Diritto e Fisco | Articoli

Rumori in condominio: spostare i mobili la mattina presto non è reato

27 Febbraio 2013
Rumori in condominio: spostare i mobili la mattina presto non è reato

Rumori in condominio: solo se la molestia è percepita da tante persone può scattare la tutela penale; altrimenti non resta che agire per il solo risarcimento del danno.

Scatta il reato di disturbo della quiete pubblica [1] quando i rumori prodotti dal condomino, oltre ad essere superiori alla normale tollerabilità, abbiano l’attitudine a propagarsi, a diffondersi, in modo da disturbare una pluralità indeterminata di persone e non solo i vicini del piano di sotto o di sopra. Infatti, la norma tutela la quiete “pubblica” e non solo quella di singoli soggetti che denuncino la rumorosità altrui.

Sulla base di questo principio, la Cassazione [2] ha ritenuto non colpevole una persona accusata di spostare puntualmente i propri mobili in primissima mattina.

L’attività del disturbatore, infatti, per essere considerata penalmente illecita, deve:

– essere superiore alla normale tollerabilità;

– deve turbale la quiete di una parte notevole degli abitanti dell’edificio o di quelli degli stabili vicini. Solo in tali casi può dirsi turbata la quiete pubblica.

Se invece la molestia è solo nei confronti dei condomini degli appartamenti superiori o inferiori, questi ultimi potranno far valere le loro ragioni solo con la normale azione civile per ottenere il risarcimento del danno (se sussistente), ma non con l’azione penale.


note

[1] Art. 659 cod. pen.

[2] Cass. sent. n. 6546 del 11.02.2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube