Diritto e Fisco | Articoli

Furto nell’appartamento grazie ai ponteggi: responsabile anche il proprietario

28 Febbraio 2013
Furto nell’appartamento grazie ai ponteggi: responsabile anche il proprietario

Dei furti avvenuti grazie ai ponteggi installati per la ristrutturazione non rispondono sempre il condominio e la ditta esecutrice dei lavori.

I ponteggi, installati per la ristrutturazione dell’immobile, possono essere un valido aiuto per i ladri che vogliano infiltrarsi negli appartamenti. In caso di furto, però, il proprietario dell’abitazione può chiedere il risarcimento sia alla ditta che ha effettuato i lavori, sia al condominio.

Non sempre. In alcuni casi, vale invece il principio secondo cui “chi è causa del suo mal pianga se stesso”. La Cassazione, infatti, in una recente sentenza [1], ha respinto la richiesta di indennizzo avanzata da un condomino che era stato derubato. Egli, in assemblea condominiale, si era opposto all’installazione di allarmi sui ponteggi, benché fossero stati consigliati dalla ditta appaltatrice. Questa scelta è stata valutata dalla Corte come poco prudente, avendo determinato un inevitabile aumento delle probabilità di accesso in casa da parte dei ladri.

Non solo. Per poter essere risarcito, il condomino deve anche dimostrare di aver custodito in modo diligente i preziosi rubati. Nel caso di specie, invece, il proprietario aveva nascosto i gioielli in una scatola all’interno dell’armadio e non in una cassaforte.

Insomma, per chiedere il risarcimento del danno bisogna dimostrare di aver tenuto una condotta volta ad evitare che il danno stesso si possa verificare: una condotta quindi diligente e prudente.


note

[1] Cass. sent. n. 1890/2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube