Business | Articoli

Segnalazione Centrale Rischi: come difendersi

25 Settembre 2017
Segnalazione Centrale Rischi: come difendersi

In caso di abusiva segnalazione in Centrale Rischi si può ricorrere all’Arbitro Bancario Finanziario o presso il Tribunale per la rettificazione della segnalazione ed il risarcimento dei danni


La Centrale Rischi costituita presso la Banca d’Italia è un vero e proprio archivio nel quale vengono inserite tutte le informazioni riguardanti i clienti. Precisamente, presso la Centrale Rischi vengono censiti tutti i dati riguardanti i rapporti tra le banche (ovvero gli intermediari finanziari) e la clientela. A differenza di quanto si possa credere, le informazioni consultabili presso la Centrale Rischi non sono solo negative. Banche ed intermediari finanziari, infatti, consultano la Centrale Rischi non solo per monitorare la posizione di rischio dei “cattivi pagatori“, ma anche per rinvenire potenziali clienti attraverso la valutazione del cosiddetto “merito creditizio”. Ciò posto, è evidente che i dati contenuti nella Centrale Rischi assumano una fondamentale importanza per chi intenda ottenere dei finanziamenti o per chi, come le imprese, necessiti di un costante ricorso al credito. Cosa fare, dunque, nel caso di abusiva o erronea segnalazione presso la Centrale Rischi? Vediamolo insieme.

Errata o abusiva segnalazione in Centrale dei Rischi

Una errata abusiva segnalazione in Centrale dei Rischi può comportare, specie per le imprese, un serio pregiudizio alla reputazione, nonché all’immagine del segnalato. Ma come difendersi ?

Ebbene, partiamo innanzitutto con il dire che in caso di errata o abusiva segnalazione in Centrale Rischi, sussiste indiscutibilmente la responsabilità della banca segnalante nei confronti del cliente danneggiato. Quanto al danno subito da colui che viene segnalato illegittimamente, in tali ipotesi viene a configurarsi quello che gli addetti ai lavori chiamano danno “in re ipsa”, vale a dire un danno immediato e contestuale alla stessa segnalazione, che legittima il danneggiato a pretendere il risarcimento senza dover dimostrare alcunché.

La segnalazione a sofferenza

Con particolare riferimento alla segnalazione a sofferenza è bene sapere che le banche e gli intermediari finanziari sono obbligati ad informare preventivamente e per iscritto il cliente la prima volta che lo segnalano a sofferenza. L’informativa deve specificare in maniera non equivoca l’imminente appostazione “a sofferenza” del credito e deve pervenire al cliente in tempo utile per consentirgli di assumere ogni determinazione necessaria ad evitare la segnalazione.

È importante, inoltre, sapere che il titolare di un conto corrente o di un finanziamento può essere segnalato alla Banca d’Italia come debitore “in sofferenza” solo in presenza di una situazione di impotenza finanziaria che non lasci presagire alcun margine di superamento e tale da porsi come lo stadio immediatamente anteriore alla situazione di fallimento. In pratica, si deve trattare di una condizione di difficoltà economica tale da rendere difficile la reversibilità della stessa. La temporanea crisi di liquidità del cliente, dunque, non legittima la banca ad effettuare la segnalazione di sofferenza: è necessaria una situazione di crisi economica grave assimilabile ad uno stato di insolvenza. Ciò in quanto, la segnalazione a sofferenza è particolarmente incisiva: ha come conseguenza diretta la revoca delle linee di credito da parte di altri istituti bancari e l’impossibilità di accedere al sistema del credito in generale. Inoltre, un’erronea segnalazione di sofferenza può danneggiare fortemente la reputazione e la dignità personale del soggetto interessato, incidendo negativamente sulle relazioni sociali e professionali.

È pertanto illegittimo il comportamento delle banche che, di fronte al mancato pagamento di qualche rata da parte del cliente, si allertino e facciano scattare la segnalazione “in sofferenza” alla Centrale Rischi della Banca d’Italia e in qualsiasi altra centrale privata.

Segnalazione sofferenza illegittima: come difendersi

Se la banca effettua la segnalazione “in sofferenza” del cliente anche in una situazione non grave e senza preventivamente preavvisarlo, si possono percorrere due strade.

Un primo ed efficace rimedio può essere quello di proporre ricorso all’Arbitro Bancario Finanziario. La domanda può riguardare la rettifica della segnalazione presso la Centrale Rischi e la richiesta di risarcimento  dei danni legati ad essa.
Ogni cliente può ricorrere all’Arbitrato la cui decisione pone alla banca l’obbligo di intervenire con celerità.

La seconda strada che si può percorrere è ancora più efficace, ma anche più costosa. In tali casi, infatti, si può proporre dinanzi  al Tribunale un’azione [1] finalizzata ad ottenere l’adozione di un provvedimento d’urgenza che condanni la banca o l’intermediario all’immediata rettifica dei dati in Centrale dei Rischi.


note

[1] Ai sensi dell’art. 700 Cod. Proc. Civ.

Autore immagine: Pixabay.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube