Diritto e Fisco | Articoli

Abolite le tariffe notarili: libera concorrenza anche per i notai

4 Marzo 2013
Abolite le tariffe notarili: libera concorrenza anche per i notai

Un altro colpo al corporativismo degli ordini: la Cassazione ha chiarito che anche per i notai, così come per tutti gli altri professionisti, si devono intendere abrogate le tariffe.

Addio tariffe notarili: con i recenti sviluppi legislativi [1] i notai devono considerarsi alla stregua di tutti gli altri liberi professionisti e, pertanto, non possono avere tariffe professionali prestabilite e obbligatorie per legge. È quanto ha da poco affermato la Cassazione [2] che ha escluso la vigenza dei minimi tariffari anche per l’attività notarile a seguito del cosiddetto Decreto Bersani.

In questo modo, ricorda la Suprema Corte, l’abrogazione delle tariffe mira a rafforzare la libertà di scelta del cittadino e a favorire assetti di mercato maggiormente concorrenziali. Ciò vale per tutte le professioni, nessuna esclusa.

La stessa Corte di Giustizia Europea, del resto, aveva chiarito che i notai esercitano la loro professione in regime di concorrenza [3].

Dunque, le tariffe dei notai non sono più inderogabili e ciascuno di essi potrà applicare il prezzo che più ritiene consono all’attività prestata. Peraltro, continua la Corte, i consigli notarili non possono pretendere, sul piano deontologico, che il compenso del notaio sia adeguato all’opera prestata e al decoro della professione, altrimenti verrebbe in tal modo reintrodotto il riferimento alla tariffa.

La Corte ammonisce la categoria dei notai, ricordando loro che la possibilità, d’ora innanzi, di pattuire compensi inferiori rispetto a quelli delle precedenti (e ora abrogate) tariffe non deve comunque tradursi in un pregiudizio per il cliente in termini di qualità del servizio offerto. In altre parole, se anche il prezzo cala, la qualità della prestazione deve rimanere sempre elevata.


note

[1] A seguito dell’entrata in vigore del DL 223/2006 (cd “Decreto Bersani”), convertito con L. 248/2006. In tale linea sono da leggere anche i successivi sviluppi normativi come il D.L. 1/2012, conv. con L. 27/2012.

[2] Cass. sent. n. 3715/2013 del 04.03.13.

[3] C. Giust. Ue sent. del 24.05.2001 causa C-50/08.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube