Politica | Articoli

Guerra tra Italia e Germania dopo la battuta di Steinbruck: Italia come Grecia

27 Febbraio 2013
Guerra tra Italia e Germania dopo la battuta di Steinbruck: Italia come Grecia

In Italia hanno vinto due clown, l’Italia sta portando instabilità all’Europa, come aveva fatto la Grecia; Napolitano risentito annulla gli incontri in Germania.

“Sono inorridito dalla vittoria di due clown”: questa inopportuna battuta riferita alle scorse elezioni, da parte di Peer Steinbrück, politico Spd, possibile successore della Merkel nel ruolo di Cancelliere, aprono un caso politico-diplomatico durante la visita di Napolitano in Germania. Steinbrück si era riferito all’elezione di Berlusconi e di Grillo.

Napolitano, in visita in Germania, avrebbe dovuto incontrare Steinbrück  in serata, ma, dopo l’accaduto, ha preferito disdire l’appuntamento. “Frasi fuori luogo. Esigo rispetto” ha tuonato il nostro Presidente della Repubblica. L’Spd invece ha rincarato “Clown è il concetto più morbido che personalmente mi viene in testa su Silvio Berlusconi in questo contesto: un clown con un alto livello di testosterone”. Il vice capogruppo dell’Spd al Bundestag, Axel Schäfer, ha definito “incomprensibile” l’annullamento dell’incontro da parte di Napolitano. “Ciò che Berlusconi ha fatto per anni – ha detto – rappresenta la distruzione di ogni cultura politica. Con la definizione di clown a mio avviso gli è andata anche bene”.

Italia come la Grecia

Wolfgang Schaeuble, Ministro delle finanze tedesco ha paragonato la situazione italiana a quella Greca: “Il risultato delle elezioni in Italia ha sollevato dubbi nei mercati sulla possibilità di creare un governo stabile. E quando sorgono dubbi di questo tipo, c’è il pericolo di contagio per tutta l’Europa. Lo abbiamo già visto l’anno scorso in Grecia – ha aggiunto – quando le elezioni in Grecia hanno portato all’instabilità politica. Altri paesi vengono contagiati”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube