Business | Articoli

4 regole del successo secondo i creatori di YouTube, Chen, Karim e Hurley

19 Set 2013


4 regole del successo secondo i creatori di YouTube, Chen, Karim e Hurley

> Business Pubblicato il 19 Set 2013



Cercare sempre di accontentare gli utenti, sfruttare la viralità della rete e affidarsi a partner con cui si condivide il modo di lavorare.

Steve Chen, 36 anni, Jawed Karim, 34 anni e Chad Hurley, 36 anni, sono i co-fondatori di YouTube, il secondo portale più visitato al mondo. I loro patrimoni sono rispettivamente valutati in 326 milioni, 64 milioni e 345 milioni di dollari.

Tutto nasce da una festa sulla baia di San Francisco. Chad, Steve e Jawed si divertono, scattano foto e girano video che vorrebbero subito condividere con i loro amici in rete. Come fare? Facile: mettere tutto su YouTube. Peccato che all’epoca ancora non esistesse nulla di tutto ciò. Così i tre se lo inventano. Nasce il portale per la condivisione dei video che ha come motto “broadcast yourself” (trasmetti te stesso).

Il primo video che viene caricato sono 19 secondi girati davanti alla gabbia degli elefanti allo zoo di San Diego: è stato girato da Jawed.

Il principale problema per i tre geni dell’informatica divenne presto il copyright, che puntualmente leso sulla propria piattaforma. Le cause stavano rischiando di mettere in ginocchio il progetto finché non sono arrivati i primi accordi e la consapevolezza, da parte delle major, che era antistorico mettersi contro la condivisione in rete.

In un mese vengono caricati su YouTube più contenuti video di quelli realizzati dai tre maggiori network USA in 60 anni.

YouTube e Google hanno una comunione di vedute: mettere l’utente e i suoi bisogni al centro di tutto. Così YouYube diventa il secondo sito più visitato al mondo (dopo Facebook) e il punto di riferimento di chiunque voglia promuoversi o postare i propri video.

Le lezioni di Steve, Jawed e Chad

Ecco i quattro consigli per un business vincente lasciati da Chen Karim e Hurley al giornale Millionaire.

1. Trova un problema e offri la soluzione

I tre ragazzi sono partiti da un bisogno reale, al momento insoddisfatto. E hanno certato la soluzione più semplice e immediata.

2. Punta sul marketing virale

Pochi soldi per farti pubblicità? Lascia che a promuoverti sia la bontà del tuo servizio/prodotto. Online, la viralità farà la differenza.

3. Non temere la concorrenza. Battila

L’esistenza di concorrenti non deve intimidire, ma galvanizzare. Andando dritta per la sua strada, YouTube ha stracciato i competitor.

4. Affidati a partner con cui sei in sintonia

Dopo l’acquisto, così si è espresso Google su YouTube: “Le nostre società condividono gli stessi valori: mettere i nostri utenti al primo posto e impegnarci per migliorare le loro esperienze”.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI