Diritto e Fisco | Articoli

La formazione continua obbligatoria degli avvocati e il superamento dei crediti formativi

1 Marzo 2013 | Autore:
La formazione continua obbligatoria degli avvocati e il superamento dei crediti formativi

La riforma forense ha modificato l’obbligo di aggiornamento per gli avvocati iscritti all’Albo, ma si attendono i regolamenti attuativi del Consiglio Nazionale Forense.

 

La nuova disciplina dell’ordinamento della professione forense, entrata in vigore il 2 febbraio 2013, ha modificato la formazione continua obbligatoria degli avvocati. La novità introdotta è il superamento dell’attuale sistema dei crediti formativi, le cui modalità sostitutive e condizioni saranno decise nei prossimi mesi dal Consiglio Nazionale Forense. In attesa, però, dei regolamenti attuativi, l’obbligo di aggiornamento per gli avvocati rimane quello del precedente sistema (disciplinato dal Regolamento del Consiglio Nazionale Forense adottato il 13 luglio 2007 e dai Regolamenti dei Consigli dell’Ordine, ove presenti).

 

Esenzioni

Sono immediatamente applicabili le nuove norme che esentano dall’obbligo della formazione continua gli avvocati che sono sospesi temporaneamente dall’esercizio professionale a seguito di mandato di natura istituzionale, gli avvocati dopo venticinque anni di iscrizione all’albo, gli avvocati dopo il compimento del sessantesimo anno di età, i componenti di organi con funzioni legislative e i componenti del Parlamento Europeo; i docenti e i ricercatori delle università in materie giuridiche.

In attesa di conoscere quali saranno le nuove regole, la riforma attesta il fallimento del sistema dei crediti formativi e prospetta nuovi scenari alla formazione professionale forense in un’ottica – si spera – più innovativa ed efficace per i professionisti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube