Diritto e Fisco | Articoli

Telecamere sugli autobus: salvi i pettegolezzi

4 Marzo 2013
Telecamere sugli autobus: salvi i pettegolezzi

Si alle telecamere sugli autobus per filmare gli incidenti, a condizione però che non registrino l’audio con le conversazioni dei passeggeri.

Il Garante della Privacy ha appena autorizzato alcune società di trasporto pubblico all’installazione di telecamere sul parabrezza anteriore dei mezzi: serviranno per filmare la sede stradale e l’interno dell’abitacolo nei venti secondi anteriori e successivi ad eventuali incidenti stradali. Tale sistema servirà per agevolare la ricostruzione del sinistro, accertando eventuali responsabilità e garantendo la sicurezza degli utenti.

Il sistema, avverte il Garante, non dovrà riprendere il conducente né dovrà registrare le conversazioni che avvengono a bordo dell’autobus.

Inoltre dovranno essere posti dei cartelli all’interno degli autobus che avvisino gli utenti della presenza delle telecamere. Dovranno essere resi noti, ai dipendenti e ai conducenti dei mezzi pubblici, le modalità con cui verranno trattati e custoditi i dati personali.

Poiché nell’occhio della telecamera potrebbero finire tanto i passeggeri del mezzo quanto eventuali conducenti di autovetture che si trovino a passare sullo stesso tratto stradale, della presenza di tali sistemi di registrazione bisognerà dare un’informativa dettagliata alla collettività attraverso la pubblicazione sul sito web dell’azienda.

Le registrazioni dovranno essere integralmente cancellate entro due anni dalla ripresa: tale è infatti il termine massimo per chiedere, in giudizio, il risarcimento danni per eventuali sinistri stradali.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube