Politica | Articoli

Pubblicati stipendi e redditi dei parlamentari

28 Febbraio 2013 | Autore:
Pubblicati stipendi e redditi dei parlamentari

Da oggi le dichiarazioni dei redditi di Senatori e Deputati saranno rese pubbliche e potranno essere consultate dai cittadini.


Parte da oggi, 28 febbraio 2013, la possibilità di consultare i redditi dei nostri politici. Lo hanno comunicato gli uffici stampa di Camera e Senato.

Il bollettino delle dichiarazioni patrimoniali, dei redditi e delle spese elettorali dei Deputati della XVI legislatura è consultabile presso il Servizio prerogative e immunità, al secondo piano del Palazzo dei Gruppi, in via degli Uffici del Vicario 21, Roma, dalle 10 alle 19. L’unico requisito richiesto per visionare i dati è l’iscrizione alle liste elettorali.

Invece i bollettini delle dichiarazioni patrimoniali e delle dichiarazioni dei redditi dei Senatori della XVI legislatura, di tutti i ministri, vice ministri e sottosegretari non parlamentari, sono consultabili  dalle 10 alle 19, presso il Servizio delle prerogative, delle immunità parlamentari e del contenzioso, al Palazzo della Sapienza, in Corso Rinascimento 40, Roma.

Nell’anno passato, ad avere il reddito più alto è stato Silvio Berlusconi, il cui reddito dichiarato per il 2011 è stato di 48.180.792 euro, con un incremento di ben otto milioni di euro rispetto all’anno precedente.

Secondo in classifica, ma molto staccato, è Mario Monti, con un reddito di 1.513.030 euro.

Non hanno dichiarato poco, pur tenendosi a debita distanza dalle cifre precedenti:

Gianfranco Fini con 201.115 euro;

Antonio Di Pietro con 182.207 euro;

– Angelino Alfano con 169.317 euro;

– Pier Luigi Bersani con 136.885 euro;

– Fancesco Rutelli con 131.252 euro;

– Benedetto Della Vedova con 125.360 euro;

– Pier Ferdinando Casini con 116.986 euro.

Notevole, infine, il reddito dell’ex tesoriere della Margherita Luigi Lusi che, nel 2011, ha dichiarato al fisco ben 304.926 euro.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube