare ad un lavoro dinamico e gratificante.

Di cosa si occupa esattamente l’aiuto cuoco

L’aiuto cuoco è una figura professionale che, pur non avendo la piena responsabilità della cucina, attribuita al cuoco, svolge un ruolo di fondamentale collaborazione nella realizzazione del servizio. Per fare un esempio pratico, l’aiuto cuoco può essere inteso come il braccio destro del cuoco, colui che esegue gli ordini impartiti ma che ha anche una certa sfera di autonomia. Nei ristoranti più strutturati, in cui lavorano numerosi addetti, la brigata di cucina ha dei ruoli ben definiti secondo una scala gerarchica in modo da soddisfare appieno le esigenze dei clienti, vi è lo specialista della carne, del pesce, dei dolci, ognuno viene assegnato alle diverse preparazioni delle pietanze per velocizzare il tutto. Una cucina organizzata nei minimi dettagli consente di semplificare il lavoro e di perfezionare i piatti al massimo, sia dal punto di vista del gusto ma anche dell’estetica.

Con specifico riferimento alle mansioni dell’aiuto cuoco, è possibile affermare che si occupa, generalmente, della preparazione dei cibi base per le relative ricette, della predisposizione degli strumenti utili per la cottura e dell’impiattamento finale, provvedendo anche alle decorazioni. Questo profilo professionale, in sostanza, lavora a stretto contatto con i propri superiori e colleghi proprio come accade in una squadra in cui ognuno dà il proprio contributo per il raggiungimento della vittoria finale. Non si tratta pertanto di un attività individualista ma è congeniale a coloro che amano il lavoro di squadra e riescono ad amalgamarsi bene all’interno di un gruppo. Chi presenta queste caratteristiche si chiede dunque come diventare aiuto cuoco?

Come diventare aiuto cuoco con la scuola alberghiera

Diventare aiuto cuoco conseguendo il diploma dell’istituto alberghiero costituisce certamente il percorso più naturale per intraprendere un’affascinante carriera. Questa particolare scuola superiore è strutturata in maniera tale che gli allievi possano, allo stesso tempo, acquisire un bagaglio di conoscenze relativo alle classiche materie di insegnamento, come ad esempio l’italiano, la matematica o la lingua inglese, e affrontare lo studio di materie specialistiche, come ad esempio la composizione degli alimenti, le tecniche di preparazione e cottura, con relative prove pratiche. Nel corso degli anni gli studenti hanno inoltre la possibilità di partecipare ad eventi formativi, stage e periodi di scuola-lavoro in cui apprendere le basi del mestiere ed interfacciarsi con situazioni attinenti al settore, in modo da testarne in qualche modo le propensioni. Una scelta del genere viene eseguita da ragazzi che, sin dai 14 anni, età in cui si effettua l’iscrizione alle scuole superiori, sviluppano un interesse o una passione verso la cucina e, in generale, il settore ricettivo.

IPSSAR era la precedente denominazione dell’Istituto professionale statale per i servizi alberghieri e la ristorazione, meglio noto come istituto alberghiero, che oggi prende il nome di IPSEO, acronimo che sta per Istituto Professionale di Stato per L’Enogastronomia e L’Ospitalità Alberghiera. Questa modifica della denominazione ha comportato anche una trasformazione di alcune materie di insegnamento, volte maggiormente alla conoscenza dei prodotti enogastronomici e conseguente valorizzazione. Lo studente dell’ IPSEO può decidere l’indirizzo maggiormente corrispondente alle proprie velleità onde specializzarsi in un campo, ad esempio cucina, sala, settore ricettivo. Al termine del ciclo di studi, sostenendo l’esame di maturità, lo studente viene in possesso dunque di un diploma di scuola superiore da spendere per entrare nel mondo del lavoro sia in Italia che all’estero e, logicamente, non avendo l’esperienza maturata fattivamente con il lavoro potrà entrare in cucina ed acquisirla anche in modo concreto.

Come diventare aiuto cuoco con i corsi regionali o privati

Per alcuni la passione per l’enogastronomia e il desiderio irrefrenabile di mettersi ai fornelli non sfocia in età scolare, sono molti infatti coloro che, dopo avere intrapreso altri lavori e altre esperienze di vita decidono di cimentarsi come aiuto cuoco. Ciò è possibile in quanto, oltre al percorso di studi attraverso l’istituto alberghiero, vi sono anche altri modi per acquisire la qualifica che consente di lavorare in tale ambito.

Esistono infatti dei corsi regionali, organizzati con cadenza semestrale o annuale, aperti a chiunque vi abbia interesse, senza limiti di età, di studiare queste specifiche materie e svolgere delle ore di tirocinio formativo, molto utili per coloro che non hanno dimestichezza con la cucina e le varie attrezzature. Questi tirocini hanno una grande importanza in quanto, poiché si svolgono, generalmente, presso ristoranti e strutture attive, consentono un primo impatto nel mondo del lavoro. Come per ogni corso regionale vi sono delle lezioni, tenute da professori ed esperti del settore, prove pratiche e, al termine del ciclo, un esame finale nel quale il candidato deve mostrare alla commissione il proprio livello di apprendimento. In caso di esito positivo viene consegnato un attestato di qualificazione legalmente riconosciuta.

Oltre ai corsi regionali esistono numerose organizzazioni private che propongono in ogni città italiana dei corsi finalizzati all’acquisizione della qualifica di aiuto cuoco. Si tratta di corsi a pagamento che sono strutturati con una fase teorica di studio dei prodotti enogastronomici e di approfondimento della materia, una fase pratica in laboratorio, con realizzazione delle tecniche base della cucina e delle ricette, una fase di tirocinio presso le strutture convenzionate e, infine, un esame conclusivo.

Come trovare lavoro come aiuto cuoco

Diventare aiuto cuoco permette di trovare lavoro più facilmente? Questa è la domanda che si pongono coloro che, oltre a soddisfare una aspirazione personale, vogliono anche ottenere una certa stabilità economica. Dai dati che emergono sull’occupazione in Italia il settore agroalimentare e dell’ospitalità alberghiera è quello che, nonostante la crisi economica, ha registrato i dati più incoraggianti. La cucina, in particolare, è un ambito che richiede una grande forza lavoro, soprattutto nelle strutture più articolate, quindi chi è dotato di una qualifica come aiuto cuoco riesce a trovare lavoro con molta facilità. Il food continua ad avere un enorme successo di pubblico e nascono quotidianamente nuove realtà, sia nelle città più grandi, con ristoranti alla moda e locali iper moderni, ma anche nei piccoli borghi in cui le locande e le osterie vogliono valorizzare le antiche ricette e gli ingredienti della cucina contadina, con iniziative che coinvolgono un’ampia fascia della popolazione, le sagre e le feste paesane ne sono un esempio lampante.

Infine, grazie alla grande attenzione anche dei Paesi esteri verso i prodotti italiani e la cucina tradizionale, le prospettive lavorative si sono notevolmente aperte anche fuori dai confini nazionali. Un aiuto cuoco italiano all’estero ha la possibilità di intraprendere una brillante carriera e sono molti coloro che, partendo quasi senza aspettative, magari con una bassa conoscenza delle lingue, sono riusciti a farsi strada e ad ottenere ottimi risultati.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI