Business | Articoli

Bollette a 28 giorni illegittime e diritto al rimborso

17 Settembre 2017 | Autore:


> Business Pubblicato il 17 Settembre 2017



Telefoni: stop alle bollette ogni 28 giorni. Il sistema grava sulle tasche degli utenti

Pagare una bolletta telefonica ogni 28 giorni anziché con cadenza mensile potrebbe sembrare quasi indifferente. In realtà, si tratta di un vero e proprio “trucchetto” ideato dalle compagnie telefoniche (tra cui Tim, Wind, Tre, Vodafone e Fastweb) per lucrare sulle tasche degli utenti. Calcolatrice alla mano, infatti, pagare una bolletta telefonica ogni 28 giorni anziché con cadenza mensile, significa pagarne 13 e non 12 in un anno. In buona sostanza, così facendo, ogni utente ogni anno “regala” alla propria compagnia telefonica il pagamento di una bolletta non dovuta. Tradotto in denaro: il rincaro per il cittadino si aggira intorno all’8,6% in più ogni anno, mentre l’illegittimo guadagno per la compagnia telefonica corrisponde ad una vera e propria tredicesima.

Siamo quindi al colmo: se non tutti i lavoratori (purtroppo) percepiscono una tredicesima, al contrario tutte le compagnie telefoniche (o almeno le più importanti) si sono letteralmente accaparrate questo diritto. Si tratta, a ben vedere, di una tredicesima al contrario (e dunque ancora più assurda), atteso che in questo caso non è erogata dal datore di lavoro, ma dal consumatore.

Per fortuna “il trucchetto” – portato avanti dal 2015 – è stato scoperto e con una delibera dello scorso marzo è intervenuta anche l’Agcom (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) per “costringere” gli operatori a porre fine a questa pratica [1]. Le compagnie telefoniche avevano 90 giorni di tempo per “mettersi in regola”. Nonostante tale monito, però, gli operatori non si sono ancora adeguati, continuando ad emettere fatture ogni 28 giorni anziché mensilmente. L’Agcom, dunque,  ha deciso di avviare procedimenti sanzionatori nei confronti degli operatori telefonici Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb per il mancato rispetto delle disposizioni relative alla cadenza delle fatturazioni e dei rinnovi delle offerte di comunicazioni elettroniche.

Bollette ogni 28 giorni illegittime: Cosa fare?

Nel frattempo che gli operatori si adeguino a pratiche più corrette, è bene comunque non restare con le mani in mano e chiedere quanto prima alla propria compagnia telefonica  il recesso dal contratto e sceglierne un’altra che non applichi la fatturazione a 28 giorni. Resta comunque fermo il diritto degli utenti ad ottenere il rimborso di quanto pagato in eccedenza. A tal fine si hanno due possibilità:

  • rivolgersi ai Co.re.com, ossia i comitati regionali per le comunicazioni. Si tratta di organi funzionali all’Agcom, che hanno il compito di tentare una conciliazione nelle controversie in materia di telecomunicazioni tra utenti e operatori;
  • inviare direttamente un reclamo alla propria compagnia telefonica con richiesta di rimborso di quanto versato in eccedenza.

note

[1] Delibera n. 121/17/CONS del 15.03.2017.

Autore immegine: Pixabay.com


scarica gratis il tuo contratto su misura

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

7 Commenti

  1. Fastweb con le scorse bollette mandava sempre scadenze a fine mese. L ultima bolletta è arrivata il 13/09 e scadeva il 14/09.

  2. Buona sera due mesi fa ho cambiato compagnia telefonica da Vodafone sono passata a Wind ma ho fatto un abbonamento per 24 mesi se dovessi recedere il contratto devo pagare una multa di 150 euro visto che ho letto che è una truffa che si rinnova ogni 28 giorni posso recedere dal abbonamento senza pagare la penale grazie mille teresa

  3. Buongiorno
    da luglio 2017 ho avuto anch’io la comunicazione da Fastweb della bolletta ogni 4 sett. Stò pensando di cambiare Azienda ma vedo che la maggior parte delle Aziende sono in d’accordo. In effetti è un raggiro e mi domando come mai l’ente preposto per il controllo telefonico si è accorto solo ora di questa truffa e ammesso e concesso che non ci sarà qualche balzello a favore delle compagnie telefoniche i tempi saranno comunque lunghi per il ripristino (siamo in Italia) . Nel frattempo (se vogliamo) possiamo rivolgerci a terzi per iniziare un contenzioso (magari spendendo ancora tempo e soldi perchè questo le compagnie lo sanno..molti utenti non faranno niente e subiranno l’umiliazione.Invece se l’organo ministeriale (vista la truffa evidente) oltre a fare multe salatissime e immediate decidesse oggi di bloccare il tutto, le cose tornerebbero nella normalità.

  4. Se tutte le compagnie telefoniche che operano in Italia fanno questo, permesso e concesso dal Governo e gli Enti che dovrebbero vigilare , a quale compagnia ci dovremmo rivolgere ? Le sanzioni inflitte (ammesso che le pagheranno) non influiscono nel guadagno che ricavano nel fare questo. Purtroppo la tutela dei cittadini è sempre al di sotto di quella delle multinazionali.

    1. Non capisco perché da parte loro e lecito passare dal mensile ad ogni 28 giorni mentre per i rimborsi dobbiamo richiederlo tramite Agcom o fare richiesta diretta. Siamo alle solite

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA