Diritto e Fisco | Articoli

Paga l’Irap il professionista che assume una segretaria part-time

1 Marzo 2013 | Autore:
Paga l’Irap il professionista che assume una segretaria part-time

Il professionista che ha unautonoma organizzazione deve pagare lIrap.

 

L’odiosa Irap, l’imposta regionale sulle attività produttive proporzionale al fatturato, si applica alle società, enti e persone fisiche che svolgono attività commerciali, nonché ai lavoratori autonomi e professionisti, ad esclusione dei soggetti rientranti nel regime dei minimi.

Il presupposto per il pagamento dell’Irap da parte dei lavoratori autonomi e professionisti è che sussista una autonoma organizzazione, che ricorre quando essi:

a) siano i responsabili dell’organizzazione;

b) utilizzino beni strumentali che superano le quantità minime indispensabili per l’esercizio dell’attività, anche in assenza di organizzazione;

c) si avvalgano in modo non occasionale del lavoro altrui.

Anche una recente sentenza della Corte Costituzionale [1] ha ribadito che il professionista che esercita abitualmente, anche se non in modo esclusivo, un’attività di lavoro autonomo, diversa dall’impresa commerciale, è assoggettato al pagamento dell’Irap solo se la sua attività è autonomamente organizzata.

Ad esempio, paga l’Irap l’avvocato che ha una segretaria (anche part-time), mentre non paga il tributo l’agente di commercio che non si avvale di alcun collaboratore o dipendente e che utilizza solamente strumenti che sono ritenuti indispensabili per l’esercizio della professione (come per esempio un’autovettura, un personal computer, un telefono cellulare e mobili e arredi di modico valore).

Sarà onere del contribuente fornire la prova dell’assenza dell’autonoma organizzazione qualora chieda il rimborso dell’imposta non dovuta o si opponga ad una richiesta dell’Agenzia delle Entrate.


note

 [1]  C. Cost., sent. n. 156 del 21 maggio 2001


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube