Diritto e Fisco | Articoli

Bolletta luce: no distacco se non c’è avviso con raccomandata entro 15 giorni

1 Marzo 2013
Bolletta luce: no distacco se non c’è avviso con raccomandata entro 15 giorni

Novità per evitare il distacco della luce quando la bolletta, per errore, non viene recapitata dalle poste o il consumatore si dimentica di pagare: il distacco non può più avvenire se non è stato preceduto da una raccomanda a.r. con la diffida di pagamento.

Maggiore certezza per i consumatori: con una recentissima delibera [1], l’Authority Garante per luce e gas ha imposto che, a partire dal primo maggio 2013, non si potrà più  procedere al distacco della luce o del gas nei confronti del consumatore moroso se non a questi non viene prima recapitata una raccomandata a.r. con la diffida a pagare l’insoluto. Questo per garantire gli utenti in tutti quei casi in cui, per disguidi postali, la bolletta non venga recapitata dal servizio postale o venga smarrita nella cassetta della posta o lo stesso utente si dimentichi di pagare.

In questo modo, la raccomandata darà maggior certezza al consumatore, mettendolo di fronte alla piena e perfetta conoscenza della propria morosità.

Attenzione però: i tempi per il pagamento sono molto stretti: il versamento dovrà infatti avvenire entro 15 giorni dalla spedizione della raccomandata (20 giorni, invece, se il gestore del servizio non riesce a dare prova della data di invio della raccomandata).

Altra importante novità è che, sempre dal primo maggio, in caso di importi anomali in bolletta, il gestore, prima di sospendere il servizio, dovrà dare risposta scritta alle contestazioni sollevate dall’utente.

Se il gestore non rispetterà queste regole dovrà erogare, all’utente, un rimborso in bolletta.

Il rimborso è di

– 30 euro se la fornitura sia stata sospesa per morosità senza l’invio della raccomandata a.r.

– 20 euro se, pur inviata la raccomandata di diffida, il fornitore non ha rispettato le tempistiche sopra descritte.


note

[1] Delibera dell’Autorità dell’energia e del gas del 21.02.2013 n. 67/2013/R.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube