Diritto e Fisco | Articoli

Ascensore in condominio: spese per i comproprietari

24 Novembre 2018
Ascensore in condominio: spese per i comproprietari

Si tratta di un ascensore costruito nel cortile interno di proprietà esclusiva di tre condomini dello stabile, a spese esclusive degli stessi. Le fermate dell’ascensore ai vari piani dello stabile sono collegati a quest’ultimo da una passerella che va dall’autonoma struttura dell’ascensore al muro perimetrale che consente l’accesso ai vari pianerottoli delle scale, laddove esisteva una porta finestra opportunamente modificata (non è compromessa nè la stabilità del fabbricato nè il suo decoro architettonico). Oggi il condomino che non partecipò all’impresa invoca il disposto dell’art.1121 c.c., offre rimborso spese sostenute e future. I tre condomini intendono rifiutare l’offerta. Su cosa possono fondare il rifiuto? Quali sono i precedenti giurisprudenziali?

Alla luce del quesito posto, è opportuno esporre sinteticamente quanto segue:

1- L’Ascensore è un bene condominiale

Secondo la legge, l’ascensore è un bene di natura condominiale. Lo afferma il codice civile [1], riportandolo nell’elenco dei beni condominiali, lo conferma la giurisprudenza, in relazione alla funzione strumentale dell’ascensore, quale bene destinato per caratteristiche all’uso comune [2]. Detto ciò, poiché non è infrequente il caso in cui l’ascensore sia realizzato successivamente alla costruzione del fabbricato, se dovesse essere istallato a spese e a cura soltanto di alcuni condomini, lo stesso è ritenuto di proprietà privata, fatto salvo il diritto degli altri condomini, di diventarne comproprietari, alla luce dello specifico diritto in tal senso riconosciutogli dalla legge [3].

2- Il diritto del condomino di partecipare all’ascensore

Come scritto in precedenza, se da un lato non è raro che l’ascensore sia previsto e costruito successivamente alla nascita del condominio e che soltanto alcuni dei condomini potrebbero accollarsene l’onere iniziale e la gestione di conseguenza, è altrettanto frequente che coloro che inizialmente ritenevano inutile la relativa partecipazione, possano invece e in un secondo momento, diventarne comproprietari ed altrettanto utilizzatori.

Anche in questo caso si tratta di un diritto specificatamente riconosciuto dalla legge (si veda nota [3]) e che trova ampio e pacifico riconoscimento nell’interpretazione e nell’applicazione della giurisprudenza della predetta norma.

Molteplici [4], infatti, sono le pronunce della Suprema Corte di Cassazione, in base alle quali è diritto del condomino, inizialmente volutamente esclusosi dalla compartecipazione all’istallazione e gestione dell’ascensore, di diventarne comproprietario.

Anche una recente decisone degli Ermellini, conferma la descritta conclusione, affermando testualmente, a proposito dell’ascensore, che…essa può essere attuata anche a cura e spese di uno odi taluni condomini, salvo il diritto degli altri di partecipare in qualunque tempo ai vantaggi dell’innovazione, contribuendo nelle spese di esecuzione e di manutenzione dell’opera

CASO CONCRETO

È diritto del condomino originariamente escluso dalla compartecipazione all’ascensore, di diventarne comproprietario. Non esistono motivi o precedenti giurisprudenziali che possano legittimare il rifiuto dei tre condomini e/o il mancato riconoscimento di un diritto sancito a livello legislativo e pacificamente confermato dalla giurisprudenza della Cassazione.

Appare pertanto corretta la richiesta avanzata nei riguardi dei tre condomini nonché la precisazione di voler accollarsi le spese già affrontate e quelle future.

A quest’ultimo proposito, si noti che il condomino neo partecipante dovrà versare le somme, proporzionalmente dovute per l’esecuzione e la manutenzione dell’opera, rapportandole all’attuale valore delle medesime [5]. Pertanto, se si dovesse rifiutare, ad esempio, offrendo una cifra minore o non adeguatamente rivalutata, potrebbe essere questo un legittimo motivo di rifiuto alla richiesta compartecipazione.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Marco Borriello


note

[1] Art. 1117 cod. civ.

[2] Cass. civ. sent. n. 3624/2005

[3] Art. 1121 co. 3 cod. civ.

[4] Cass. civ. sent. n. 614/1963 – 3314/1971 – n. 8746/1993 – 20902/2010

[5] Cass. civ. sent. n. 8746/1993


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube