Diritto e Fisco | Articoli

Condono Imu, Tasi e imposta rifiuti

23 Ottobre 2018


Condono Imu, Tasi e imposta rifiuti

> Diritto e Fisco Pubblicato il 23 Ottobre 2018



Sanatoria per micro cartelle: i debiti saranno cancellati in automatico senza istanza.

Non c’è solo il bollo auto nella nuova sanatoria fiscale approvata dal Governo. A non dover pagare, neanche una minima percentuale, sono anche i contribuenti che, tra il 2000 e il 2010, hanno accumulato debiti per imposte sulla casa: Ici e l’imposta sui rifiuti. A farlo sapere è sempre l’Esecutivo che ha appena approvato il condono totale sugli importi iscritti a ruolo di valore non superiore a mille euro. Dieci anni di debiti cancellati in un sol colpo, anche se il creditore non è l’Erario o Agenzia Entrate Riscossione ma un agente della riscossione locale. Ci saranno anche Imu, Tasi e la tanto odiata Tari? Si tratta di imposte introdotte tra il 2011 e il 2012, per cui non potranno rientrare nel condono.

Si tratta non di una rottamazione, ma di un vero e proprio condono fiscale che tocca tutti, contribuenti in buona fede e in malafede, quelli con difficoltà economiche e quelli invece benestanti. Ma procediamo con ordine.

Sanatoria dei debiti fino a mille euro

La cosiddetta pace fiscale raccoglie, al suo interno, ben sei diverse vie. Tra queste c’è il saldo e stralcio col fisco (con pagamento tra il 6%, il 10% e il 25% del debito) per chi dimostrerà di trovarsi in difficoltà economica (situazione attestata dall’Isee). C’è poi la rottamazione ter, che è la prosecuzione della precedente rottamazione approvata da Renzi ma con un termine più ampio per il pagamento. La rottamazione delle liti pendenti (anche questa sulla falsa riga della precedente). E c’è il condono tombale di tutti i debiti fino a mille euro accumulati tra il 2000 e il 2010; quest’ultimo scatta in automatico al 31 dicembre senza bisogno di attività o istanze da parte del contribuente. Sarà l’esattore stesso a mandare al macero tutte le cartelle esattoriali entro tale tetto. I contribuenti, già dopo la legge del Parlamento di approvazione del decreto fiscale, dovrebbero veder cancellati i loro debiti. Tra questi vi rientrano tutti quelli di basso importo come il bollo auto, multe e spazzatura. Ma c’è spazio anche per le vecchie imposte sulla casa, che oggi si chiamano Imu e Tasi ma che un tempo erano la Tia e l‘Ici.

Il condono parte in automatico, senza istanze o presentazione di documenti

Il raggio di azione del condono

Per la verifica della soglia massima, che come abbiamo detto è di mille euro, dovranno essere computati non soltanto gli importi iscritti a ruolo (tasse, contributi, multe stradali), ma anche gli interessi per ritardata iscrizione e le sanzioni. Essenziale tuttavia che le partite debitorie siano state poste in riscossione tra il 1° gennaio 2001 e il 31 dicembre 2010.

L’esattore dovrà quindi trasmettere ai singoli enti creditori l’elenco delle partite oggetto di discarico, attraverso appositi flussi telematici da effettuare secondo le regole del decreto Mef 15 giugno 2015.

Il Governo ha annunciato che la manovra si farà anche senza il consenso dell’Unione Europea

Come stabilire se si rientra nel condono

Il contribuente che vuol, sin d’ora, accertarsi se rientra o meno nel perimetro del condono deve recuperare le vecchie cartelle di pagamento che gli sono state notificate, a prescindere se spedite da Equitalia, Agenzia Entrate Riscossione o dall’esattore locale. Sfogliando le buste, troverà quella contenente l’elenco delle causali e degli importi dovuti. Nel dettaglio si trova un campo che specifica la data di iscrizione a ruolo. Se l’anno rientra tra il 2000 e il 2010 la cartella si dovrà ritenere annullata in automatico. Significa che non bisognerà presentare una domanda come per la rottamazione, né si deve pagare un importo minimo per ottenere lo sgravio: sarà già l’agente della riscossione a cancellare il debito. Ma lo farà solo nel momento in cui la legge di bilancio sarà approvata ossia entro la fine del 2018. 


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

1 Commento

  1. Ma sbaglio o la TASI tra il 2000 e il 2010 non esisteva? Che senso ha inserire nell’articolo anche la Tasi? Grazie!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI