HOME Articoli

Lo sai che? L’insegnante precario va stabilizzato: ottenuto risarcimento record

Lo sai che? Pubblicato il 27 febbraio 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 27 febbraio 2013

Risarcimento record di 150.000 euro per un insegnante precario che non era stato stabilizzato: riconosciuti gli stipendi degli anni passati, ma anche di quelli futuri.

Rivoluzionaria sentenza del tribunale di Trapani che ha riconosciuto ben 150.385 euro di risarcimento a un insegnante precario di educazione fisica e sostegno che veniva reclutato annualmente dal Ministero dell’Istruzione, con contratto a tempo determinato da settembre a giugno, per coprire posti “vacanti e disponibili”.

Gli incarichi annuali – si legge nella sentenza – possono essere assegnati ripetutamente solo per coprire posti “vacanti e non disponibili”, ossia posti già occupati da un docente, ma scoperti per un limitato periodo di tempo. Mentre per i posti “vacanti e disponibili”, ossia per quelle cattedre prive di un titolare, l’unica possibilità è quella del contratto a tempo indeterminato, a seguito di concorso pubblico.

Il Tribunale di Trapani, sezione lavoro, ha quindi condannato il Miur al risarcimento per la mancata stabilizzazione, poiché ha utilizzato contratti a termine per coprire posizioni nelle quali invece era necessario il contratto a tempo indeterminato.

Il docente di educazione fisica che, in virtù del rapporto a tempo determinato, non aveva diritto agli stipendi estivi e agli scatti di anzianità, grazie a tale sentenza si è visto riconoscere tali emolumenti sia per gli anni di lavoro pregressi (2005/2011), ma anche per gli stipendi e gli scatti relativi alle estati future, fino all’età pensionabile.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

3 Commenti

    1. Certamente: Tribunale di Trapani, sez lavoro, sentenza n. 89/2013, giudice dott. Mauro Petrusa.
      Ad integrazione di quanto detto, è notizia dell’ultim’ora che lo stesso giudice abbia emesso una sentenza analoga (n. 90/2013) a favore di un docente di elettronica, riconoscendogli una somma ancora più alta:quasi 170.000 euro. Più nello specifico, 28.500 euro più accessori per il mancato pagamento delle mensilità estive dal 2006 al 2012 e per gli scatti di anzianità; altri 137.000 più interessi come risarcimento del danno relativo alla mancata stabilizzazione.
      Distinti saluti

  1. Credo che sia una vittoria temporanea atteso che la Cassazione con una sentenza del 20 giugno 2012 ha detto no alla stabilizzazione dei precari………

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI