Food | Articoli

Ricetta strudel

27 ottobre 2018


Ricetta strudel

> Food Pubblicato il 27 ottobre 2018



Lo strudel è uno dei dolci più famosi al mondo, ha una ricetta tradizionale che resiste da secoli ma può vantare anche diverse varianti, una più gustosa dell’altra.

Nell’elenco dei dolci più famosi al mondo ha un posto di primissimo piano lo strudel. Si tratta di un dolce tradizionalmente legato al Trentino–Alto Adige, le cui origini però affondano le radici nella lontana Turchia. La particolarità dello strudel è che nel corso degli anni ha avuto diverse versioni, molte delle quali hanno riscosso un successo paragonabile a quello della ricetta originale. E tu, come lo preferisci? Nella sua versione tradizionale, con mele, uvetta, pinoli e cannella, o nelle sue varianti con fragole o castagne? E la pasta? Preferisci la sfoglia o quella frolla? Per permetterti di rispondere a tutte queste domande con cognizione di causa nelle prossime righe andremo a vedere la ricetta strudel tradizionale e alcune sue varianti.

Quando nasce lo strudel?

Ancor prima di vedere le ricette più famose dello strudel, è importante capire quali sono le origini di questo famosissimo dolce. Come già anticipato, lo strudel ha in realtà origini turche: già al tempo degli Assiri, intorno all’VIII secolo a.C., ci sono testimonianze di questo mitico dolce. Altri in realtà fanno risalire la nascita dello strudel all’antica Grecia, intorno al III secolo a.C. Qualunque sia il luogo di nascita, è evidente che la ricetta di questo dolce nei secoli ha attraversato la via della seta, fino ad arrivare nel cuore della vecchia Europa.

Nel 1526 il sultano Solimano il Magnifico era arrivato a conquistare buona parte dell’Europa Orientale, Ungheria compresa. Di conseguenza, quando alla fine del XVII secolo l’Austria conquistò il paese magiaro, prese in dote anche la ricetta dello strudel così come l’aveva tramandata Solimano il Magnifico, facendolo diventare uno dei piatti più importanti della tradizione culinaria austriaca.

Del resto, le regioni italiane in cui lo strudel ha una tradizione radicata sono Trentino-Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia, ovvero quelle a più stretto contatto con il confine austriaco. Nonostante quindi non sia un dolce storicamente appartenente alla nostra cucina, lo strudel ha stregato gli italiani che, oltre a prepararlo nella sua versione tradizionale, hanno realizzato anche delle gustose varianti.

Qual è la ricetta originale dello Strudel di mele?

Se sei un purista in cucina e prepari solo pietanze nelle loro ricette originali, allora il punto di partenza per scoprire lo strudel non può essere che nella sua versione più conosciuta, quello a base di mele e uvetta.

Per preparare lo strudel di mele per 4 persone ti occorreranno:

  • 250 grammi di farina 0;
  • 80 grammi di zucchero;
  • 50 grammi di pinoli;
  • 50 grammi di burro;
  • 800 grammi di mela “golden” tipica dell’Arco Alpino;
  • 50 grammi di uvetta;
  • 1 uovo;
  • 1 limone;
  • 2 cucchiai di pane grattugiato;
  • 2 cucchiai di olio di oliva;
  • 2 cucchiai di calvados;
  • 1 cucchiaino di cannella;
  • sale;
  • succo di limone quanto basta;

Una volta acquistati tutti gli ingredienti, inizia con l’impastare in una terrina 250 grammi di farina bianca 0, due cucchiai di olio, qualche goccia di succo di limone ed un pizzico di sale. A questo punto aggiungi un uovo e continua ad impastare con la punta delle dita, aggiungendo dell’acqua tiepida per amalgamare il tutto e ottenere un impasto uniforme.

La lavorazione della pasta è uno dei momenti più importanti (e faticosi) della ricetta dello Strudel, perché è importante impastare energicamente fino a compattare il tutto. Ricorda che devi lavorare molto di polso per ottenere una superficie perfettamente liscia. Completata la lavorazione dell’impasto, raccoglilo a palla, avvolgilo nell’apposita carta per alimenti e lascialo riposare per circa 30 minuti.

Nel frattempo dedicati alla preparazione del ripieno:

  • sbuccia e affetta gli 800 grammi di mele Golden;
  • mescolale con 80 grammi di zucchero;
  • scorza di limone grattugiato;
  • 2 cucchiai di Calvados;
  • 50 grammi di pinoli;
  • un cucchiaino di cannella in polvere.

Una volta mescolate le mele, riprendi l’impasto e stendilo con l’aiuto di un mattarello su una tovaglia infarinata: lavora anche qui di gomito al fine di ottenere una sfoglia sottilissima. Una volta stesa la pasta a dovere, cospargici sopra i 50 grammi di burro previsti e 2 cucchiai di pan grattato, e su questa superficie potrai infine adagiare il ripieno di mele.

Con l’aiuto della tovaglia, infine, dovrai arrotolare l’impasto in modo da dare allo strudel la sua tradizionale forma cilindrica. A quel punto, non dovrai far altro che infornare lo strudel a 200 gradi per circa 35 minuti: una volta cotto a puntino, lascialo raffreddare e poi potrai servire in tavola.

Qual è la ricetta dello strudel alle fragole?

Lo strudel tradizionale è uno dei dolci più buoni al mondo, ma essendo a base di mele è adatto più ad un pubblico adulto. I bambini di solito non amano molto le mele e di conseguenza non sono tra i fan più sfegatati di questo dolce. Se vuoi uno strudel che piaccia tanto anche ai bambini potresti optare per uno dei suoi “derivati” più conosciuti, con fragole, ricotta e mandorle.

Per realizzare uno strudel alle fragole per 8 persone occorrono:

  • 300 grammi di farina;
  • 250 grammi di ricotta piemontese;
  • 50 grammi di biscotti secchi;
  • 250 grammi di fragole;
  • 150 grammi di granella di mandorle;
  • 115 grammi di burro;
  • 150 grammi di zucchero semolato;
  • 1 limone (per la scorza);
  • 3 uova;
  • zucchero a velo q.b.;
  • latte intero q.b.;
  • sale q.b.;

Una volta acquistati gli ingredienti, anche per lo strudel di fragole dovrai partire dall’impasto. Nella solita terrina raccoglici dentro la farina (ti consigliamo di setacciarla prima), aggiungici un uovo sgusciato, lo zucchero, il burro a tocchetti e un pizzico di sale. Inizia con impastare il tutto energicamente, bagnandolo di tanto in tanto con del latte tiepido, fino ad ottenere un impasto liscio e morbido.

Non essere sparagnino con il latte: è importante ottenere un impasto morbido, quindi versane in abbondanza al fine di ottenere il giusto risultato. Quando l’impasto sarà completato, raccoglilo a mo’ di palla, avvolgilo nella carta per alimenti e lascialo riposare per circa mezz’ora sotto una pentola calda rovesciata.

Mentre l’impasto riposa puoi dedicarti al ripieno: in un’apposita ciotola mescola, ricotta, zucchero, fragole tagliate a tocchetti, la scorza di limone, i biscotti ridotti in polvere, un uovo e le mandorle. Mescola il tutto anche qui fino ad ottenere un ripieno quanto più omogeneo possibile. Quando l’impasto sarà pronto, stendilo con l’aiuto di un mattarello su un foglio di carta da forno. Fai in modo che venga fuori un rettangolo d’impasto quanto più sottile possibile. Una volta steso, cospargi sull’impasto del burro fuso in modo uniforme, facendo però attenzione a lasciare tutto intorno dei bordi liberi (un’ampiezza di circa 2 centimetri).

Dopo aver steso il burro, alla stessa maniera potrai cospargere il ripieno realizzato in precedenza. A questo punto, non dovrai fare altro che arrotolare l’impasto in modo da dare allo strudel la sua forma originale. Questo è uno dei passaggi più delicati della ricetta: arrotola lentamente al fine di non rompere l’impasto, e sigilla bene sui lati aiutandoti con i bordi da 2 centimetri che hai lasciato liberi in precedenza.

Se lo strudel è troppo lungo da inserire nel forno, riponilo sulla teglia a mo’ di ferro di cavallo. Prima di infornare, spennella sul dolce l’uovo sbattuto rimasto. Lo strudel deve essere cotto in un forno preriscaldato a 180 gradi per circa 50 minuti. Una volta terminata la cottura, lascia raffreddare lo strudel alle fragole, poi cospargilo di zucchero a velo e servilo a tavola tagliato a fette.

Qual è la ricetta dello strudel alle castagne?

Lo Strudel è uno dei dolci che può vantare più varianti in assoluto. Molti pasticcieri rinomati adattano alla ricetta tradizionale diversi ingredienti, il più delle volte basandosi su quello che la natura offre in quella determinata stagione. In autunno, ad esempio, è molto in voga lo strudel alle castagne.

Per realizzarlo ti occorrono (quantità per 6 persone):

  • 300 grammi di farina;
  • 150 grammi di zucchero;
  • 120 grammi di burro;
  • 300 grammi di castagne lessate;
  • 2 uova;
  • 1 cucchiaio di cacao amaro;
  • 50 grammi di mandorle;
  • 1 bicchiere di rum;
  • mezza bustina di lievito in polvere per dolci;
  • 1 tuorlo;
  • 1 cucchiaino di zenzero in polvere;
  • sale q.b.;
  • zucchero a velo q.b.

Una volta raccolti gli ingredienti, inizia sempre dall’impasto:

  • poni la farina 00 su una superficie piana;
  • realizza la classica conca al centro;
  • mescola con lievito in polvere per dolci, un pizzico di sale, un uovo sgusciato e un tuorlo (questi ultimi due leggermente sbattuti).

Anche nello strudel di castagne la lavorazione dell’impasto è molto importante: usa “l’olio di gomito” per ottenere una pasta compatta e che non si appiccichi alle mani. Inoltre devi fare attenzione a non scaldarla troppo. Quando l’impasto sarà finalmente pronto, avvolgilo a mo’ di palla in una carta per alimenti e lascialo riposare in frigo per una mezz’oretta circa.

Per ottimizzare i tempi, mentre l’impasto riposa puoi preparare il ripieno:

  • spezzetta le castagne precedentemente lessate in una ciotola;
  • aggiungi mandorle, zenzero in polvere, rum e cacao amaro;
  • mescola fino ad ottenere un composto quanto più omogeneo possibile.

Trascorsa la mezz’ora di riposo, prendi l’impasto e stendilo per bene: ricorda che dovrai ottenere una sfoglia di pasta frolla quanto più sottile possibile. Lasciando lungo i bordi uno spazio di circa 2 centimetri per poter poi chiudere al meglio lo strudel, cospargi lungo l’impasto stesso l’intero ripieno appena preparato. Fatto questo, non ti resta che avvolgere l’impasto lungo i bordi lasciati liberi con delicatezza, al fine di ottenere la classica forma cilindrica dello strudel.

Prima di cuocerlo in forno per circa 40 minuti ad una temperatura preriscaldata di 200 gradi, ricorda di spennellare lo strudel con un uovo sbattuto. Una volta raggiunta la doratura desiderata, togli lo strudel con le castagne dal forno e lascialo raffreddare. Prima di servirlo a tavola tagliato a fette, ricorda di cospargerci sopra lo zucchero a velo attraverso un colino a maglie strette.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI